Lugano, dove il sole splende più a lungo

Il lago di Lugano visto dall'alto

Il clima è temperato e il lago di un blu intenso. La vita scorre con ritmi tranquili e ci si prende il tempo per scoprire ville, musei e parchi e per assaporare la gustosa gastronomia. Un’esplosione di colori. La scenografia del Canton Ticino in Svizzera  in questi mesi è costituita dall’abbraccio verde brillante delle montagnee dai limoni che fioriscono sul Lago di Lugano con camelie, azalee e rododendri. Un weekend fra questi panorami regala una nuova energia e la voglia di salire in vetta. Una ferrovia a cremagliera collega Capolago, sulle rive del lago, alla cima panoramica. Due funicolari scalano le montagne emblematiche di Lugano: il Monte San Salvatore, noto come il Pan di Zucchero di Lugano da lì, un bel sentiero in altitudine conduce al villaggio di Corona e fino a Morcote e il Monte Brè. E una funivia porta alla soleggiata località di Serpiano, da cui si può accedere al patrimonio mondiale dell’Unesco del Monte San Giorgio. La montagna è uno dei più importanti luoghi di scoperta di fossili di un antico mare subtropicale. Il Monte San Salvatore svetta maestoso nel cielo di Lugano e offre una panoramica a 360° sul lago Ceresio, sulla pianura lombarda e sulle catene delle Alpi svizzere e savoiarde.

Carona è un paese antico e pittoresco che vanta una schiera fittissimadi architetti, scultori, stuccatori e maestri scalpellini che hanno lasciato importanti testimonianze decorando chiese e abitazioni. Il paese è noto per il Parco naturalistico di San Grato , un gioiello naturalistico. Non solo natura, ma anche arte: Lugano è legata a doppio filo al Premio per la letteratura Hermann Hesse. Dal 1997 è attivo il Museo Hermann Hesse a Montagnola, nelle sale della Torre Camuzzi e vicino alla pittoresca casa Camuzzi, nella quale lo scrittore visse dal 1919 al 1931. A Montagnola, Hesse realizzò la gran parte dei suoi libri e iniziò a dipingere ispirandosi ai meravigliosi colori dei paesaggi del Ticino: una mostra permanente riproduce l’atmosfera in cui visse per oltre 40 anni.

Sempre dedicato agli amanti della natura, il “sentiero degli ulivi” ch si snoda da Castagnola o da Gandria attraverso gli antichi uliveti. 18 tavole offrono interessanti informazioni sulla pianta dell’ulivo: dalla sua storia alla lavorazione dei suoi frutti. Incantevole l’arrivo in battello da Lugano. Chi preferisce lo shopping ha una metta obbligata: via Nassa. Elegante, mondana e in pieno nucleo cittadino, l’atmosfera di questa strada rende lo shopping un vero divertimento.

Link utili: Turismo a Lugano

Testo di Graziella Leporati | Foto Ufficio Svizzera Turismo  RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.