Novità per la regione Rodano-Alpi

La regione francese del Rodano Alpi conta il maggior numero di musei in Francia, posizionata subito dopo l’ Île-de-France. Oltre duecento musei, in questa regione si tengono grandi eventi culturali, si trovano monumenti Patrimonio dell’Umanità UNESCO e tanti meraviglie architettoniche e naturali. Anche la gastronomia ha un ruolo fondamentale nello sviluppo turistico e culturale di questa parte di Francia. Lo chef-star Paul Bocuse nel 2015 festeggierà i 50 anni di 3 stelle Michelin.

La Festa delle Luci a Lione

Tra gli eventi futuri la città di Lione inaugurerà il prossimo 20 dicembre il Musée des Confluences, nell’omonimo quartiere di tendenza. St Etienne ospiterà invece, dal 12 marzo al 12 aprile 2015, la Biennale Internazionale del Design, che celebrerà peraltro i 50 anni dalla morte dell’architetto di mondiale Le Corbusier. E ancora la grotta preistorica di Pont D’Arc nell’Ardèche, fiore all’occhiello delle testimonianze di arte rupestre in Europa. Ma ancora i favolosi castelli della Loira, spesso trasformati in meastosi alberghi di charme, e i ristoranti stellati, come quello di Michel Troisgros a Roanne.

Non da ultima l’architettura. Il Monastero della Grande Chartreuse, regno di preghiera e meditazione fondato nell’anno Mille da San Bruno, ma anche luogo in cui nasce il celebre liquore Chartreuse. Chambéry, la più “italiana” delle città del Rodano Alpi, culla di casa Savoia, dai profondi legami con l’Italia e dal centro storico di grande ricchezza,con il mercatino di Natale, gli appuntamenti con l’antiquariato.

Insomma, una regione tutta da scoprire e particolarmente comoda da raggiungere col TGV che da Milano e Torino collega Lione e Chambéry. La Grande novitè è che dal 14 dicembre un treno al giorno arriverà nel centro di Lione e fermerà anche alla fermata di Rho Fiera, in occasione di Expo 2015.

Link utili: RendezVousFrance AtoutFranceRhonealpes Tourism

Foto Web| Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.