Pedemontana, fascino e gusto

03_Pedemontana

di Graziella Leporati

Il polmone del Veneto sotto il profilo del paesaggio, dell’enogastronomia, della storia, e dell’arte,  si espande lungo tutta la Pedemontana, ovvero quella parte del territorio compresa fra la pianura e la montagna che comprende parte delle province di Treviso, Vicenza e Verona.

Il territorio della Pedemontana stupisce per la molteplicità del paesaggio e per la presenza delle graziose cittadine d’arte che hanno conservato intatto il fascino di antichi borghi medievali, delle ville venete che  non hanno rivali nella storia dell’arte mondiale, delle colline dalla forma dolce e dei prodotti  tipici locali. Località piene di fascino e con una storia molto antica alle spalle  che  attirano il turista su tracciati e itinerari già percorsi da Celti e Romani di cui rimangono importanti testimonianze nei siti archeologici e nei musei. La Pedemontana Veneta si estende dai territori delle colline veronesi, con la Valpolicella, la Val d’Illasi e Soave fino a lambire i Monti Lessini, attraversa la parte Vicentina con i Colli Berici, la Valle dell’Agno e del Chiampo, Schio e la Val Leogra, Thiene e la Valle dell’Astico e del Posina fino alla vallata del Brenta con Bassano del Grappa e Marostica, continua poi in terra Trevigiana con Asolo e il Monte Grappa, Montebelluna e il Montello, Valdobbiadene fino a Vittorio Veneto e la  riva sinistra del fiume Piave.

01_Pedemontana
Crespignaga

Una fascia molto adatta alla vacanza attiva, dalla mountain bike al golf, fino al parapendio per i più avventurosi. Palcoscenico della Grande Guerra, di cui ancor oggi significative testimonianze, è una terra dai sapori eccellenti, con i tanti prodotti locali e nove Strade del Vino, tra splendide colline dove si annidano le migliori produzioni locali DOC e DOCG: dall’Amarone al Soave, dal Durello al Recioto di Gambellara, dal dolce Torcolato al Vespaiolo, fino al celebre Prosecco.

La Pedemontana Veronese si estende dalla Valpolicella, alla Val d’Illasi fino a Soave. Affascinanti  sono i borghi storici. Tappa obbligata è la splendida città murata di Soave con il Castello. Passeggiando tra le colline della Valpolicella c’è il borgo di San Pietro in Cariano, un piccolo gioiello con Villa Serego realizzata su disegno del Palladio e la pieve romanica di San Floriano. Le località di Sant’Ambrogio, con la sua pieve romanica di San Giorgio risalente al 712, e Marano immersa nei vigneti, danno un tono romantico e dolce al paesaggio di questa zona. Molto interessante, a Negrar, il Giardino Poiega della villa Guerrieri – Rizzardi che rappresenta uno dei più tipici esempi di giardino all’italiana, mentre Illasi, città del vino, conserva un bel castello tutto da vedere.

La Pedemontana Vicentina si trova ai piedi dell’Altopiano di Asiago e il territorio si articola  tra le colline e le vallate con una molteplicità di angoli  panoramici molto suggestivi. Nello splendido paesaggio che caratterizza l’area  sorgono numerose Ville Venete, come villa Godi Malinverni, prima opera del grande architetto Palladio, Villa Piovene di Lonedo di Lugo di Vicenza, Villa Capra di Sarcedo, Villa Giusti di Zugliano, Villa Capra Carretta di Carrè, Villa Cornaro a Romano d’Ezellino, Villa Da Schio Cita di Montecchio Precalcino e l’incantevole Castello Porto Colleoni Thiene nel centro storico di Thiene, Villa Cordellina con gli affreschi del Tiepolo a Montecchio Maggiore. All’interno delle ville si possono ammirare importanti cicli di affreschi del manierismo cinquecentesco veneto, da Zelotti al Fasolo.

02_Pedemontana
Panorama intorno a Verona

Da non dimenticare la passeggiata nei borghi storici della Pedemontana Vicentina come Bassano del Grappa, Schio, Thiene, Marostica, Montecchio Maggiore, Arzignano e Valdagno. La storia e la cultura del territorio si leggono anche nelle chiesette campestri e negli antichi oratori  come la chiesetta di San Giorgio di Velo D’Astico che conserva  un raro affresco risalente al Mille, la splendida chiesetta di San Biagio di Grumolo Pedemonte, la chiesetta di San Pietro di Montecchio Precalcino, la Chiesa di Sant’Agata a Cogollo del Cengio e quella dei Santi Felice e Fortunato a Fara Vicentino e i grandi luoghi di culto legati a miracoli ed apparizioni come la Grotta di Lourdes a Chiampo, la tomba di Santa Bakhita a Schio o il Santuario della Madonna dell’Olmo a Thiene. Tutta questa zona mantiene inalterata la propria identità culturale con rievocazioni storiche in costumi d’epoca come La partita a Scacchi di Marostica, Il giuramento di Bodo di Sarcedo, La ballata del Millenio a Bassano del Grappa il cui centro storico è di una bellezza incredibile. Importanti anche  le testimonianze della Grande Guerra custodite al museo di Fusine di Posina, nei percorsi culturali di Laghi, Caltrano, Lugo, Tonezza e Lusiana, nel grande sacrario del Monte Grappa. Inoltre il territorio  ha ispirato numerosi scrittori italiani e stranieri, da Luigi Meneghello, Antonio Fogazzaro, Guido Piovene, Mario Rigoni Stern a Hemingway e Brittain, che hanno raccontato la vita di tutti i giorni, la guerra che ha segnato quest’area in modo indelebile e la natura che li ha fatti innamorare.

Nel territorio della Pedemontana trevigiana, famoso in tutto il mondo per la produzione del radicchio rosso, e del Prosecco di Valdobbiadene, si può passeggiare nella foresta del Cansiglio o  visitare la splendida cittadina di Asolo, ricca di storia con un centro suggestivo e l’Antica Rocca, oltre ad essere stata profondamente amata da altre due grandi donne: l’attrice Eleonora Duse, la “Divina”, e la scrittrice ed esploratrice inglese Freya Stark. Entrambe abitarono ad Asolo ed entrambe sono sepolte nel Cimitero di S. Anna. A Montebelluna, centro produttivo di fama mondiale per scarpe e abbigliamento sportivo, gli amanti dello shopping possono trovare un centro pieno di vita dove fare ottimi acquisti. Vittorio Veneto invece sorprende con i deliziosi borghi romanici di Ceneda e Serravalle in cui si intrecciaano angoli caratteristici, piccoli ponti pieni di fascino campestre e splendidi palazzi storici. Da visitare anche il caratteristico borgo di Cison di Valmarino, con i suoi sentieri e il bellissimo Castello che domina dall’alto. Una volta all’anno, ad agosto, il borgo si anima con un mercatino di artigianato ricco di arte, gastronomia e produzioni artigianali di tutti i tipi. ? gl

FotoWeb | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Sfoglia il magazine – Vai alle info utili

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.