Goût de Good France, un viaggio tra profumi e sapori di Francia

di Beatrice Caldovino

Fino al 15 maggio sarà possibile visitare, presso l’Hotel Sofitel di Villa Borghese, la tappa romana (cui seguiranno quelle di Napoli, Firenze e Milano) della mostra fotografica Goût de France/Good France, promossa da Atout France Italia per celebrare l’eccellenza della cucina Francese. Tra tante bellezze e curiosità che la Francia offre ai milioni di turisti che la visitano ogni anno, infatti, il settore enogastronomico è indubbiamente una delle maggiori attrattive. Ecco perché Atout France propone questa affascinante mostra che ritrae il patrimonio culturale e paesaggistico abbinato alle specialità del gusto. Sedici fotografie di imperdibili destinazioni francesi, che spaziano da Mont Saint-Michel a Reims, passando per Bordeaux e Nantes, vengono accostate ad altrettante immagini dei migliori prodotti culinari locali. Un perfetto connubio – evidenziato dalla curatrice della mostra Donatella Luccatelli insieme ai fotografi Daniele Corsini, Andrea Ranzi e Veronica Santandrea che, unendo i propri stili e sensibilità, hanno interpretato luoghi e piatti – tra la cucina creativa dei grandi chef e quella tradizionale che, nonostante (o forse proprio grazie a) la sua semplicità, riesce sempre a soddisfare e sorprendere anche i palati più esigenti. ? bc

Link utili: AtoutFrance

Foto Web | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.