Las Palmas in 10 mosse

Era il 1492 e Cristoforo Colombo attraccava al piccolo porto di Las Palmas, diretto verso la scoperta del Nuovo Mondo. Cinquecentoquattro anni più tardi, nel 1996 il dipartimento di Climatologia della Syracuse University decretava che la città di Las Palmas della Canarie si aggiudicava il titolo di città col miglior clima del mondo. Il centro storico, conosciuto come Vegueta, è un susseguirsi di edifici coloniali e mercati che vendono papaye, frutti del cactus e banane. Tutto intorno si infrangono le onde dell’Atlantico, facendone una meta prediletta per il surf. Ecco come scoprirla in 10 mosse per un week end al Sole della Canarie (diversi voli collegano Las Palmas con le principali città italiane).

  • Si contende il primato di miglior spiaggia della Spagna insieme a la Concha di San Sebastiàn e la Barceloneta. Playa del las Canteras è davvero un gioiello tra le spiagge urbane.
  • Ammirate i surfisti di las Canteras dall’Auditorium Alfredo Kraus, qui potrete assistere a concerti rock, pop e jazz.
  • Godetevi un musical al Teatro Pérez Galdòs, un centro culturale dedicato all’omonimo intellettuale spagnolo.
  • Gustate dell’ottima frutta tropicale al Mercato de Vegueta, il più antico mercato dell’isola.
  • Viaggiate indietro nella Storia visitando la Casa de Colòn, per tornare ai tempi di Cristobàl e Colombo.
  • Non perdetevi la Catedral de Santa Ana, uno degli edifici più suggestivi della città.
  • Assistete alle celebrazioni della Semana Santa da Plaza Cairasco, uno dei luoghi più fotogenici di Las Palmas.
  • Visitate il bellissimo Palacete Rodriguez Quegles, appena a sinistra della Plaza Cairasco.
  • Sorseggiate un caffè al Quiosco San Telmo, esempio di Art Decò di Las Palmas.
  • Prendete un autobus e recatevi a El Obelisco.

Foto WEB|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.