Oktoberfest 2015: dove dormire e cosa vedere

Dal 19 settembre al 4 ottobre, Monaco di Baviera celebra l’Oktoberfest, evento che ogni anno attira circa sei milioni di turisti. Lo sanno bene gli albergatori tedeschi, e ne approfittano facendo lievitare i prezzi delle camere con aumenti fino al 95% rispetto alla media annuale. E così proprio per i prezzi vertiginosi, si parla di 290 euro a notte per gli alberghi del centro, molti turisti sono costretti a rinunciare a malincuore alla fiera più grande del mondo. Ma ci pensa TripAdvisor a dimostrare che è possibile godere dell’atmosfera gioiosa dell’Oktoberfest senza particolari sacrifici economici. Il segreto è allontanarsi dal centro cittadino: soggiornando a 15-20 minuti da Theresienwiese, il parco che ospita gli stand della festa, si spende la metà.

Il risparmio diventa di circa 160 euro se si è disposti a percorrere una trentina di chilometri per raggiungere Monaco. Gli hotel distanti dal centro sono alternative da valutare, non solo perché i trasporti sono un valido esempio dell’organizzazione e dell’efficienza dei servizi in Germania, ma anche perché consentono di scoprire le meraviglie della Baviera. Un esempio? Scegliendo di pernottare a Freising, avrete l’occasione di visitare il birrificio più antico del mondo. Non dimenticate però che l’Oktoberfest si svolge a Monaco, dunque allontanatevi dai bierzelte, i tradizionali tendoni della birra, e girate per la principale città della Germania meridionale.

Il cuore del Centro Storico è  Marienplatz, su cui si affacciano il Vecchio e il Nuovo Municipio, i simboli di Monaco. Inoltre approfittate delle ultime belle giornate prima del freddo per ammirare il Giardino Inglese, che con quasi 4 km² è il parco cittadino più grande d’Europa. Autentica testimonianza della storia monarchica tedesca è il Residenz, il palazzo reale della dinastia Wittelsbach di Baviera; al suo interno, gli affreschi della “Galleria degli Antenati” vi lasceranno senza fiato. Infine riservate del tempo, preferibilmente tanto, anche al Deutsches Museum, vero e proprio tempio della scienza e della tecnica, che nelle sue oltre 300 sale ospita pietre miliari dell’evoluzione e del progresso come i primi motori Diesel, le prime automobili Benz e il pendolo di Foucault.

di Giorgia Gariboldi | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.