Alla guida nel mondo, le 20 norme più bizzarre dei codici della strada

Australia_animal_warning

Prima di avventurarsi in un viaggio on the road bisognerebbe avere ben chiaro cosa possiamo e cosa non possiamo fare. È necessario informarsi, ma farlo si rivelerà divertente perchè i codici della strada contengono obblighi e divieti molto curiosi. Ecco una lista delle 20 regole più strane nel mondo

1 In Austria, nelle aree urbane con limiti di velocità di 10 km/h, la polizia stradale riesce a stabilire ad occhio nudo e senza servirsi della tecnologia se un veicolo sta superando il limite.

2 In Danimarca prima di mettersi alla guida bisogna assicurarsi che sotto il proprio veicolo non si nascondano corpi di persone o animali (vivi o morti che siano).

3 In Minnesota è possibile trasportare un gorilla in auto ma solo sul sedile anteriore. Facendo accomodare l’animale sul sedile posteriore rischieremmo una multa.

4 In Pennsylvania la legge impone di fermarsi ogni chilometro e mezzo sulle strade di campagna, azionare i fari e aspettare dieci minuti per permettere agli animali di liberare la strada.

5 In Croazia e Repubblica Ceca è vietato trasportare taniche di benzina in auto. È invece obbligatorio avere in macchina un set di lampadine di ricambio.

6 A Memphis e a New Orleans un’antica legge prevede che un uomo con una bandiera rossa cammini davanti alle donne alla guida per segnalarle.

7  Negli Emirati Arabi i cammelli godono della precedenza su tutti i veicoli, indipendentemente dal tipo di strada. In Sud Africa la legge impone che “il conducente di un veicolo su una strada pubblica debba fermarsi alla richiesta di un pastore, di un mandriano o di chiunque conduca bovini, cavalli, asini, muli, pecore, capre, maiali e struzzi”.

8 In Alabama è vietato guidare bendati. Stupisce che ci sia stato bisogno di una legge per specificarlo.

9 In Cina i non residenti, dunque tutti i turisti, devono effettuare esami teorici per dimostrare di conoscere il codice della strada locale e ottenere così un permesso di guida.

10 In Alaska è illegale legare un cane al tetto della propria auto.

11 In Italia invece i cani devono indossare le cinture di sicurezza, mentre in Germania bisogna assicurarsi che gli animali non scivolino all’interno del veicolo.

12 In Florida chiunque voglia far sostare il proprio elefante in un parcheggio deve pagare la sosta come una normale automobile.

13 In Islanda, metà dell’isola è accessibile solo ai veicoli con quattro ruote motrici ed è caldamente consigliata un’assicurazione contro i danni provocati dalle eruzioni vulcaniche e dal vento.

14 In Tennessee e California è vietato sparare agli animali dalla propria auto, con l’eccezione delle balene, contro le quali è possibile azionare la propria arma da fuoco.

15 In Inghilterra è possibile sostare fuori dalle stazioni di sosta e di servizio ma solo se si rimane appoggiati al proprio veicolo.

16 In Russia il codice della strada dichiara illegale la guida di auto sporche. I parametri per stabilire la sporcizia del proprio veicolo non sono specificati.

17 Partendo dal presupposto che l’auto sia uno spazio privato, in Germania è consentito guidare nudi. Ma attenzione: sebbene sia possibile condurre il veicolo scalzi, in caso di incidente l’assicurazione potrebbe rifiutarsi di coprire il sinistro.

18 In California è legale saltare da un veicolo in movimento all’altro solo se i veicoli in questione non superano i 105 km/h.

19 Nel Kentucky le donne possono guidare in costume da bagno. Per farlo, devono essere accompagnate da due uomini della polizia o portare con sé uno strumento di difesa personale.

20 A Cipro alzare la mano dentro la propria auto è punibile con una multa di 25 euro. La legge infatti prevede che un guidatore possa essere multato se assume “una posizione irregolare all’interno del proprio veicolo o stacca la mano dal volante senza motivo”.

Giorgia Gariboldi| Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.