Acqua Speed: scivoli ad acqua rinfrescano le città italiane

Acqua SpeedL’afa cittadina sta estenuando ormai anche chi il caldo lo tollera. La soluzione al problema? Acqua Speed, gli scivoli d’acqua tornano nei centri storici di diverse città d’Italia per combattere il caldo tra materassini, ciambelle e chi più ne ha più ne metta.

Almeno 30 le date previste in tutto il paese in cui, nel bel mezzo dei centri città, compariranno enormi scivoli ad acqua di 50 metri da cui lanciarsi e darsi una bella rinfrescata. Un modo alternativo per visitare il centro cittadino e sicuramente avere un’ottima visuale dall’alto.

Acqua Speed arriva in Italia nel 2014 dopo aver fatto impazzire diverse città in tutto il mondo, tra cui New York, San Francisco e Bristol. Visto il successo all’estero, il team di Urban River, start up nata dalla passione per l’acqua di quattro ragazzi (Diego, Alessandro, Francesco e Cristiano), sta lavorando alla promozione del progetto e confezionare così un’estate più fresca per tutti, anche per coloro che rimangono in città.

[alert color=”EF9011″ icon=”9998″]LEGGI ANCHE: Parchi divertimento Italia: i migliori nel 2016[/alert]

Tre al momento gli appuntamenti confermati: 29, 30 e 31 luglio a Monte Compatri (Castelli Romani), che ospita l’appuntamento per il terzo anno di seguito, 4 e 5 agosto a Bellizzi (Salerno) e 6 e 7 agosto ad Avigliano Umbro (Terni), in coincidenza con la Notte Bianca. Il calendario è in continuo aggiornamento e presto si aggiungeranno altre date “rinfrescanti”.

Una manifestazione che porta avanti con convinzione l’idea di diventare l’evento estivo acquatico per eccellenza in Italia. “Ci abbiamo creduto tanto e ci crediamo ogni giorno di più”, dice Diego Cicala, fondatore di Urban River, assieme ai suoi soci.

Pronti, ai posti, via. Si scivola!

di Ilaria De Pasqua |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.