La Milano di Paolo Valera

Paolo ValeraPersonaggio forse unico nella storia ‘minore’ – ma non per questo meno affascinante – della Milano fine Ottocento, primi del Novecento, Paolo Valera. Un cronista impavido che ha scandagliato in profondità il mondo dei ladri, dei borsaioli, delle prostitute, dei lenoni che prosperavano in quella che si avviava a diventare una metropoli; ma anche il mondo dei ricchi e dei corrotti, dei burocrati e persino quello della ‘Giustizia’ non propriamente ‘cristallina’: poliziotti, avvocati, magistrati. Sapeva scoprire e descrivere, spesso con accenti e sentimenti dello scrittore di razza, gli aspetti meno noti delle tante vite sotterranee che brulicavano nella città, arrivando alla fine a testimoniare col suo libro più famoso (‘Milano sconosciuta’, pubblicato per la prima volta nell’anno 1879) il periodo storico di transizione fra l’epoca ‘romantica’ e quella moderna e internazionale del capoluogo lombardo. Valera è sempre stato socialista; ha militato nel partito assieme a Mussolini, prima che questi scegliesse altre vie. Fra i molti collaboratori del celeberrimo ‘foglio’ da lui creato (‘La Folla’, 1901-1915) figura anche il futuro Duce.
Poco prima della morte Valera incontra Mussolini in occasione di un ricevimento offerto dai giornalisti lombardi al trionfatore della marcia su Roma. Vedutolo, il Duce l’apostrofa: ‘ci sei anche tu ‘Follaiolo’. Che fai di bello?’ E Valera, acido: ‘aspetto che tu mi faccia fucilare’. Non muore fucilato, ma di un semplice malore nell’aprile del 1926, tentato sino all’ultimo di mettere alla berlina la burocrazia dello stato sabaudo, la questura, i poliziotti, i sciuri, le prostitute e i dirigenti dell’ospedale che l’ospita. Fedele sino in fondo al proprio istintivo, incorreggibile cliché.

[alert color=”EF9011″ icon=”9998″]LEGGI ANCHE: Le ‘Case Museo’ degli scrittori famosi[/alert]

Per meglio approfondire gli aspetti meno noti, più pericolosi – dei quali si parlava sottovoce perché facevano ‘scandalo’ – Valera si infila nei locali più malfamati delle zone frequentate dalla ‘teppaglia’ del Tivoli, della Vetra, del Bottonuto. Avvicina le prostitute (le mine, crappe, sguanguàn, scàje); i lenoni (gimàcch, rochèta); i bulli e i gradassi (lócch, balord, biscèla, balòss). Frequenta le case chiuse, numerosissime e per tutte le borse, a quei tempi (casòtt, ciabòtt) gestite da sordide tenutarie (metrèss, dalla voce francese maitresse) ruffiane e megere rotte ad ogni compromesso morale pur di far soldi.
Le esperienze che ne derivano sono uniche, sconvolgenti. La cosiddetta gente perbene viene a conoscenza di un mondo noto per ‘sentito dire’ e ne resta avvinta, impaurita. Questa è la ‘cruda’ descrizione del Valera sulle case di tolleranza: ‘la verginità non si svergina in queste case malfamate. Le primizie si consumano altrove. Quello che avviene è mestiere. La cortigiana è sulla piattaforma legale. Chi entra sceglie. È donna prezzolata. È in vendita a prezzo fisso. L’edificio di Via Porlezza è affollato di odalische, di baiadere, di meretrici che hanno fatto carriera’. Altre ‘case’, più a buon mercato, ugualmente ‘investigate’, sono quelle di Via Pattari, Santa Radegonda, Via Soncino Merati, Via Passerella, Via Visconti, Via Armorari…

Paolo Valera indaga anche il mondo dei  locali, dei luoghi di ristoro (si fa per dire, data la scarsa pulizia del tempo). Ecco come li descrive: ‘alcune di queste locande sono addirittura pidocchiai. La gente vi si gratta. C’è da morire dagli spasmi. Il prurito non dà tregua. La truppa vi si condensa. Si sente che i pidocchi camminano sulla pelle. Passano dagli uni agli altri. Quelli di ieri sera corrono su quelli di stasera. Vi formicolano. È cosa indecente in una città di seicento e più mila persone’. Tra le seicento locande che contava Milano nel 1874, quella del Berrini era la più famigerata; annota Paolo Valera: ‘sui giacigli merdosi del Berrini è passata la generazione della malavita di mezzo secolo’. L’indagine del Valera si completa con la descrizione di un altro luogo di dolore e di miseria: quello che dava ricovero notturno ai perseguitati e ai vigilati speciali. Queste le parole del cronista: ‘sono diversi stanzoni. lunghi, alti. Il più straziante è quello dei colpiti dalla morte civile. Frotte pigiate, in piedi, che si ritrovano ogni sera a confabulare sulle loro miserie. Non c’è risurrezione per loro. I vigilati speciali non si liberano dalla sentenza neanche se si cavassero la pelle come San Bartolomeo’.

del ‘Columnist’ Federico Formignani |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.