Philadelphia Mural Arts Program

La culla degli Usa, galleria a cielo aperto

Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto di Lucio Rossi
Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto © Lucio Rossi

Quattromila. Tanti sono i murales che popolano il paesaggio urbano di Philadelphia. Incredibile, vero? Anche perché si tratta quasi sempre di opere gigantesche e di qualità artistica sopraffina. Ma dietro a tali numeri c’è un segreto, uno dei segreti più belli della città.

Philadelphia, Pennsylvania, United States of America, North America
Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto  © Lucio Rossi

Era infatti il 1984 quando prese vita un programma di reindirizzamento della creatività disordinata e vandalica dei graffitari verso forme spontanee ma gestite di attività artistica. Era l’Anti Graffiti Network, destinato a diventare nel 1996 l’attuale Mural Arts Program che coinvolge centinaia di persone afflitte da disagio sociale, ex carcerati in cerca di riscatto, disabili.

Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto © Lucio Rossi.
Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto © Lucio Rossi.

In 30 anni di attività, grazie anche alla verve della fondatrice Jane Golden, sono stati messi in campo una media di 100 progetti all’anno con 150 artisti coinvolti e con costi coperti in gran parte da donazioni private.

Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto © Lucio Rossi.
Philadelphia, Pennsylvania, murales. Foto © Lucio Rossi.

Assolutamente da non perdere, quindi, uno dei tour tematici guidati in bus, in segway o a piedi. Saranno un paio di ore ottimamente spese che potranno anche portarvi a contatto con artisti all’opera. L’ottima segnaletica per le vie della città permette anche tour individuali.

Scaricate Philadelphia Smart Guide GRATUITAMENTE da:

apple_store_long_150    o    google_play_logo

Link utili: Philadelphia Convention & Visitors Bureau

Testo di Marco Berchi, foto di Lucio Rossi |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.