Da Spalato sulla via (nostalgica) del ritorno. Giorno 7.

Croazia- Spalato- Veduta dalla nave
Croazia- Spalato- Veduta dalla nave

La Vision of the Seas attracca a due passi dal centro di Spalato e dal porto è già visibile la torre campanaria che è un po’ il simbolo della città. La parte più  antica è racchiusa nel perimetro del Palazzo di Diocleziano, un quadrato di circa 200m. di lato circondato da mura e torri. Il grande imperatore dalmata scelse questo “luogo più bello al mondo” per ritirarsi a vita privata dopo aver abdicato nel 305 dC. Nel corso dei secoli il palazzo è diventato una città con inserimenti  del periodo romanico, gotico e rinascimentale veneziano creando un intreccio di stili che riserva una sorpresa ad ogni svolta di viuzza. Fuori le mura sono sorti in seguito molti palazzi signorili e costruzioni di pregio. Lungo il lato occidentale del palazzo si apre il colonnato di Piazza della Repubblica, ispirata a S. Marco di Venezia, dove ogni anno si tiene il Festival della Canzone dalmata.

Croazia- Spalato- Piazza della Repubblica-Particolare
Croazia- Spalato- Piazza della Repubblica-Particolare

Il sole sta calando ed è tempo di raggiungere la nave. Questo è l’ultimo check-in e già si nota che l’atmosfera è particolare. In cabina sono già pronte le istruzioni dettagliate per lo sbarco di domani a Venezia e questa sera c’è attesa per la Parata delle Nazioni. In tutta la settimana non si era mai vista al Centrum una presenza così folta: tutti vogliono salutare i rappresentanti del personale di bordo che sfilano con la bandiera del proprio paese a suon di musica e balli.

Gli applausi si sprecano per quest’ultimo “grazie” . Ciao, good bye, adios, au-revoir? Chissà….

Testo e foto di Gisella Motta|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

spalato2690

Croazia- Spalato- Veduta dalla torre campanaria
Croazia- Spalato- Veduta dalla torre campanaria

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.