Trentino i mercatini di Natale si accendono a novembre

mercatini_trento_credits_marco_simonini

I tradizionali mercatini di Natale trentini sono al nastro di partenza. Luci e sapori, storia e profumi riempiono l’aria del centro storico  di Pergine in Valsugana già a partire dal 12 novembre, senza tralasciare Riva del Garda  dove nella Rocca è possibile fin d’ora visitare la “Casa di Babbo Natale” e la  grande novità di quest’anno è il Mercatino del Gusto. La settimana successiva (19 novembre) una novantina di casette  a Trento, cominceranno ad esporre  il meglio delle eccellenze enogastronomiche ed artigianali del territorio nelle due sedi di Piazza Fiera e di Piazza Cesare Battisti. Sostenibilità ambientale è la parola chiave dell’edizione 2016, grazie ad una serie di iniziative green che spaziano dall’uso dei piatti di pane all’utilizzo di energia interamente prodotta da fonte rinnovabile. Nella stessa data in Piana rotaliana, a Mezzocorona, la nobile cornice di Palazzo Martini si trasformerà nella Casa di Babbo Natale, popolata da elfi e folletti, mentre in Valsugana appuntamento, dal 19 novembre al 6 gennaio, con i mercatini di Levico Terme, allestiti nel suggestivo Parco secolare degli Asburgo. Un vero e proprio tuffo nel passato, caratterizzato anche dalla presenza della corte imperiale e di figuranti rigorosamente in costume. E ad Arco appuntamento già il 18 novembre con una quarantina di casette allestite nelle piazze del centro che offriranno la possibilità di sbizzarrirsi negli acquisti: dai presepi alle caldissime pantofole in lana cotta, passando per le eccellenze enogastronomiche.

Poi si passa al 25 novembre con i mercatini del “Natale fra i popoli” a Rovereto, progetto che coniuga le atmosfere della festa, da sempre sinonimo di incontro, con l’attenzione per i mondi lontani e i temi meno scontati, saranno protagonisti dal 25 novembre al 6 gennaio. Proporranno l’artigianato di Betlemme e della Bielorussia, i prodotti tipici trentini e i dolci ungheresi, gli oggetti di tendenza dei giovani creativi e le idee regalo bio.

Dal 26 novembre a Canale di Tenno, con le bancarelle che invitano  alla scoperta dei prodotti dell’artigianato locale e delle ricette della tradizione come la carne salada in abbinamento ai fagioli. Rimanendo nell’esclusivo club dei “Borghi più belli d’Italia”, anche l’abitato di Rango, nelle Giudicarie, ospiterà dal 26 novembre al 27 dicembre le casette nei suoi portici e androni.  Da non perdere la proposta di Siror, in Primiero: a novembre (nella giornata del 27) e poi a dicembre (4, 8, 9, 10, 11, 11 e 18) quaranta gli espositori che sorprenderanno i visitatori con decorazioni, presepi e golosità, fra le quali il tipico Brazedel. Un caleidoscopio di musiche, colori, profumi e sapori, ma senza dimenticare il passato e il mistero dettato dalla presenza di alcune “streghe”: si annuncia così il mercatino di Cimego, dal 3 dicembre all’8 gennaio in Valle del Chiese. A Miola di Pinè, in Val di Cembra, nell’ambito del “Paès dei presepi” dall’8 dicembre all’8 gennaio si potranno scoprire le bancarelle che impreziosiranno il centro storico e che metteranno in vetrina prodotti enogastronomici e dell’artigianato. Cavalese, e l’intera Val di Fiemme, dal 2 dicembre all’8 gennaio sarà riscaldata da un suggestivo mercatino a lume di candela, allestito nel giardino del Palazzo della Magnifica Comunità: le casette inviteranno a curiosare fra pantofole di lana, creazioni artistiche, creme cosmetiche naturali, sciroppi e molto altro. Info: www.visittrentino.it

Testo  di Graziella Leporati.  Foto Marco Simonini |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

 

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.