Costa Rica in viaggio nella pura vida. Giorno 2 nel Sarapiqui.

Costa Rica, San Josè, ©photo Eugenio Bersani Latitudes
Costa Rica, San Josè, ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Mi sveglio in mezzo alle palme di San Josè con uno stupendo arcobaleno partorito dal centro città. Si parte subito verso il nord del paese: destinazione Sarapiqui luogo di foreste nebulose, cascate e natura selvaggia.

Costa Rica ©photo Eugenio Bersani Latitudes
Costa Rica ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Al Selva Verde un  ampio lodge immerso nella riserva pluviale a ridosso del fiume Sarapiqui,  fotografo  3 tucani attirati dalle esche messe su un tavolino per la gioia dei turisti e dei fotografi. Incontro Alessio di Como che è in giro con la sua fidanzata e una Nikon per fotografare piccole rane rosse che sono solo qui. Me ne fa vedere una sullo schermo della digitale, ma non mi dice dove l’ha fotografata: segreti da  fotoclub. Ci spostiamo verso la riva del Sarapiqui che in lingua indios significa giustappunto terra di fiume.

Costa Rica ©photo Eugenio Bersani Latitudes
Costa Rica River Float Tour   sul fiume Sarapiqui. ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Qui ci aspettano i ragazzi del River Float Tour che è un modo  furbo per non dirci che ci scaraventano giù per il fiume con un canotto azzurro in balia di onde arrabbiate e minacciose. In realtà è troppo divertente e del tutto sicuro grazie alla perizia del capitano: uno spasso da non perdere fra gridolii e onde da tsunami. Pensavo di  subire qualche piccolo spruzzetto, ma con i miei compagni di avventura scendiamo dal canotto completamente fradici.

Costa Rica ©photo Eugenio Bersani Latitudes
Costa Rica ©photo Eugenio Bersani Latitudes

Stanotte dormiamo al glamping (glamourous camping) del Pozo Azul, campo tendato di lusso in mezzo alla foresta pluviale con sottofondo di uccelli, animali notturni e rumori primordiali.

Testo e foto di Eugenio Bersani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com con Vuela e Air France

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.