Shopping di Natale. Dove comprare questo weekend

 

Il weekend prima di Natale è all’insegna dello shopping, si sa. Ecco qualche dritta da cogliere per l’ultima affannata corsa al regalo. La rotta è segnata da mercatini alternativi, boutique gourmet, librerie originali e outlet village. Da Nord a Sud, tutti i posti dove trovare l’idea giusta per ogni destinatario.

Milano fuori dal Quadrilatero: etica, gourmet e hi tech

Per chi: gastronauti. Cosa comprare: dalle paste artigianali, alle marmellate, ai rosoli, alle tavolette di cioccolato da meditazione. E tè come se piovesse. Dove: le drogherie di Milano sono un metamondo e meriterebbero un discorso a parte. Detto in poche parole, le cosiddette fondeghee, sono il posto giusto dove fare acquisti particolari, a ritmi slow, nella città meneghina. E per tutte le tasche. L’indirizzo di cui prendere nota è quello della Drogheria Soana, in Corso Magenta 1. Rari distillati, miele biologico, le migliori qualità di caffè e saponi incartati in confezioni vintage campeggiano sulle vetrinette in legno della storica Drogheria de Ponti in via Plinio 17, che ha anche uno store on line.

de-ponti-vetrina-storica

Per chi: affetti da bibliofilia, appassionati di graphic novel e anche per i bambini. Cosa comprare: le opere editoriali dell’eclettico artista e maestro Bruno Munari, tutte da collezionare. Dove: in via Savona 17/5 invece spuntano più di cento idee di libri. Precisamente 121+. Oltre all’ampio catalogo di tutti i libri Corraini, una scelta vasta tra libri di design, architettura, arte, fotografia, moda, illustrazione, grafica, cucina, nazionale e internazionale. E poi libri per bambini e piccoli e originali oggetti di design. L’allestimento della libreria è d’autore ed è in vendita.

lib-121

Per chi: design addict e tipi coolCosa comprare: arredi, complementi, utensili, piccoli elettrodomestici, biancheria e fior di oggetti impensabili. Dove: Hi Tech e Cargo, stessa catena ma due indirizzi ; il primo, in centro – P.zza XXV Aprile – il secondo un po’ più defilato ma dagli spazi decisamente più ampi. un tempo si produceva Ovomaltina, oggi gli 11 mila metri quadri di Via Privata A. Meucci 43  sono ad alto tasso di stile.

cargo Milano

Per chi: attivisti e critical fashionist. Cosa comprare: prodotti alimentari biologici, libri, abbigliamento, accessori, articoli per la casa, idee regalo, prodotti cosmetici solidaliDove: per gli acquisti solidali il punto di riferimento è il Banco di Garabombo, il tendone del Commercio Equo e Solidale, in via Pagano 1, organizzato dalla cooperativa Chico Mendes Altromercato, Radio Popolare e la coop.va Librerie in Piazza. Tanti prodotti alimentari del commercio equo, biologici, di filiera corta oltre a quelli fatti in carcere, di cooperative sociali italiane e coltivati su terreni confiscati alle mafie.

Roma, per templi dello shopping
Per chi: fashion addict. Cosa comprare: abbigliamento, accessori, occhiali, borse, scarpe, cosmetici firmati a prezzi scontati.Dove: per chi non ne vuole sapere di andare in centro, la cittadella dello shopping di Castel Romano Designer Outlet, (Via Ponte di Piscina Cupa 64,  Castel Romano, Roma) è il posto giusto. Oltre 100 negozi monomarca e multimarca, con una grandissima scelta di articoli delle migliori firme. Dal centro della Capitale è possibile raggiungere Castel Romano con la navetta, ma se vi recate in auto e vi rimane del tempo, si potrebbe improvvisare anche un tour dei Castelli.

mercatomonti
Per chi: hipster, radical chic. Cosa comprare: accessori vintage, gioielli e abbigliamento hand made. Dove: è il mercato di tendenza segnalato anche dal New York Times: MercatoMonti è un vero e proprio urban market,uno spazio espositivo e di ricerca dove sfilano giovani talenti e ne promuove i progetti creativi. In questi anni MercatoMonti ha scovato centinaia di artigiani, designer, stilisti, innovatori del Made in Italy. MercatoMonti si tiene ogni sabato e domenica da settembre a giugno all’interno della sala conferenze del Grand Hotel Palatino. Orario dalle 10 alle 20, sabato e domenica. Via Leonina 46, Rione Monti.

Cagliari, nell’isola maestra
Per chi: tradizionalisti. Cosa comprare: tessuti, cestini, sculture in legno, prodotti tipici di aziende locali.

isola cagliari

Dove: Isola è  un punto vendita dove tutto l’anno, in via Ottone Bacaredda, 178, Cagliari,  è possibile acquistare artigianato artistico di alta qualità da mettere sotto l’albero. Nel polo fieristico del capoluogo, invece, si tiene la tradizionale, ormai, Fiera di Natale, giunta alla 35 esima edizione, dove fare incetta di prodotti enogastronomici in un percorso di assaggi e degustazioni, nel quale trovano spazio anche aziende agricole e alimentari che da anni si impegnano nella produzione a chilometri zero.

Lecce balocchi e barocchi
Per chi: creativi, eclettici e glocal. Cosa comprare: cesti letterari, bottiglie di vino made in Puglia, cd di musica popolare, un libro fotografico sul Salento, gioielli di duttile alluminio.

liberrima

Dove: All’ombra del barocco della Firenze del Sud, la tappa è obbligata: la Libreria Liberrima – Corte dei Cicala 1, Lecce – abita un palazzo incantevole di pietra ricamata, in pieno centro storico. Si confezionano veri cesti letterari, ispirati alla tradizione ma con accenti cosmopoliti, dove i vini si abbinano ai libri, si pasteggia con taralli artigianali e si accompagnano con tracce musicali ricercate. Una vera e propria cassetta degli attrezzi, made in Sud, da arricchire a proprio piacimento. Gli amanti dell’arte e del design non possono invece farsi mancare la visita all’Art Gallery di Tonda Design, in via Palmieri 20, Lecce dove sfilano le creazioni di artisti locali che trovano nelle radici la loro ragion d’essere. Gioielli, ceramiche, complementi d’arredo evocano il legame col territorio, che diventa lifestyle.

di Francesca Calò Foto pagina Facebook MercatoMonti| Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.