Keukenhof, mosaico di fiori. Omaggio a Piet Mondrian

Park 19

La chiamano tulipanomania. “Patologia” diffusa in quelli di Olanda, che ritorna, puntuale, a ogni inizio primavera. Palcoscenico privilegiato è il Keukenhof, il parco storico di Lisse che riapre il 23 marzo.

La febbre da tulipano affonda le sue radici nel passato: nel XVII secolo gli olandesi più ricchi investivano molto in bulbi, tanto che a metà del 17° secolo i tulipani erano ormai così popolari da creare la prima bolla economica, nota come bolla dei tulipani: i fiori divennero così cari da essere utilizzarti come moneta di scambio, fino all’inevitabile crollo dell’intero mercato. Oggi il tulipano è il simbolo d’Olanda e Keukenhof è uno dei luoghi più emblematici dei Paesi Bassi.

Creato nel 1857 da Zocher, la più grande esposizione di fiori da bulbo al mondo, che l’anno scorso ha accolto più di un milione di visitatori,  manterrà le porte aperte fino al 21 maggio. 500 i floricoltori che contribuiranno alla scenografica fioritura di milioni di tulipani, narcisi, giacinti ed altri fiori da bulbo, cimentandosi nel tema del Design Olandese, leitmotiv del 2017. Magnus opus sarà un grande mosaico raffigurante un dipinto di Piet Mondrian che misura 250 metri quadrati, per la cui realizzazione sono stati utilizzati ben 80.000 bulbi di tulipano, muscari e crocus. Molti gli eventi in calendario spalmati durante i due mesi di apertura. Il fine settimana del 31 Marzo, 1 e 2 Aprile  sarà dedicato alle antiche  tradizioni olandesi, con i mercati di formaggio e le esibizioni di figuranti in costume. L’11 Aprile sarà la giornata dedicata alla benedizione dei fiori e partenza dell’omaggio floreale del Keukenhof destinato a San Pietro a Roma, mentre il weekend dal 19 al 23 aprile sarà all’insegna della  Parata dei Fiori.

GUARDA GALLERY con le immagini in anteprima del parco in fiore.

Link utili

www.holland.com

www.keukenhof.nl

 

Testo di Francesca Calò |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.