Spiagge del Centroamerica ancora inesplorate. La top ten

 

Roatan_Honduras_spiaggia
Una spiaggia di Roatan in Honduras ©Lucio Rossi/Latitudes

Fra le meraviglie del pianeta Terra rientrano a buon diritto gli incantevoli scenari, gli scorci particolari e i panorami dai colori unici delle spiagge incontaminate  e ancora inesplorate del Centroamerica.  Gli utenti di Tripadvisor ne hanno selezionate dieci definendole le migliori sia sotto il profilo del landascape, sia per quanto riguarda lo snorkeling e, naturalmente, per crogiolarsi al sole. Al primo posto si classifica West Bay Beach sull’Isola di Roatan, in Honduras,  ma sul podio  in seconda e terza posiziona si piazza il Costa Rica  con la spiaggia di Manuel Antonio e con Nosara Beach. Ma in classifica ci sono anche le spiagge di Red Frog Beach nell’arcipelago di Bocas del Toro, a Panamà e Playa Las Peñitas, in Nicaragua.

Le coste del Centroamerica sono bagnate da due oceani, Atlantico e Pacifico, e questo fa sì che offrano spiagge e mari molto differenti tra loro. Nella baia nicaraguense di San Juan del Sur, si trova il Rifugio della Vita Silvestre La Flor, una spiaggia protetta e incontaminata e uno dei pochi luoghi dove la tartaruga Olivacea depone le uova. La sua ampia spiaggia di sabbia fine è solitaria e ampia, ideale per una vacanza relax. Anche le spiagge del Salvador sono molto versatili e per ogni tipo di turistica: quella di Los Cobanos ha una barriera corallina di 157 chilometri di lunghezza, la più grande del Pacifico settentrionale, con una sabbia quasi bianca.

Guanaja è una delle tre isole dell’arcipelago della Bahia, in Honduras, insieme a Roatan e Utila. Non si trova facilmente nelle guide di viaggio perché la maggior parte del suo territorio e delle sue acque sono riserve biologiche. Guanaja è divisa in due isole, la più piccola si chiama Bonnacca Cay e qui si trova la maggior parte della popolazione locale e le istituzioni locali, mentre la Isla Grande è praticamente selvaggia e deserta, con un panorama di foreste verdissime, cascate e spiagge da favola. Guanaja diventerà la prima isola caraibica a ospitare un progetto di energia ecologica, con pannelli solari.

Panama c’è una spiaggia fantastica che si può raggiungere soltanto in bicicletta, si chiama Boca del Drago, dove si trovano simpatici ristoranti locali dove gustare una gran varietà di piatti caraibici a base di pesce appena pescato, riso e cocco. Da qui partono le escursioni per arrivare alla più famosa Spiaggia Estrella (Stella).

Una delle spiagge più famose in Costa Rica si chiama Tamarindo, ed è anche una delle più belle del Paese, circondata da mangrovie e ideale per una immersione reale nella biodiversità. Ideale per praticare surf, frequentata da atleti di tutto il mondo che si allenano anche sulle altre spiagge vicine, come Playa Avellanas, Playa Langosta e Playa Grande.

E il Guatemala non è da meno in fatto di spiagge ancora poco conosciute. Tra queste c’è Playa Blanca, che si trova nel dipartimento di Izabal, raggiungibile soltanto in barca, e totalmente selvaggia perché qui è proibito costruire hotel o ristoranti. L’acqua trasparente e l’assenza di banchi corallini, consente di passeggiare anche a oltre 60 metri dalla costa, con l’acqua che al massimo bagna i piedi.

Il Belize poi è il piccolo tesoro dei Caraibi, un’opportunità immensa per chi cerca la spiaggia dei sogni in Belize: oltre 200 isole oltre alla parte costiera che si estende per 386 chilometri. E poi acqua azzurra e trasparente, ideale per praticare sport acquatici come immersione, kayak o semplicemente rilassarsi. La maggior parte delle aree sono protette e di conseguenza c’è poco sviluppo urbanistico per approfittare al massimo della bellezza della natura. Tra le località assolutamente da visitare, Placencia, piccolo villaggio di pescatori con interminabili spiagge di sabbia bianca, circondate da una selva color smeraldo.

Un’attrazione unica per i subacquei è il Blue Hole, un atollo che si trova a 100 chilometri dalla costa, la cui formazione risale all’era glaciale quando il livello del mare si alzò e le grotte si riempirono di acqua. Misura 300 metri di larghezza e 123 metri di profondità. Dal’altro sembra un occhio blu con il bordo turchese. I primi ad esplorarlo furono il documentarista dei mari Jacques Cousteau e l’equipaggio della sua nave, la Calypso. Immergersi qui è uno spettacolo unico per la varietà di specie di pesci, coralli e spugne.

Per maggiori informazioni: www.visitcentroamerica.com

Testo di Graziella Leporati |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

 

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.