L’Ogliastra: meta perfetta per una vacanza in Sardegna

vacanze al mare in sardegna

Vacanze in Sardegna, in Ogliastra paradiso dei vip

Da quando si è scoperto che è la terra dei centenari, l’Ogliastra è diventata la destinazione prediletta di molti vip. Sono parecchie infatti le celebrities internazionali che ultimamente scelgono le acque limpide dell’Ogliastra come meta delle loro vacanze in Sardegna. Gli ultimi avvistamenti di vip watching sulla costa centro-orientale dell’isola segnalano Johnny Depp, Sharon Stone, Jack Nicholson e pure Steven Spielberg. Del resto, come dare loro torto, questa parte della Sardegna offre molte varietà di paesaggi e altrettante attività che riescono ad accontentare differenti ideali di vacanza.

Mare sì, ma non solo

Chi va in vacanza in Sardegna cerca il mare pulito. In Ogliastra trova spiagge bianche, bagnate da acque trasparenti come cristallo. Se poi si ama fare anche trekking, la zona offre un’infinità di itinerari molto interessanti, dai sentieri che attraversano l’entroterra e si inerpicano tra le rocce del Gennargentu ai percorsi che solcano la costa dall’alto delle falesie bianchissime prima di degradare fino al mare. Imperdibili per chi predilige la vacanza in stile Indiana Jones, le escursioni ai siti delle civiltà nuragiche e prenuragiche dove si possono ammirare le affascinanti tracce del passato, mentre il benessere e il relax per il corpo e per la mente sono assicurati dai tanti resort di lusso dotati di templi del wellness. Il tutto condito da una cucina prelibata, quella stessa che nutre da sempre i centenari, che unisce i prodotti locali della terra ai frutti del mare.

5 esperienze da vivere in Ogliastra

  1. Tuffarsi nel blu. Chi va in vacanza in Sardegna quando arriva in Ogliastra vede un mare che credeva esistesse solo ai Caraibi. Invece il golfo di Orosei è uno spettacolo ancora più incantevole perché offre un’impressionante tavolozza di colori. Questa mezzaluna incorniciata dalle montagne del Gennargentu che precipitano in mare con scogliere scenografiche è punteggiata di piccole insenature dove si nascondono spiagge bianche come il talco, accarezzate da acque turchesi e orlate da boschi di pini ed eucalipti. Le spiagge più solitarie sono quelle che si possono raggiungere sia percorrendo a piedi i sentieri che profumano di macchia mediterranea, sia via mare offrendo un’ottima occasione anche per visitare le grotte che si aprono nella scogliera tra una baia e l’altra.
  2. Percorrere il Grand Canyon. Attraversare un canyon, non uno qualsiasi ma il Grand Canyon d’Europa: questa è una delle tante sorprese che riserva una vacanza in Sardegna. La gola Su Gorroppu è uno dei tesori naturali dell’Ogliastra e merita una visita, perché è un luogo magico, magnetico e spettacolare a cui nessuna descrizione può rendere giustizia. Camminare in questa gola fiancheggiata da pareti di roccia calcarea alte fino a 400 metri e disseminata di massi, grossi macigni fino ad arrivare alla sua bocca è un’esperienza emozionante, sembra di essere stati catapultati su chissà quale altro pianeta lontano nell’universo.
  3. Sentirsi Indiana Jones. Tra i must see di una vacanza in Sardegna non può mancare Tiscali, una delle principali meraviglie del Supramonte, il complesso montuoso dell’Ogliastra. Per raggiungere Tiscali si entra nella valle di Lanaittu, con un paesaggio incantevole di grotte e pareti calcaree, disseminato di tracce archeologiche e cespugli di macchia mediterranea sorvolati da rapaci. Un paio d’ore di cammino conducono al mondo di Tiscali che si apre in una dolina carsica scavata nella montagna che sovrasta la valle. Una volta varcato l’accesso ci si ritrova all’interno del monte, tra le rovine del magico villaggio nuragico di Tiscali.
  4. Farsi incantare da misteri irrisolti. L’altopiano del Golgo è un incantevole sito naturalistico con qualche sorpresa. Il modo più comodo e piacevole per visitarlo è prendere il Trenino Supramonte che si arrampica sull’altopiano percorrendo gli stretti tornanti affacciati su panorami mozzafiato. Il trenino fa tappa alla famosa voragine di Su Sterru, profonda 280 metri. Per arrivare a quest’inquietante inghiottitoio avvolto da leggende macabre, come quella che narra di fanciulle gettate in pasto a un orribile serpente che viveva al suo interno, si percorre un sentiero insieme a capre, asinelli e mucche che qui vivono liberi. Ma il Golgo è un museo a cielo aperto, con tanti siti misteriosi, come per esempio As Piscinas dove l’acqua si accumula su un piano di roccia basaltica formando dei laghetti che pare venissero usati ai tempi nuragici sia per lavorare i metalli che per culti magici, oppure la meravigliosa faccia litica, una gigantesca maschera scavata nella roccia al termine di uno scalone di ginepro, la costruzione tipica dei pastori realizzata per raggiungere anche gli angoli più impervi del del Supramonte.
  5. Allungare la vita a tavola. Che quest’isola sia un paradiso è visibile a occhio nudo, ma che sia anche la terra dei centenari è diventato un dato scientifico. Dna, microclima e dieta sono i tre fattori che secondo gli studiosi hanno determinato questo record mondiale: i centenari sardi sono il triplo di quelli dei Paesi Occidentali. Una vacanza in Sardegna è quindi l’occasione perfetta per assaggiare le prelibatezze a chilometro zero: dal pane carasau ai piatti a base di pane come la zuppa gallurese e il pane frattau, dai formaggi locali ricci di bacilli con ruoli probiotici importantissimi, ai vini come il bianco vermentino e il rosso cannonau, con i loro antiossidanti naturali. E che dire della pasta? Impossibile rinunciare agli appetitosi malloreddus conditi con pomodoro e salsiccia o ai delicati ravioli al formaggio. L’importante è fermarsi in un agriturismo che offra i propri prodotti. Perché il kilometro zero è il vero segreto dell’elisir di lunga vita.

A cura della Redazione | Riproduzione Riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.