Settimana Santa in Sicilia, riti e feste

madonna_vasa_vasa_modica

Momento in cui rivivono antiche tradizioni, la Settimana Santa e la festa di Pasqua in Sicilia vengono celebrate con riti di grande impatto.

Tra le processioni del Venerdì Santo spicca quella del Cristo Nero di Caltanissetta: un piccolo crocifisso ligneo del XV secolo, oggetto di grande venerazione da parte dei nisseni che gli hanno dato il titolo di Signore della città. La processione è accompagnata dai “ladanti”: un gruppo di uomini scalzi, vestiti di una tunica viola, che cantano in un antico dialetto la triste vicenda della morte di Cristo sulla Croce. Oggi un gruppo di devoti volontari, in passato i ladranti erano soltanto i “fogliamari”: i poverissimi raccoglitori di verdure selvatiche che si tramandavano oralmente questa antica tradizione.

A Modica in provincia di Ragusa, il giorno più caratteristico dei festeggiamenti è proprio la domenica di Pasqua: il simulacro della Madonna ancora in lutto è portato in processione in corso Umberto, la via principale della città. Qui avviene l’incontro con la statua del Cristo risorto: a questo punto viene sciolto il manto nero della Madonna e si liberano in volo colombe bianche. Il rito, che risale al ‘600 e ha origini spagnole, è noto con il nome di Madonna Vasa-Vasa perché, nel momento centrale (in piazza S. Domenico), le due statue si avvicinano per un bacio.

Anche a Butera (CL), dopo la messa solenne di mezzogiorno, avviene un simile incontro tra le processioni che partono dalla Chiesa Madre e dalla Madonna delle Grazie. La sera, dopo la “Via Lucis” tra le strade cittadine, le celebrazioni si concludono con uno spettacolo pirotecnico.

Per vivere questi eventi suggestivi  si può soggiornare al Sikania Resort di Marina di Butera (CL) sikaniaresort.edenhotels.it

Testo di Stefania Bortolotti |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.