Senegal vacanze amate dagli italiani

Barche da pesca sulla spiaggia

Il Senegal continua ad attirare il turismo italiano per le sue bellezze naturali, per lo spirito artistico dei suoi abitanti, per la musica, l’artigianato, le spiagge orlate da palme e per quello che la sua capitale, Dakar, richiama alla mente. È anche il Paese più occidentale del continente africano, quasi completamente pianeggiante, e dal clima è caldo e tropicale. La zona nord-orientale confina con il Sahel (Mauritania e Mali), mentre la parte meridionale è coperta dalla foresta tropicale sempreverde con maestosi baobab, considerati gli alberi nazionali.

Il Baobab è l’albero nazionale del Senegal

Il Paese è attraversato da due fiumi principali: il Senegal a nord, che segna il confine con la Mauritania, e il Casamance a sud, a cui la regione deve il nome nonché l’eccezionale fertilità. È un’area importante per gli uccelli migratori, soprattutto quelli acquatici, che ogni inverno vi fanno ritorno in gran numero dall’Europa, sostando nel Parc National aux Oiseaux du Djoudj, una delle più importanti riserve di avifauna del mondo, a nord di Saint-Louis.

Una meta turistica imperdibile è il Lago Rosa  dove alla fine dell’anno, si tiene il Festival de Danses Traditionnelles et de Percussions, con musiche ancestrali rivisitate. In novembre e dicembre si svolgono anche le Régates de Rufisque, con gare di piroghe riccamente decorate e un contorno di musiche e danze.

Per far conoscere maggiormente il Paese africano agli italiani, il Senegal, col nuovo direttore generale Bamba Mbow, ha rafforzato la promozione turistica sulla nostra penisola con strategie e campagne tese a rafforzare la conoscenza degli usi e costumi.

In Italia  il punto di riferimento resta l’inossidabile Francesco Martino che ha già fatto molto in questi anni per far conoscere il Senegal al punto che l’Italia è diventato il secondo mercato.

Per informazioni visitate il sito del Ministero del Turismo

Testo di Graziella Leporati |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.