È caldo il trend degli italiani per questo capodanno

Le vacanze natalizie sono sempre state un periodo ideale da dedicare ai viaggi. Il Centro Studi Veratour ha segnalato un aumento delle prenotazioni del 10%. Uno dei trend principali è quello di andare all’estero per Capodanno. Tuttavia, alle più classiche vacanze sugli sci e in montagna, è stato evidenziato che la tendenza degli italiani è piuttosto quella di cercare mete balneari e soprattutto al caldo.

In cerca di un po’ d’estate anche in pieno inverno, molti italiani hanno infatti deciso di trascorrere quest’anno il Capodanno ai tropici. Le destinazioni più gettonate si trovano soprattutto nell’Oceano Indiano, superando anche i Caraibi, si tratta nello specifico di Zanzibar, Kenya, Mauritius e Maldive.

In molti hanno scelto come destinazione il meno noto Oman e segnali incoraggianti arrivano finalmente anche dal Mar Rosso, che vede finalmente netti segnali di ripresa. L’aumento delle prenotazioni riguarda in particolare i villaggi a Marsa Alam e Sharm el Sheik che ritornano ad acquistare la fiducia dei viaggiatori.

Agli italiani piace dunque prendersi una pausa dal freddo inverno per rigenerarsi e rilassarsi per una settimana al mare e al caldo in una di queste mete. Un momento per dimenticare le preoccupazioni di tutti i giorni, ritrovare il benessere e prepararsi per il nuovo anno.

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.