Costa Azzurra a misura di italiani. Parola di Frederic Meyer

Frederic Meyer, direttore dell’Ente del Turismo francese in Italia, ci parla delle novità della prossima stagione che riserva la Costa Azzurra, con particolare attenzione al mercato italiano.

Come è andata la stagione turistica della Costa Azzurra rispetto al mercato italiano?

Quest’anno è stato un anno positivo per la Costa Azzurra con una ripresa degli italiani nella primavera/estate 2017, da giugno in poi +13% dei pernottamenti, in generale +19% tra soggiorni in Hotel e Residence

Quali sono le novità della destinazione per il 2018 che meritano di essere annoverate?

Da quest’anno un’attenzione particolare per i giardini della Costa Azzurra e la valorizzazione del marchio Cote d’Azur France e per il 2018 la Costa Azzurra come destinazione Golf, visto che ospiterà la Francia la Ryder Cup a settembre 2018 e la Costa Azzurra diventerà imperdibile per scoprire i 30 percorsi, dal Royal Mougins a Terre Blanche passando attraverso Old Course Cannes Mandelieu. C’è poi un considerevole rinnovamento delle strutture alberghiere e apriranno nuovi alberghi, di cui vi terremo informati.

Tra le novità più interessanti Idee di soggiorno su misura con Pass Cote d’Azur Card, che offre una serie di proposte gratuite nelle Alpi Marittime e nel Var: musei imperdibili, attività per tutta la famiglia, un programma che si declina fra mare e montagna

Quali sono gli eventi che porteranno la Costa Azzurra sotto le luci della ribalta nella scena internazionale? 

Il Carnevale di Nizza è un evento importante per la Costa Azzurra in febbraio 2018.

Quest’anno avrà come tema “il Re dello Spazio”, è uno dei più importanti carnevali al mondo che ha saputo conservare la sua anima popolare con corsi carnevaleschi, sfilate di una ventina di carri, battaglie dei fiori con il lancio di fiori freschi, compagnie di teatro di strada provenienti da tutto il mondo.

Una settimana dedicata alle Spa della Costa Azzurra per scoprire gli itinerari benessere nel mese di marzo.

E naturalmente la Costa Azzurra come destinazione golf

Sono previste aperture di nuovi hotel o ristrutturazioni?

Ci saranno importanti interventi di restyling per i Palaces della Croisette- Cannes, l’Hotel de Paris a Monaco, il Mas de Pierre a St. Paul de Vence, il Cap d’Antibes Beach Hotel, il Garden Beach Hotel ad Antibes Juan-les-Pins, il villaggio del Club Med di Opio con Le Creactive By Cirque du Soleil (attività dedicate al circo).

E numerose attività a Nizza, gruppo Happy Culture, Hotel Palais Saleya e a Cagne sur mer un nuovo hotel firmato da Wilmotte (4 stelle).

Negli ultimi anni, l’investimento medio nelle Alpi Marittime per il settore alberghiero si è elevato a 100 milioni di euro all’anno.

Il mercato delle crociere che importanza ha per la Costa Azzurra?

È un mercato importante con scali a Cannes, a Monaco e a Saint-Tropez delle varie compagnie di navigazione, Costa Crociere, MSC…

La vicinanza della Costa Azzurra attrae un turismo di prossimità quindi dal Nord Italia.

 I collegamenti aerei dal resto dell’Italia sono soddisfacenti?

La Costa Azzurra è attraente per il mercato del Nord Italia, con 35 voli nel periodo invernale e 69 voli nel periodo estivo.

Il 95% dei voli partono a metà giornata dal Sud Italia e da Roma i voli partono a tutte le ore, da notare anche una partenza da Venezia. Da Milano esiste un collegamento con il treno Thello.

Quale è l’attrattiva dei musei della Costa Azzurra? È prevista qualche nuova apertura?

Da segnalare il Museo di Arti Classiche a Mougins che raggruppa in un solo luogo l’arte antica, neoclassica, moderna e contemporanea.

Da visitare la mostra Matisse al museo di Vence fino al 31 dicembre, una mostra sui fiori al museo Fragonard di Grasse, nuova esposizione al Museo Cocteau a partire dal 2 dicembre

La curiosità verso la tradizione e la cultura locale è una costante delle preferenze gastronomiche degli italiani. Come si pone la Costa Azzurra verso questi temi?

La gastronomia è importante per la Costa Azzurra. Nizza seleziona dei ristoranti con marchio Cucina nizzarda che utilizzano prodotti locali (come la Socca a Nizza) e poi seleziona nuovi ristoranti vegetariani, vegani e che utilizzano prodotti biologici. Da segnalare inoltre la presenza di grandi chef stellati Michelin, da Antibes, Cannes e in tutta la Costa Azzurra.

Chiudiamo dicendo perché gli italiani devono andare in Costa Azzurra

  1. In estate, come in inverno, è possibile frequentare la Costa Azzurra per il clima mite
  2. Tappa fondamentale per i musei e per la cultura
  3. Il mare e possibilità di praticare le attività sportive
  4. Arte contemporanea
  5. La gastronomia su tutta la Costa Azzurra

GUARDA LA PHOTOGALLERY COSTA AZZURRA

Info su

Atout France

Cote d’Azur France

Intervista raccolta da Lanfranco Bonisolli, foto di Eugenio Bersani |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.