Il mondo da giù a su. I paesi più alti e più bassi al mondo

Ci sono alcuni posti che sono talmente alti che danno l’impressione di poter sfiorare il cielo con un dito, altri sono invece così bassi da sprofondare quasi sotto il livello del mare. The Telegraph propone una lista dei luoghi più alti e bassi del mondo.

Con un’altitudine media di 3280 metri, il Bhutan è il paese più alto del mondo. Non è tuttavia di certo il luogo più accessibile dato che raggiungerlo è costoso, difficile e un po’ spaventoso. Ci sono infatti solo cinque paesi che hanno voli diretti per il Bhutan e l’aeroporto di Paro è uno dei più complicati dove atterrare, solo pochi piloti hanno il certificato per farlo. Tuttavia una volta arrivati gli incantevoli paesaggi montani, i monasteri arroccati e lo stile di vita tranquillo e quasi immutato nei secoli , ripaga il lungo viaggio dei turisti che arrivano.

Gli altri paesi che hanno un’altitudine media sopra i 2.000 metri sono Nepal, Tagikistan, Kirghizistan e Lesotho. Per quanto riguarda l’Europa è l’Andorra a detenere il record come paese con l’altitudine media più alta, pari a 1.996 metri. Mentre l’Antartide è il continente più alto di tutti, con i suoi 2.300 metri medi di altitudine.

Dall’altra parte ci sono invece paesi che delle montagne non vedono nemmeno l’ombra. Tra questi si trova in primis le Maldive. Queste isole presentano infatti un dislivello medio di 1,8 metri sopra il livello del mare. La loro altitudine è talmente bassa che si pensa che il cambiamento climatico potrebbe addirittura causare il loro sprofondamento sotto il mare entro la fine del secolo.  Alcuni degli altri paesi più bassi del mondo sono il Qatar, i Paesi Bassi, la Gambia e la Danimarca. In generale invece l’elevazione media di tutta la massa continentale del pianeta è di 840 metri sopra il livello del mare.

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.