Camargue, orgoglio gitano

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

Accorrono da tutta Europa per celebrare la loro Santa, Sara la Nera. Gitani, nomadi e zingari si danno appuntamento qui, a maggio, nell’accogliente Camargue, per celebrare il loro essere pacifici cittadini del mondo. Testo e foto di Daniele Bellucci www.festivalnelmondo.com

I cavalieri si dispongono in fila in attesa dell’arrivo della statua di Santa Sara in mare, nella processione del Festival di Gitans a Saintes-Maries-de-la-Mer, in Provenza, Francia. ©foto di Daniele Bellucci

Saintes-Marie-de-la-Mer è una cittadina delle Camargue che si affaccia sul Mediterraneo praticamente immersa nel delta del Rodano. Pur vantando origini romane ed esibendo una gradevolezza estetica  costituita da un tappeto coerente di casette bianche _ per lo più abitazioni dei pescatori locali _ contrappuntato da alcuni monumenti di un certo rilievo, per la maggior parte dell’anno viene trascurata a favore di città e siti turistici ben più prestigiosi dell’area basso provenzale come Arles, Nimes, Avignone, Aigues Mortes, o soltanto utilizzata come punto di appoggio per la visita della celeberrima oasi naturalistica di Pont de Gau, che ospita una delle più numerose coloniedi fenicotteri rosa in Europa.

Una donna religiosa accende una candela nella cripta della chiesa di Saintes Maries prima della parata per le strade di Saintes-Maries-de-la-Mer in Provenza, durante il Festival dei Gitani. ©foto di Daniele Bellucci

Ma il 24 e il 25 maggio di ogni anno diventa il centro di attrazione per i gitani di tutto il mondo, che si riversano in questa località con ogni mezzo (camper, roulotte, carrozze, auto scassate) per venerare la loro patrona, Santa Sara la Nera, la cui statua e le reliquie sono conservate all’interno della cattedrale romanica di Notre-Dame-de-la-Mer. La leggenda narra che durante i primi anni dell’impero romano approdassero in questo luogo, fuggite dalle persecuzioni in Palestina, le “Marie del Mare”, Maria Maddalena, Maria Iosè e Maria Salomé, insieme alla loro serva Sara la Nera (un’altra leggenda racconta che Sara le accogliesse sul posto). Non si conosce l’origine di questa servitrice né il motivo per cui fu scelta come Santa Patrona (non riconosciuta dalla Chiesa) dalle comunità dei Manouches, Coradores, Sinti e Rom di tutto il mondo; fatto sta che ogni anno migliaia di gitani partono dalle loro case o accampamenti percorrendo centinaia di chilometri per onorare la loro patrona in questa piccola località balneare raggiungendola anche numerosi giorni prima del 24 maggio, data in cui inizia la prima processione della Santa (seguita da un’altra l’indomani dedicata alle “Marie del Mare”).

©foto di Daniele Bellucci

La cerimonia inizia dall’apertura mattutina della cattedrale nella cui cripta i gitani vanno a pregare la Santa addobbando la sua statua (che verrà più tardi portata in processione) con vestiti e gioielli. In questa fase i gitani si dividono tra coloro che partecipano alla Messa seguente e quelli che si affollano dentro e fuori i locali a  bere, suonare, cantare e ballare in mezzo in un turbinio di melodie e ritmi disparati, ma di matrice rigorosamente gitana. Terminata la cerimonia ci si prepara per la processione: in attesa dell’uscita dalla chiesa della statua di Santa Sara, la gente si riversa sull’antistante Place des Gitans e riempie i lati delle strade teatro della processione fin sulla riva del mare dove questa raggiungerà il suo momento culminante. Contemporaneamente si predispongono in posizione i“Gardians”, i butteri del luogo in sella ai tipici cavalli bianchi che guideranno il corteo fino in acqua, e i figuranti del posto,tra cui spiccano le “arlesiane”, con sgargianti vestiti che sembrano usciti da un quadro di Renoir , che precederanno anch’essi  la statua portata a braccia da devoti gitani con vescovi e preti al seguito, a scandire come un mantra una preghiera in onore di Sara.

Una ragazza balla con la musica di un chitarrista nel mare, mentre la processione di Santa Sara sta tornando sulla riva durante il Festival delle Gitane a Saintes-Maries-de-la-Mer. ©foto di Daniele Bellucci

La processione, al termine del suo tortuoso percorso cittadino,vivrà il suo clou nell’entrata in mare, dove i cavalieri attenderanno, volto rivolto alla spiaggia, l’arrivo della Santa che qui vedrà compiersi il suo rito di purificazione, bagnata da una gitana, liberandosi così dell’energia negativa accumulata durante l’anno dalle richieste dei fedeli, prima di venire riportata, mondata, dentro Notre-Dame-de-la-Mer. Finita l’apoteosi del rito, non termina la festa: turisti e gitani si ritirano lentamente sul lungomare, asciugandosi alla meglio. Ma poi torneranno nelle piazzette e nei locali del centro di Saintes-Marie-de-la-Mer e si scateneranno di nuovo in bevute, balli, canti, mischiandosi gli uni con gli altri, perché la festa è di tutti.

Testo e foto di Daniele Bellucci www.festivalnelmondo.com | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Sfoglia il Magazine con l’articolo

Informazioni: Ente nazionale Francese per il turismo

Come arrivare:

In auto: Per arrivare in Camargue dall’Italia si deve percorrere l’autostrada dei fiori fino a Ventimiglia, poi proseguire verso Nizza, Aix-en-Provence, Arles, e di qui a Saintes Maries de la Mer. In aereo: Voli di linea Air France dai principali aeroporti italiani su Marsiglia e Montpellier .Quando andare – Clima: primavera ed estate sono le stagioni più adatte; gli inverni sono miti.

Dove dormireMas de la Fouque Route du Petit Rhône, 13460 Saintes-Maries-de-la-Mer, resort di lusso con spa in un parco di 5 ettari. inserito in un contesto di alto valore naturale, ristorante con cucina creativa.

Dove mangiare: Ristorante L’OLIVIER ; Avenue Frédéric Mistral 37, 13460 Saintes-Maries-de-la-Mer; tel. . Cucina Provenzale.

Ristorante LES JARDINS DES DÉLICES  (Pesce – frutti di mare)  Rue Théodore Aubanel 36, 13460 Saintes-Maries-de-la-Mer , tel. +33.4.90979183. Cucina di pesce.

Fuso orario: uguale all’Italia

Documenti: carta d’identità per i residenti nella UE

Vaccini:nessuno

Lingua e religione: Francese; religione cattolica

Valuta:euro

Elettricità: 220w

Abbigliamento: è consigliabile portare un capo impermeabile dato che anche nella bella stagione ci può essere vento. Da non dimenticare un repellente contro le zanzare.

Linkutili:

www.parc-camargue.fr

www.saintesmaries.com/it/

Sfoglia il Magazine con l’articolo

Europa

SIPA, il mondo oltre l’obiettivo

SIPA, il mondo oltre l’obiettivo

Siena International Photo Award. Abuna Yemata ©foto di Carl Avery Un viaggio inedito, attraverso lo sguardo dei grandi fotografi protagonisti della terza edizione del SIPA Siena International Photo Awards Festival 2017. [...]

RICEVI GRATIS LA RIVISTA
Compila questo modulo per ricevere tutti i mesi gratuitamente la nostra rivista Latitudes direttamente nella tua email.
Latitudes App
Sfoglia la nostra rivista ovunque tu sia
Latitudes App
Sfoglia la nostra rivista ovunque tu sia