La Costiera Amalfitana con gli occhi dei registi

Il fascino della Costiera amalfitana è tale da aver ispirato decine di registi e sceneggiatori, che ne hanno portato sulla pellicola e sugli schermi tutta la magia.

L’unica cosa che tutti questi film non sono riusciti a far provare allo spettatore sono i profumi intensi della costiera, ma il loro potere evocativo ne ha suggerito certamente lo charme, invitandoli a visitarla. Ecco una carrellata dei film più conosciuti fra i tanti girati in Costiera.

 Roberto Rossellini definiva la Costiera amalfitana “I posti dove si è stati bene e che si ama”. Infatti la sceglierà per diverse pellicole: nel 1946 “Paisà”, con Federico Fellini e Anna Magnani; due anni dopo è a Maiori, Atrani e Amalfi ne “Il miracolo”, interpretato da Anna Magnani. Proseguono i pellegrinaggi negli anni ’50, con due pellicole: nel 1952 “La macchina ammazzacattivi” immortala una Amalfi vera e un po’ grottesca, molto diversa da quella turistica e patinata di oggi; un anno dopo “Viaggio in Italia” fu girato a Maiori ed interpretato da Ingrid Bergman (è il film durante il quale scatterà l’amore con Rossellini).

Grande annata di star in Costiera il 1953: anche Humphrey Bogart e Gina Lollobrigida misero in subbuglio quei luoghi, girando a Ravello “Il tesoro dell’Africa”, in cui si possono ammirare Villa Rufolo e Villa Cimbrone. Nello stesso anno Totò girò a Cetara “L’uomo la bestia e la virtù”, tratta dalla commedia omonima di Pirandello. Insieme a Totò, Orson Welles e Viviane Romance.

Il genere commedia romantica degli anni ’90 ha un suo classico in “Amore a prima vista”, che vede i protagonisti Robert Downey Jr e Marisa Tomei non solo a Venezia, in Toscana e a Roma, ma anche a Positano. Gli anni ’90 vedono a Positano e ad Amalfi anche una commedia italiana: “A spasso nel tempo”, in cui Christian De Sica rievoca la figura del padre Vittorio nel film “Pane, amore e fantasia” girato nel ’55 a Sorrento con Sofia Loren.

E sempre a Positano sono state girate scene di “Sotto il sole della Toscana”, nel 2003. A completare il fascino dei luoghi, il ruolo di bell’italiano di cui si innamora la protagonista americana è affidato a un affascinante Raoul Bova. Negli ultimi anni è stato girato “Le seduttrici”, un remake del 2004 di un classico di Oscar Wilde. Non mancano quindi le battute salaci, su matrimonio e amore, ma ciò che attira l’attenzione è anche la bellezza della Costiera amalfitana negli anni ’30, epoca in cui si svolge il film con Helen Hunt e Scarlett Johansson.

Contemporaneamente, la Costiera fu “galeotta” fra Brad Pitt e Angelina Jolie, che si innamorarono sul set di “Mr e Mrs Smith”, girato anche ad Amalfi e Ravello. Uno dei set fu l’Hotel Santa Caterina, grazie alla sua incredibile terrazza panoramica. Nel 2009 anche il cinema giapponese arrivò in Costiera, per girare il film “Amalfi, la ricompensa della dea”, fra Positano e Ravello. Nell’ultimo film di Alessandro Siani, la commedia “Si accettano miracoli”, alcune scene sono state girate tra Ravello, Atrani, Furore e Conca dei Marini.

Lo scorso anno anche una fiction Rai ha scelto come location Amalfi e l’Hotel Santa Caterina: in “È arrivata la felicità” i protagonisti Claudia Pandolfi e Claudio Santamaria girano delle scene nella hall dell’albergo e in Piazza Duomo e infine si baciano sul molo della Darsena. Insomma, il cinema in Costiera e all’Hotel Santa Caterina sono di casa: innumerevoli star e VIP hanno scelto questi luoghi e l’albergo per le loro vacanze o per la luna di miele.

Testo di Stefania Bortolotti | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.