I cammini da percorrere una volta nella vita

Nonostante il pellegrinaggio venga sempre associato alla religione, oggi chi compie un viaggio a piedi spesso lo fa anche per altri motivi. Che sia per rigenerarsi, fare un’esperienza di viaggio lenta e differente, sfuggire alla frenesia della vita moderna, i cammini che si può decidere di intraprendere sono tanti e differenti nel mondo. Ecco alcuni di quelli che meritano davvero di essere percorsi almeno una volta nella vita.

Monte Kailash, Tibet

Il Kailash è un monte sacro e meta di pellegrinaggio da oltre 15.000 anni per diverse fedi tra cui Indù, buddista, e giainista. Scalarlo è proibito, ma fare il giro intorno al Kailash, secondo alcune credenze, cancella i peccati di una vita. Il percorso è di 52km e permette di godere ampiamente dei montuosi paesaggi tibetani.

Glastonbury Tor – Stonehenge, Regno Unito

Due siti immerse nella campagna inglese, a circa 70km l’uno dall’altro, avvolti da un’ondata di mistero e leggende. Stonehenge non ha bisogno di presentazioni, patrimonio dell’UNESCO, si pensa sia stato costruito nel 2.600 a.C. e che venisse utilizzato per le cerimonie neopagane. Mentre arrivare in cima a Glastonbury Tor, una collina dominata dalla torre senza tetto di San Michele, si dice sia un viaggio di rinascita da cui si torna completamente trasformati.

Kumano Ancient Trail, Giappone

Tra le montagne della penisola giapponese di Kii, a sud di Osaka, passa il Kumano Ancient Trail, un percorso reso noto dagli imperatori giù più di 10 secoli fa. Durante il cammino ci si trova davanti a panorami sorprendenti e diversi santuari sacri.

Inca Trail, Perù

Un percorso ad alta quota stimolante e leggendario. Si pensa fosse stato costruito dagli Inca come cammino per raggiungere Machu Picchu. Nonostante la passeggiata di circa 42km possa risultare faticosa per l’altitudine ed il terreno accidentato, si verrà ampiamente ripagati alla spettacolare vista dell’antica e più famosa città Inca.

Santiago de Compostela, Francia/Spagna

Per i cristiani, e gli europei in generale, è uno dei cammini più famosi e praticati. Ogni anno più di 200.000 persone intraprendono questo viaggio, non solo per motivi religiosi, cioè arrivare al presunto luogo di riposo di San Giacomo, ma anche per motivi storici, spirituali, sportivi e personali. Il cammino di 780km dura in media 4 settimane e si snoda partendo dalla Francia del sud, attraverso i Pirenei fino alla Spagna, tra pittoresche cittadine e campi di grano.

Char Dham, India

Un viaggio alla scoperta di una cultura. Ampiamente praticato dagli Indù, questo pellegrinaggio conduce verso quattro siti sacri dell’India: Badrinath nel nord, Rameswarm nel sud, Dawarka nell’ovest e Puri nell’est. Lontano dalla folla di Goa, Mumbai e Delhi, questo percorso è di circa 6,2km.

Adam’s Peak, Sri Lanka

All’interno di un monastero, sulla cima del monte Sri Pada, si trova l’enorme impronta di un piede a cui ognuno dà la sua interpretazione, per alcuni è l’impronta di Buddha, per altri è il primo passo di Adamo, per altri ancora è stato creato da Shiva. Al di là delle varie interpretazioni, migliaia di pellegrini si arrampicano sul monte, non solo per vedere il Picco di Adamo, ma anche per ammirare la vista dall’alto dello Sri Lanka.

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.