Vacanze in famiglia in Sicilia sud orientale: come a casa

36

State progettando una vacanza family friendly?  La Sicilia è certamente uno di quei luoghi d’Italia, concentrato di bellezza e storia, in cui il visitatore si perde nelle sue meraviglie. I colori vivaci, il calore e il contrasto tra le asprezze dei rilievi montuosi e le sinuosità più armoniose delle zone costiere, sono alcuni degli aspetti distintivi della regione. E proprio nella sconfinata natura si fanno largo città, borghi e località suggestive: culle di architettura, arte e cultura. Terra  accogliente, ti coccola con il buon cibo, il sole generoso tutto l’anno e quella ospitalità tipica del sud che ti fa sentire subito a casa. Se volete trascorrere un piacevole soggiorno con la vostra famiglia in questa splendida isola, IsulaSicilia vi coccolerà offrendovi tutto ciò che desiderate e saprà soddisfare i vostri bisogni, soprattutto quelli dei vostri bambini, indicandovi la location più adatta alle vostre esigenze.  Ecco le tappe imperdibili di un tour  della Sicilia sud orientale da fare con i vostri amici e con la vostra famiglia.

Modica

Quando nel 1963 fu devastata da un terremoto, Modica è stata sottoposta ad un processo di riqualificazione ed è rinata in un certo senso dalle sue ceneri. Il suo centro storico ricco di edifici sacri, palazzi nobiliari adornati di sculture, ad oggi, è uno degli esempi più concreti di architettura barocca. Tra le sue punte di diamante da visitare ricordiamo il Castello dei Conti, che la sovrasta dalla sommità di una roccia, il museo civico archeologico e il parco letterario di Salvatore Quasimodo. La città è poi ricca di contaminazioni gastronomiche riprese dalle diverse culture che l’hanno toccata nel corso del tempo. In particolare la cioccolata, di derivazione azteca, è un simbolo ed una specialità tutta modicana: friabile e definibile come cioccolato a freddo; la tecnica d lavorazione dei semi di cacao, che vengono triturati a pietra in maniera da farne sprigionare il burro ed ottenere la tipica pasta granulosa, rimanda invece alla tradizione spagnola. Modica è un insieme di bellezze di ogni tipo, tutte da scoprire.

Ragusa

Colpita anch’essa dal devastante terremoto del ’63 che coinvolse tutta la Val di Noto, Ragusa è stata ricostruita in stile barocco e del borgo medievale n’è rimasta solo la conformazione urbanistica. La città, dichiarata patrimonio dell’UNESCO assieme ad altri sette comuni della zona, ha origini antiche e la sua zona più storica, quella del quartiere di Ragusa Ibla, sorge su di una collina. È ricca di visioni paesaggistiche e scorci indimenticabili e tra i numerosi monumenti che affollano il centro è certamente da menzionare il Duomo di San Giorgio, chiesa madre consacrata al patrono della città, assieme alla cattedrale di San Giovanni Battista, una fra le più grandi dell’isola. Ragusa è poi nota (e amata) per essere la città di Montalbano, il personaggio dei romanzi firmati Andrea Camilleri: qui, i più curiosi si possono imbattere in alcuni dei luoghi iconici della fiction come la piazza di Vigàta (che non è altro che la piazza del Duomo di San Giorgio), il commissariato o la questura di Montelusa.

Scicli

Scicli, con gli altri comuni della Val di Noto, è caratterizzata dalla massiccia presenza dello stile tardo-barocco che pervade la città; affondando le sue radici in tempi antichi, ha visto il passaggio di diverse dominazioni, da quella araba a quella normanna, fino a quella aragonese. Uno dei luoghi simbolo e di maggior interesse del posto, in cui si abbracciano armoniosamente  piazze, siti archelogici, luoghi di culto e giardini, è il Palazzo Beneventano. Costruito subito dopo il terremoto, questo pezzo architettonico è massima espressione del barocco siciliano, con le decorazioni appariscenti che dominano i balconi. A pochi km da Scicli, poi, sorge una piccola frazione che conta poco più di 3000 abitanti e la cui linfa vitale sono per lo più la pesca e il turismo.  Nata, secondo una leggenda, attorno ad un santuario edificato da Ruggero d’Altavilla e dedicato alla Madonna per averlo aiutato a sconfiggere i saraceni, Donnalucata è un posto suggestivo e curioso. Le sue lunghe spiagge e vicoli rimandano agli antichi borghi marinari e sono state la location di alcuni episodi della serie televisiva di Montalbano. Proprio la fiction del commissario ha contribuito a valorizzare turisticamente la zona, tanto che negli ultimi anni si è arricchita di numerosi resort, golf resort, villaggi, case vacanze e ristoranti.

Spiaggia di Vendicari

Immersa nel cuore della riserva naturale di Vendicari, la spiaggia di Vendicari è considerata una delle più affascinanti della Sicilia. Il lungo litorale è sabbioso e si tuffa dolcemente nelle acque cristalline dalle tonalità verdi e azzurre; da qui, volgendo lo sguardo verso nord, è possibile ammirare i resti dell’antica Tonnara circondata dalle vecchie case dei pescatori.

Noto

Chiesa S. Francesco d'Assisi all'Immacolata dei Frati minori Conventuali
Chiesa S. Francesco d’Assisi all’Immacolata dei Frati minori Conventuali foto di Eugenio Bersani

La città di Noto, patrimonio dell’UNESCO e situata nel sud-est della Sicilia in provincia di Siracusa, è anch’essa pervasa dal barocco, seguito alla ricostruzione a cui è stata sottoposta dopo il terremoto del ’63. Gli elementi di questo stile, incorniciati all’interno di un contesto urbano dai diversi caratteri, si collegano tra loro in una danza perfetta che realizza quella che è stata definita la “perfetta città barocca” o “Capitale del barocco”. Le strade della città sono un susseguirsi di piazze sontuose e scalinate che congiungono terrazze e dislivelli, e le costruzioni sono tutte realizzate con la particolare pietra locale, il cui colore è tra il dorato e il rosato. E sarà è proprio questa sua inestimabile bellezza a rendere Noto un polo magnetico per tutti e fonte d’ispirazione per artisti e registi del calibro di Michelangelo Antonioni, che proprio qui ha girato il film “L’avventura”.

Marzamemi

Il borgo marinaro di Marzamemi si trova a 20 km dalla Capitale del barocco e si affaccia sulle acque siciliane. La frazione fa leva da tempo per la sua economia sulla pesca, ed è nota per possedere una delle più importanti tonnare dell’isola. Una piccola chicca dove il commercio marittimo è ancora estremamente vivo.

Siracursa

Siracusa, Ortigia foto di Vittorio Sciosia

Siracusa sorge sulla costa sud-orientale della Sicilia e vanta una storia millenaria: nata ad opera dei Corinzi, divenuta indiscussa potenza in età classica assieme ad Atene, luogo di incontro e di scontro tra artisti, filosofi e scienze e punto di riferimento dell’Impero bizantino. Dopo il terremoto del ’63, il centro storico è stato ricostruito, divenendo un concentrato di stile barocco. Siracusa è un mix di ricchezze e tra i suoi simboli troviamo il Parco archeologico di Neapolis: la zona più rappresentativa dell’antica città greca, con il suo Teatro greco risalente al 5° sec a.C. di 140 m, uno dei più maestosi di quel mondo antico. La parte più storica della città si trova ad Ortigia, una piccola isola in cui natura, roccia e acque cristalline si uniscono. È qui che c’è il tempio di Apollo, uno dei più antichi esempi di architettura dorica, e la barocca Piazza del Duomo, una delle più suggestive d’Italia, dove, tra palazzi nobiliari e chiese, spunta la Cattedrale.

 l’Etna

Trekking_sull_Etna
Trekking sull’Etna foto di Vittorio Sciosia

L’Etna, che con i suoi più di 3 mila metri di altezza capeggia sulla costa orientale della Sicilia, è una bellezza naturale che dal 2013 fa parte del Patrimonio UNESCO. Gli appassionati di trekking non potranno perdersi un’escursione sul monte, per ammirare i suoi paesaggi lunari e gli straordinari fenomeni vulcanici osservabili. Indispensabile affidarsi a una brava guida naturalistica.

Per conoscere altre bellezze della Sicilia clicca qui.

Testo di Redazione foto di Vittorio Sciosia e Eugenio Bersani | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.