Disneyland Paris VS Disneyland in California: le 10 differenze principali

Ogni Parco Disney in tutto il mondo ha qualcosa di diverso da offrire ed è il sogno di tutti i fan Disney visitare tutti e 5 i parchi (Parigi, Los Angeles, Orlando, Tokyo e Sydney). Abbiamo avuto il privilegio di visitare sia il Disneyland di Parigi sia quello della California, e abbiamo raccolto in questo post le maggiori differenze tra i due.

Ecco le 10 principali differenze che abbiamo riscontrato:

I castelli

Mentre percorri Main Street U.S.A., il castello che termina la strada ti attira nell’incanto che fa parte dell’esperienza di Disneyland. Ovviamente il castello differisce in ognuno dei 5 parchi sparsi nel mondo. Il castello di Disneyland California è l’originale Castello della Bella Addormentata, mentre invece Disneyland Paris ci offre solo una riproduzione appunto di quello originale californiano.

L’età

Rispetto all’originale Disneyland California, Disneyland Paris è un bambino! Disneyland Paris ha aperto il 12 aprile 1992, ben 37 anni dopo l’originale. Nonostante ci sia questa differenza di età, quando cammini per il parco di fronte a Grand Legacy At The Park, il mantenimento di entrambi è così eccellente che è come se avessero la stessa età.

castello di notte disneyland

Frequenza

La maggior parte dei Parchi Disney ha una frequenza crescente ogni anno – sempre più persone viaggiano verso il posto più felice della terra. Quando siamo stati a Parigi nel 2015, il parco non era affollato. L’attesa più lunga è stata di 30 minuti e ci siamo potuti godere ogni angolo del parco. Disneyland Paris è l’attrazione più visitata di tutta la Francia e dell’Europa con milioni di ammiratori che si recano ogni anno. Infatti, nel 2017, 15.6 milioni di persone hanno attraversato le sue porte. Confrontando entrambi i parchi, Disneyland California invece ha accolto 16,2 milioni di visitatori. I prezzi dei biglietti aumentano ogni anno, ma ciò non impedisce alle persone di continuare a sognare.

Terreno

Disneyland Paris misura 126 acri rispetto agli 85 acri di Disneyland California. A Disneyland Paris, la struttura del parco è così aperta che abbiamo potuto percepire la differenza di spazio mentre attraversavamo ogni attrazione. Hanno spazio in più per creare più atmosfera.

La casa dei fantasmi

L’attrazione che abbiamo provato in entrambi i parchi è stata la casa dei fantasmi, ovvero Phantom Manor a Disneyland Paris e Haunted Mansion a Disneyland California. La struttura di entrambi è simile a un vero e proprio maneggio: ci sono porte che si attraversano, una fontana in un cortile e vari teschi sparsi. Anche all’interno, il gioco è assolutamente identico in entrambi i parchi.

euro-disney

Le attrazioni

Naturalmente le attrazioni variano da Parco a Parco. Indiana Jones nel Disneyland California consiste in un giro in macchina al coperto, mentre invece quello a Disneyland Paris è un ottovolante all’aria aperta. La maggior parte delle altre giostre erano simili, da Peter Pan a It’s a Small World. Entrambi i parchi hanno avuto nuove aggiunte: Disneyland California ha avuto Cars Land in California Adventure e Disneyland Paris ha appena aggiunto Ratatouille: The Adventure, dove i cavalieri diventano topi che attraversano la cucina cercando di evitare la cattura.

I personaggi Disney

I personaggi disponibili erano gli stessi classici personaggi che ti aspetteresti; tuttavia, al Disneyland California non c’erano tanti personaggi classici accessibili per le foto. Tra i pochi che abbiamo incontrato ci sono stati Winnie The Pooh e Belle: a Disneyland Paris indossa un grembiule azzurro ed un cestino, mentre invece a Disneyland California indossa il vestito giallo della scena del ballo con la Bestia.

I dipendenti

Quando si arriva a un Parco Disney, è possibile dare uno sguardo ai cartellini dei dipendenti e vedere che arrivano da tutto il mondo! La maggior parte dei dipendenti vive qui localmente, ma alcuni viaggiano da paesi diversi per lavorare nei Parchi. A Disneyland Paris c’è una moltitudine di etnie diverse, mentre invece a Disneyland California sono al 90% tutti californiani.

Progetti

L’obiettivo di qualsiasi azienda è rendere l’esperienza del cliente migliore attraverso miglioramenti e costruzioni. Durante i periodi di ristrutturazione delle attrazioni, normalmente a Disneyland California vengono messe delle pareti che bloccano ogni visuale. Certo, potresti dover camminare intorno all’enorme area, ma non puoi ancora vedere o dire esattamente cosa stia succedendo all’interno. Questo non è però il caso di Disneyland Paris: parte della nave pirata di Pirati dei Caraibi era stata ricostruita e le impalcature erano in bella vista. Inoltre, molte luci erano spente e invece di cambiarle senza preavviso, c’erano dei sacchetti di plastica nera attorno ai lampioni.

La magia

C’è una differenza nella magia che senti in ognuno di questi parchi. Siamo stati a Disneyland Paris diverse volte e sentiamo ancora la magia che rende Disneyland il posto più felice sulla Terra. Era la nostra prima volta a Disneyland California e provavamo sì la gioia e la meraviglia che viene dall’esperienza Disney, ma c’era qualcosa di diverso. Forse perché è lo stesso Walt Disney che ha contribuito a creare l’originale Disneyland californiano. Mentre Disneyland Paris è stato costruito senza la supervisione diretta di Walt Disney.

Di Sara Rimondi e Lorenzo Amorosi |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Puoi leggere altri contenuti di Sara e Lorenzo sul loro blog The Travelization

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.