Cosa mettere in valigia per un viaggio di un mese e per un city break

valigia

È bello partire, ma che stress fare la valigia? Ecco qualche consiglio per impacchettare i bagagli in modo impeccabile, sia per un viaggio lungo sia per un city break, senza dimenticare nulla.

Fuori per un mese o un per breve city break: in fondo, le cose da mettere in valigia sono sempre le stesse. Se dovete affrontare un lungo viaggio, ovviamente, non potrete sperare di portare un ricambio per ogni giorno della settimana: dovrete arrendervi all’idea che prima o poi sarà conveniente passare in lavanderia e tentare di dare una rinfrescata ai vostri vestiti.

Pur partendo dal presupposto che potrete acquistare tutto ciò che avete dimenticato di mettere in valigia, un viaggio di un mese prevede un minimo di lungimiranza: sarà importante portare almeno due paia di scarpe, oltre a un paio di immancabili ciabattine da bagno, e non risparmiare sulla biancheria. Per quel che riguarda magliette e pantaloni fate il calcolo per una settimana e tentate di lavare periodicamente il tutto: a tal riguardo, se avete intenzione di affidarvi a qualche lavanderia risparmierete tempo, ma qualora decidesse di fare tutto da soli, ricordate di portare un bel filo lungo da utilizzare per asciugare gli abiti bagnati, dal momento che non è detto che disporrete di uno stenditoio o di un balcone assolato.

Quando deciderete di fare un viaggio lungo, forse la borsa più difficile da riempire è quella da bagno, dal momento che, in base alle vostre esigenze, dovrete fare calcoli a lunga durata. Magari un solo tubetto di dentifricio non vi basterà, e quasi sicuramente dovrete acquistare shampoo e bagnoschiuma, provate a pensare a tutti quei prodotti di cui, nell’arco di un mese, sicuramente avrete bisogno. Infine, ultima postilla, per un viaggio lungo sarebbe consigliabile non trascurare un piccolo kit di pronto soccorso abbastanza fornito: cerotti, garze, pomate e qualche medicinale, anche solo per scaramanzia. Di certo non potranno farvi male.

Più semplice, invece, organizzare una borsa per un break city: la più classica delle toccate e fuga. Nella preparazione di una borsa per un viaggio breve dovrete immaginare, senza troppe indecisioni, le cose che vi serviranno giorno per giorno. Magari non tutti riescono ad essere così scientifici, ma il modo migliore è quello di pianificare tutto il vostro breve soggiorno e prestabilire in anticipo quali abiti utilizzerete.

Portate per sicurezza un ricambio in più, anche per quel che riguarda la biancheria, onde evitare di dover fare una lavatrice solo per un piccolo imprevisto, ma tendete a non esagerare, o porterete sulle spalle il peso di qualcosa che poi non utilizzerete mai. Se per i viaggi lunghi vi sarà praticamente impossibile riuscire a portare tutto quello che vi serve in una sola valigia, per un city break la cosa difficile sarà proprio riuscire a prevedere tutto.

Infine, ecco un paio di consigli che vi saranno utili sia in caso di viaggio di un mese, sia in caso di city break: una piccola lista di cose che non dovrete dimenticare per nessuna ragione. Prima di uscire di casa con quel lieve sentore di aver dimenticato qualcosa, rileggete questo piccolo vademecum e partite sereni: ricordate di chiudere la porta di casa a chiave e di aver chiuso gas, luce e acqua. Non dimenticate telefono, caricabatterie, documenti, soldi, pigiama (o un abbigliamento per la notte), ciabatte, occhiali da sole, torcia, un adattatore elettrico se andate dall’altro lato del mondo. Non dimenticate un piccolo kway, anche se vi state recando in un’oasi tropicale, potrebbe salvarvi la vita e non occupa spazio.

Inoltre, il consiglio più importante, portate un piccolo quaderno e una penna: nell’era digitale, il semplice gesto di scrivere un pensiero a mente sgombra, in un momento in cui non siete asfissiati dal lavoro, varrà più di mille fotografie.

Scopri anche Trucchi e consigli pratici per preparare la valigia.

Testo di Redazione|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.