L’ospitalità italiana è UNA

UNA Hotel, Bologna
UNA Hotel, Bologna

Piani di sviluppo, nuova identità e mission del Gruppo UNA per far eccellere l’ospitalità italiana.

Ripartire e rinnovarsi. Lo sa bene il Gruppo UNA: sono infatti freschissimi i nuovi piani di sviluppo e brand identity, annunciati durante un evento ad hoc svolto alla presenza delle teste di serie Mario Zucchelli, Presidente, dell’AD Gian Luca Santi e del direttore generale Fabrizio Gaggio.

Il Gruppo, di proprietà UNIPOL, nasce nel 2017 sotto il segno dell’ospitalità italiana, dall’unione di Atahotels e UNA Hotels & Resorts, ed è la prima catena alberghiera dello Stivale per numero di hotel e camere presenti sul territorio. Ma a quanto pare, non si smette mai di crescere, e ad oggi si parla di un punti di svolta e integrazioni.

È così, con queste basi, che prendono forma UnaEsperienze, UnaHotels e Unaway, le nuove tre collezioni pensate con uno scopo comune: offrire un servizio personalizzato per la clientela, cercando di soddisfarne i bisogni e i desideri. Il tutto, immersi in ambienti che, stretto un patto col territorio, puntano ad esaltare il design, l’architettura, la cultura, le bellezze naturali e il food.

Quindi, non ci si trova più semplicemente davanti a quattro mura in cui soggiornare, quanto più dinanzi a monumenti esperienziali. Una sorta di inno all’ospitalità, che è del Gruppo UNA e del nostro Paese. E i viaggiatori, secondo questo modello di business, non devono fare altro che godersi la convivialità. E il momento.

Le nuove aperture

Il progetto di sviluppo di Gruppo UNA prevede la riapertura nei primi mesi del 2019 del Principi di Piemonte – UNA Esperienze di Torino, hotel 5 stelle attualmente in ristrutturazione. Se capiti da queste parti scopri un evento che potrebbe interessarti.

A Milano sarà inaugurato nel 2020 un nuovo hotel 4 stelle Superior nella zona tra Gae Aulenti e Corso Como.

Testo di Eugenio Bersani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.