Cilento. Elisir di lunga vita

Cilento, Campania, Italia
Cilento, Campania, Italia

Non solo mare. A sud di Salerno il Cilento è una terra antichissima, con siti archeologici conosciuti, tesori naturalistici protetti e un patrimonio gastronomico invidiato nel mondo. Qui si vive bene e si vive a lungo. Parola dell’UNESCO.

Campania, Cilento. Prima di tutto sgomberiamo il campo dagli equivoci in cui spesso si incorre per colpa della assonanza. Il Cilento, in Campania, di cui parliamo qui, è cosa diversa dal Salento, altra bellissima terra che invece si trova in Puglia. Tornando in Campania, invece, a sud di Salerno, entriamo nel Cis Alentum “al di qua dell’Alento” da cui Cilento. Il fiume Alento non segna più il confine geografico del territorio, ma il nome è rimasto. Per descrivere il Cilento potremmo cominciare a parlare di storia, a partire dalle Sirene che avevano dimora proprio sull’isoletta davanti a Punta Licosa e per cui Ulisse, per non sentire il loro canto ammaliatore, si fece legare all’albero della propria nave. Oppure potremmo scrivere di cultura, con i siti archeologici di Paestum e Velia che ha fatto si che l’UNESCO, nel 1998, iscrivesse l’intero territorio cilentano tra i siti Patrimonio dell’Umanità. Ma queste sono cose conosciute.

Invece quello che è poco conosciuto riguardo al Cilento è la connessione con un medico, biologo e fisiologo americano, Ancel Benjamin Keys che ha legato il suo nome alla formulazione delle famose Razioni K durante la seconda guerra mondiale, la base per l’alimentazione di sussistenza dell’esercito americano. E cosa c’entra col Cilento il signor Keys? C’entra, c’entra. Negli anni 60 scelse Pioppi, piccola località costiera tra Acciaroli e Casal Velino, come sua residenza e ci rimase per 40 anni. Durante quel periodo studiò accuratamente l’alimentazione della popolazione locale, colpito dalla longevità e dall’ottima salute di quella gente a cui si era mescolato. Giunse alla conclusione che la dieta locale era la chiave. Nasceva così la “dieta mediterranea” come modello dell’alimentazione perfetta. L’olio, la pasta, la frutta, il pesce, la base dell’alimentazione “povera” cilentana erano i mattoni della vita sana della gente del posto.

Il Cilento quindi, pochi lo sanno, è la culla della Dieta Mediterranea, poi allargatasi un po’ a tutto il Sud Italia. La consacrazione definitiva è arrivata nel 2010 quando questo territorio è stato inserito tra i luoghi della Dieta Mediterranea e iscritto nel patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La mozzarella di bufala è solo una delle specialità, forse la più conosciuta che si produce sul posto. Ma i fichi, freschi e secchi, le noci, il vino, l’olio sono l’oro cilentano. Poi ci sono chilometri e chilometri di spiagge lambite da un mare incontaminato, più volte insignito della Bandiera Blu. Davanti a Paestum, la cittadina che ospita i famosi templi in perfetto stato di conservazione, si snodano spiagge soffici di sabbia dorata alle cui spalle una fitta pineta offre protezione dal sole estivo e si presta come percorso da jogging o profumatissima area per picnic. Ma il Cilento è molto altro ancora.

Andate a scoprire, è proprio il caso di dirlo, un’area naturalistica di una bellezza impressionante, nei pressi del paesino di Morigerati, le gole del Bussento, oasi WWF. Il Bussento è un fiume nervoso, blu intenso, che per un tratto di 5 km corre sottoterra per poi riapparire proprio nei pressi di Morigerati, formando canyon e cascatine in mezzo ad una natura esplosiva tanto che sembra di essere da qualche parte in Canada. Oppure vale la pena di fare una deviazione per Casaletto Spartano dove anche qui, un altro fiumiciattolo, il Bussentino, un affluente del Bussento di cui abbiamo appena detto, forma le famose cascate dei Capelli di Venere. Al di là del romantico richiamo ai capelli della divinità, in realtà il nome si deve alla presenza della Capelvenere, una felce rigogliosa che ha colonizzato l’area. Fin qui abbiamo parlato di meraviglie della natura, del mare e dei fiumi.

Le meraviglie del Cilento non sono solo sparpagliate alla luce del sole. Nel comune di Castelcivita un complesso di grotte carsiche si estende per 4800 metri all’interno del sottosuolo. Ad oggi solo 1700 metri sono comodamente visitabili, ma bastano e avanzano per capire quanto la natura possa essere artista sublime, se lasciata in pace a lavorare. In questo caso la mano artefice di tanta e tale bellezza è l’acqua che ha creato, nel tempo, sale ricamate da stalattiti e stalagmiti dagli incredibili colori e forme. Le grotte di Castelcivita, estese come sono nelle viscere dei Monti Alburni, sono uno dei più vasti complessi speleologici dell’Italia meridionale.

Ma c’è un capolavoro dell’uomo che da solo vale il viaggio in Cilento. Ai confini orientali del Parco Nazionale sorge la Certosa di San Lorenzo o più comunemente nota come Certosa di Padula. Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 1998, la Certosa, con i suoi 51.000 metri quadrati, è la più grande d’Italia e, in Europa, seconda solo alla Grande Chartreuse, la casa madre dell’ordine dei Certosini che si trova nelle Alpi francesi 30 km a nord di Grenoble. Il chiostro grande, però, è il più esteso di tutti. Troppo poco spazio per descriverla qui. E’ un’opera che lascia impietriti per le dimensioni e la ricchezza degli interni, in particolare la Chiesa, un trionfo del barocco. Insomma, il Cilento vale la pena di essere scoperto.

Forse puo’ interessarti anche Parchi e giardini della Campania.

Sfoglia il Magazine

Informazioni utili

Costa Paestum è un consorzio di recente costituzione nato per volontà dell’amministrazione comunale; sul sito è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per organizzare il vostro viaggio e per conoscere tutte le eccellenze del territorio.

Come arrivare:

In auto

Dall’autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria, uscite di Battipaglia ed Eboli. Collegamenti con Vallo della Lucania, Agropoli e la costa percorrendo la variante della Strada Statale 18.

In treno

Da Roma e dagli scali regionali di Napoli e Salerno, collegamenti con le stazioni di Agropoli, Vallo della Lucania, Ascea, Pisciotta e Sapri.

Via mare

Servizio aliscafi attivo durante i mesi estivi nei porti di Agropoli, Acciaroli, Casal Velino, Marina di Camerota e Sapri, con partenze da Salerno, Napoli, Costiera Amalfitana e Capri.

Dove dormire

Hotel Le Palme a Paestum

Sempre a Paestum Hotel Esplanade

Dove mangiare

A Paestum e dintorni consigliamo:

Podere Rega

Azienda Agricola La dispensa

Tenuta Vannulo; disponibili anche delle camere

Linkutili

Parco Nazionale del Cilento

Testo e foto di Vittorio Sciosia||Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.