Giochi medievali: dal peccato alla condanna religiosa

Sino a non molti anni fa, le feste di Natale e quelle di Capodanno rappresentavano l’occasione per riunioni familiari allargate. Chi aveva la casa più grande, in genere ospitava l’intero “parentado” (a pranzo, a cena e per alcuni che venivano da lontano, dando loro un letto). La famiglia aveva ancora un senso; oltre al cibo e ai dolci tradizionali, li univa anche il rito dei giochi attorno a un tavolo: le carte, la tombola, il gioco dell’oca, monòpoli e altri ancora. Tradizioni perse nella nebbia avvolgente dei rituali globalizzati del ventunesimo secolo: genitori da una parte, figli dall’altra a inseguire mete esotiche, gite culturali, viaggi low-cost e viaggi dispendiosi. Si preferiscono gli amici collaudati ai membri della famiglia e in qualche caso nemmeno loro: meglio il brivido di nuovi incontri, nuove esperienze, in molti casi propiziate dalla “navigazione” in Rete. Rimane (forse) qualche pallida traccia dei legami antichi solo nei confronti dei nonni anziani; un completo disinteresse potrebbe tramutarsi in rimorso nel caso venissero a mancare proprio durante le feste. È sempre stato così, in fatto di giochi, nei periodi di fine d’anno? Assolutamente no. I giochi occupavano un arco temporale continuo e si intensificavano durante le feste di questo periodo. La preoccupazione prima delle autorità civili e di quelle ecclesiastiche erano rivolte unicamente al tentativo di contrastare, anzi, combattere ferocemente, la diffusione dei giochi d’azzardo. Vivessero ora, avrebbero di ché disperarsi, vista la varietà e la diffusione dei giochi non più “proibiti” da Statuti o Grida, come avveniva un tempo, ma regolamentati addirittura dagli Stati sovrani che introitano tasse non indifferenti sulla liceità delle quali è meglio sorvolare.

Molti statuti medievali (come lo statuto di Pomposa del 1295) proibivano i giochi d’azzardo che prevedevano la perdita di denaro; era, questa, pratica destabilizzante dell’ordine pubblico e portava le famiglie alla rovina. A Carrù (Cuneo) veniva chiamato ribaldus colui che, giocando ai dadi, si spogliava dei suoi averi usque ad camiciam; in altre parole, restava in mutande. C’era sempre qualcuno che aveva sì, il tarlo del gioco d’azzardo, però disponeva anche di autocontrollo e buon senso, come il mercante fiorentino Arnoldo Peruzzi che, all’inizio del Trecento, aveva un libro dei conti sul quale annotava con scrupolo, oltre alle entrate e le uscite dei suoi commerci, anche le perdite al gioco sue e dei suoi figli, pur se contenute. Chi prestava molta attenzione al diffondersi dei giochi leciti o meno, erano – naturalmente – le autorità ecclesiastiche. Veniva precisato con puntiglio quali fossero anzitutto i giochi “illeciti”: quelli nei quali la fortuna la faceva da padrona (dadi e carte); poi i giochi d’arme, quindi quelli licenziosi o esagerati quali le danze e i cortei carnevaleschi. Va anche detto che l’attenzione che la Chiesa riserbava ai vari giochi illeciti non era una preoccupazione di tipo sociale, ma di tipo religioso, perché fonte di peccato; la lussuria, la cupidigia, l’avarizia e la conseguente violenza erano tutte degenerazioni del gioco e in quanto tali da combattere. Il periodo in questione è il medioevo e gli ultimi anni dello stesso.

Dal Quattrocento in poi, il mondo religioso – specie quello degli Ordini Mendicanti – affronta con vigore il problema del gioco. Vengono redatti elenchi dei peccati che erano collegati al gioco d’azzardo, che veniva considerato un furto ai danni del prossimo e quasi un’appropriazione indebita, perché quello che il giocatore vinceva, non gli apparteneva. Poi chi giocava veniva bollato come cattivo esempio per tutti e in particolare un corruttore di giovani. Ma non era finita qui, la serie delle imputazioni. Il giocatore dava dolore a Dio perché lo bestemmiava quando il gioco gli andava male e si sentiva per questo tradito da Colui che aveva invocato a protezione! Senza contare che si macchiava del peccato di idolatria, perché sostituiva l’amore per Dio con quello per il denaro. Non bastava tutto questo? Era anche, chi giocava a carte o con i dadi, un dissipatore di tempo che apparteneva solo a Dio che ne aveva fatto dono all’umanità affinché operasse al meglio per procurarsi la salvezza eterna. La Chiesa, paragone forte ma che dà l’idea della sostanza delle cose, inculcava tali concetti a martellate. Le prediche infuocate spesso si concludevano col rogo di beni di lusso, di oggetti per il gioco, tutti veicoli potenziali di peccato. Un po’ ovunque si accendevano i cosiddetti “falò delle vanità”. Quello storicamente più famoso venne appiccato dai Piagnoni, che erano seguaci di Girolamo Savonarola: Firenze, Carnevale del 1497.

del ‘Columnist’ Federico Formignani |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.