Il fascino del New Hampshire Granite State

Negli Stati Uniti del New Hampshire, la zona a sud ovest del “Granite State”, la Monadnock Region, e la cittadina di Hancock sono il cuore di questa regione. Con circa 1700 abitanti la città vanta una storia importante. Il suo nome le deriva da John Hancock, un proprietario terriero della comunità che diventerà membro del Congresso Costituzionale oltre che uno dei firmatari della Dichiarazione d’Indipendenza e primo Governatore del Massachusetts. Piccola, tranquilla, in una zona piena di attività outdoor: arrampicate, camminate, sci d’inverno. Offre anche il diletto di botteghe d’antiquari.

Svetta Mount Monadnock, un picco isolato di 965 m. – noto per essere la seconda montagna scalata al mondo ! – ma anche per aver ospitato celeberrimi camminatori, il fiore-fiore dell’Intellighenzia americana dell’800: Ralph Waldo Emerson, Henry David Thoreau, e Margaret Fuller, che citarono la montagna nelle proprie opere. Emerson vi si recava frequentemente e la rese protagonista di uno dei suoi poemi più famosi – “Monadnoc”. Thoreau la visitò quattro volte tra il 1844 ed il 1860, dedicando lungo tempo all’osservazione e catalogazione di fenomeni naturali al punto che il suo inventario naturalistico é considerato uno tra i primi seri sulla montagna. Una palude vicino alla cima ed una terrazza di roccia sul Cliff Walk Trail portano il suo nome; un altro punto d’osservazione porta il nome di Emerson. Mount Monadnock State Park é attraversato da molteplici chilometri di sentieri ben mantenuti che invogliano a camminate. Tra i più famosi: il White Dot Trail, di 3.5 km, il più breve ma anche il più ripido per salire alla cima, accessibile dal quartier generale e dal campeggio del Monadnock State Park nel versante sudorientale della montagna; il White Arrow Trail di 3.7 km che conduce alla vetta, considerato il più facile.

Hancock conserva memorie della Rivoluzione Americana tanto da possedere nella storica meetinghouse una campana forgiata dal patriota e mastro peltraio Paul Revere. Il suo tocco ad ogni ora sembra voler rammentare ogni giorno l’incredibile storia della città. Il downtown – Hancock Village Historic District – conserva alcune delle più belle case del New England, delle quali molteplici listate nel National Register of Historic Places. Passeggiare tra queste case vuol dire fermarsi ed ammirare la storia di generazioni di gente del New Hampshire che qui vi ha abitato. Il centro storico é meticolosamente ben conservato tanto che al posto di marciapiedi di cemento ci sono sentieri di ghiaino che portano di casa in casa. Ovunque si cammina: si va al country store, alla chiesa, alla piazza del villaggio, alla scuola. La sua posizione nello spartiacque del fiume Merrimack River le regala un lago, un laghetto ed un lungo fiume con spiagge e belle panoramiche. L’ Harris Center – riserva naturale – si trova a soli 8 km. ed offre un centro naturalistico e svariati sentieri di diversa difficoltà per camminate nella natura.

Al confine con Hancock c’é Greenfield con uno dei più bei ponti coperti dello stato. Ovviamente non manca il classico alloggio di charme l’ Hancock Inn con la sua taverna , il più antico del Granite State con radici che affondano nel 1789. Leggermente a sud di Hancock sorge la cittadina che ha ispirato Thornton Wilder per il suo “our Town”: Peterborough. Oltre a graziosi negozi a caffetterie, deve la sua fama alla MacDowell Colony, la più antica colonia di artisti negli Stati Uniti. Il compositore Edward MacDowell e la pianista Marian MacDowell, sua moglie, fondarono la colonia nel 1907 per nutrire le arti offrendo a creativi di gran talento un ambiente d’ispirazione, in circa 180 ettari, nel quale produrre opere durature. Ogni anno la colonia ospita 300 architetti, compositori, registi, artisti interdisciplinari, attori, artisti d’arte visiva e scrittori di tutto il mondo e degli Stati Uniti. Oltre 14.500 residenti sono stati premiati nel corso della sua lunga storia. Il Premio Pulitzer scrittore Michael Chabon é il presidente della MacDowell. Il Presidente Barack Obama e sua moglie Michelle nel 2016 scelsero due architetti della Savidge Library della colonia per progettare la Barack Obama Presidential Library a Chicago. Tod Williams e Billie Tsien sono stati selezionati tra 144 designer.

Peterborough é una delle cittadine più antiche del New Hampshire, fondata nel 1737. Ancora oggi conserva il suo spirito di villaggio radunando alcune attrattive museali, artistiche ed artigianali veramente genuine. Il   Mariposa Museum and World Culture Center é una vera esperienza culturale adatta a tutta la famiglia, curiosamente ubicato nella storica Chiesa Battista del 1822 mette in mostra la creatività di popoli di diverse culture grazie a testimonianze di arte popolare, tradizioni folkloriche e story telling. E’ un museo gioiello colmo di reperti che promuovono una più ampia comprensione delle culture: sono 7.500 i pezzi d’arte folk da sei continenti. Un altra gemma é NHIA Sharon Arts Center Gallery con esposizioni di artisti internazionali ed un negozio con arte ed artigianato prodotto da artisti regionali.  In tema di produzioni locali, Sarah’s Hat Boxes  nella showroom espone scatole colorate fatte a mano e Peterboro Basket Co. é il più antico artigiano di ceste degli Stati Uniti.

Nel cuore di Peterborough The Monadnock Center for History and Culturepreserva e celebra il passato della regione con quattro esposizioni che sono una vera delizia per gli amanti della storia.  Una stanza espone mobilia americana originale antica, orologi ed arte decorativa; c’é poi una stanza da cucina antica che replica quella del 1785 nella casa di William Robbe a Peterborough, The Robbe Family Kitchen. Non  perdetevi la Peterborough Library,  la più antica biblioteca degli Stati Uniti sovvenzionata con le tasse dei cittadini dal 1833! Infine: spaziate liberamente approfittando di Eastern Mountain Sports per scoprire la natura di questa regione, al meglio ovviamente durante la gloriosa estate indiana e, nelle giornate terse, camminando nel Miller State Park dal quale si intravede lo skyline di Boston.

A cura di Redazione | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.