Chic, glam, dreaming Tunisi

L’anima chic di Tunisi. Dalla collina di Sidi Bou Saïd fino a Gammarth si estende la zona chic di Tunisi ovvero la zona delle ville, degli hotel a 5 stelle e della nightlife delle discoteche dei migliori DJ. In questo periodo andare nella capitale oltre a essere chic è anche bello e interessante, a breve si terrà la settima edizione del Festival “Dream City”  dal 4 al 13 ottobre 2019.

Festival D’art Dans La Cité “Dream City” è il festival multidisciplinare d’arte contemporanea che si svolge ogni due anni a Tunisi. Nato nel 2007 dai ballerini e coreografi tunisini Sofiane e Selma Ouissi, è diventato parte del tessuto artistico tunisino. Il festival è inoltre sostenuto dall’associazione L’Art Rue e dall’Istituto francese della Tunisia.

Dieci giorni durante i quali la medina di Tunisi aprirà le sue porte ad una moltitudine di persone che potrà aggirarsi per i suoi vicoli tortuosi in cerca delle più disparate forme d’arte. “Dream City” porta alla luce creazioni di artisti visivi, musicisti, attori, ballerini, scenografi, coreografi, fotografi, registi, cineasti, architetti, filosofi e scrittori, il tutto in luoghi chiusi e contesti inusuali, portatori di vita sociale, cultura e patrimonio come bar, case private, cappelle, ristoranti, scuole, piazze, vicoli e biblioteche.

Per sapere di più sul festival “Dream City” vedi il programma

Ma per scoprire le zone più cool bisogna andare a La Marsa considerata da molti tunisini la parte più chic e con l’anima più vibrante. Una spiaggia incontaminata circondata da bianche residenze di lusso rende questa cittadina un piccolo angolo di paradiso che nei fine settimana si affolla di giovani tunisini in cerca di divertimento. Si compone di diversi quartieri tra cui Marsa City, Marsa Beach, Marsa Ennassim ed è una stazione balneare molto apprezzata dai tunisini. Lungo la strada che porta a Gammarth, si trova il quartiere esclusivo di Marsa Cube caratterizzato da una serie di ville di lusso.
Questa località fu scelta dai Bey tunisini come residenza estiva. Il palazzo Abdalliya fu utilizzato come residenza per i consoli d’Inghilterra per poi diventare la casa degli ospiti europei in visita in Tunisia. Alla fine della seconda guerra mondiale, l’edificio divenne una scuola elementare, oggi ospita un centro culturale ed è una delle testimonianze dell’architettura musulmana meglio conservate in tutto il Maghreb.

Poi c’è l’incantevole e famoso sobborgo blu e bianco di Sidi Bou Saïd con gli hammam tunisini e le pasticcerie francesi. Il tramonto è il momento perfetto per una passeggiata tra le vie  per poi sedersi in uno dei tanti locali per gustare un caffè turco o un tè alla menta con i pinoli, mentre ci si rilassa fumando la chicha.
La zona di Gammarth invece è rinomata per via della presenza di numerosi hotel appartenenti alle catene alberghiere di fama internazionale o esponenti del lusso locale. Gammarth è sicuramente il luogo ideale dove trascorrere una rilassante vacanza tra spiagge bianchissime, servizi di altissima qualità e divertimento.

www.tunisiaturismo.it

di Teresa Scacchi|Riproduzione riservata ©Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.