Valle d’Aosta: sulle Alte Vie con il Tor des Géants

Tor des Géants
Tor des Géants ©Stefano-Jeantet

Dal 6 al 15 settembre 2019, la Valle d’Aosta ospiterà la decima edizione il Tor des Géants, o Giro dei Giganti in dialetto locale, un endurance trail con partenza e arrivo a Courmayeur che si snoderà tra le Alte Vie della regione e attraverserà il Parco Nazionale del Gran Paradiso e quello del Monte Avic.

Il Tor, lungo 330 km e con un dislivello positivo di 24mila metri da completare al massimo in 150 ore, negli anni è divenuto un imperdibile appuntamento sportivo di fama mondiale. E non è un caso che in questa nuova edizione saranno  75 i Paesi rappresentati.

Il percorso comprende numerosi passaggi in altitudine, anche oltre i 3.000 metri di quota. La particolarità ed il fascino del tragitto che attraverserà i territori della Valle d’Aosta sono i due elementi che fanno da richiamo non  solo per i top runner internazionali, ma anche per chi desidera realizzare il sogno di cimentarsi in una sfida temeraria al cospetto dei quattro massicci da quattromila metri della regione: Monte Bianco, Monte Rosa, Gran Paradiso e Cervino. La partenza è prevista alle ore 12 di domenica 8 settembre da Courmayeur.

In occasione della decima edizione dell’evento è stato organizzata una sfida ancora più esaltante ed impegnativa: il “Tor des Glaciers”. La gara percorre le Alte Vie dimenticate 3 e 4 e lambisce i ghiacciai e altre zone incantevoli ma poco esplorate. Una prova, questa, che unisce spirito agonistico a quello dell’avventura.

Il percorso metterà a dura prova cento ultratrailer selezionati che vedranno i loro nomi negli annali del TOR per aver partecipato ad una edizione esclusiva dell’evento. La sfida, con inizio e fine a Courmayeur, partirà alle ore 20.00 di venerdì 6 e dovrà essere conclusa entro le ore 18.00 di sabato 14, per un totale massimo di 190 ore.

Per coloro che non vogliono rinunciare all’attività sportiva e al brivido dell’avventura è stato ideato il TOR130 – Tot Dret, una corsa di 130 km e con 12000 metri di dislivello positivo che darà l’occasione di ammirare da più vicino le cime del Monte Rosa, del Monte Bianco e del Cervino che imponenti si elevano verso il cielo. La partenza di questa gara, giunta alla terza edizione, è prevista da Gressoney-Saint-Jean martedì 10  alle ore 21.00 con arrivo alle ore 17.00 di giovedì 12 settembre a Courmayeur e prevede un tempo massimo di 44 ore.

Un’altra novità di questa edizione è il TOR30 – Passage Au Malatrà, una competizione di 30 km e dislivello positivo di 2300m, pensata per quanti vogliono vivere le prime esperienze di trail running.

Il tracciato, che attraverserà il passaggio di Col de Malatrà a 2925 metri, partirà da Saint-Rhémy-en-Bosses alle ore 10.00 di sabato 14 e dovrà essere terminato alle 18.00 dello stesso giorno. Una gara solo all’apparenza più semplice delle altre ma che richiede comunque esperienza ed allenamento per affrontare i dislivelli e l’alta quota.

Il grande evento sportivo in programma nella Valle d’Aosta, però, non è solo una competizione agonistica ma anche una divertente festa per il pubblico di amici e sostenitori dei runner con diversi appuntamenti da non perdere in calendario.

Nel primo pomeriggio di venerdì 6 settembre, ad esempio, si svolgerà infatti la grande cerimonia di inaugurazione con sfilata delle nazioni, proiezioni, spettacoli teatrali e consegna dei pettorali ai top runner. Domenica 15, invece, si terranno le premiazioni di tutte le gare, presso il Courmayeur Mountain Sport Center.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

 

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.