Lucca dentro la cerchia degli alberi

Lucca cinta muraria cinquecentesca, piazze eleganti, chiese, natali illustri (tra cui Giacomo Puccini). Una città da assaporare al ritmo lento della bicicletta.

Testo e foto di Patrizio del Duca

Sfoglia il magazine LATITUDES

Un piccolo gioiello che affonda le radici nella storia: è Lucca, adagiata sulla piana omonima, tra le Pizzorne e il Monte Serra, lambita dal Serchio, accarezzata da un leggero vento dalla Versilia. Ricca di ville e dimore imperiali, torri e chiese di marmo bianco di Carrara, che contrastano con le tonalità cupe delle gole che aprono l’ingresso alla Garfagnana.

La Lucchesia tutta, per le colline dolci e coltivate a vini e olivi, suggerisce un ritmo lento e sapori genuini; e il suo capoluogo non è da meno, senza però dimenticare eventi ed attrazioni significative: il terzo weekend di ogni mese il centro di Lucca ospita uno dei mercati di antiquariato più apprezzati d’Italia, mentre tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre è in programma il Lucca Comics and Games, il festival dedicato al fumetto e all’animazione che ogni anno attira in pochi giorni più di duecentomila visitatori.

Photogallery

La calma che ha ispirato i grandi artisti

Lucca.

Il ritmo calmo va mantenuto a Lucca durante tutto l’anno, per scoprire la città in ogni stagione, apprezzare la bellezza delle sue piazze, dei suoi palazzi e dei giardini segreti. Per queste strade Giacomo Puccini si aggirava con un sigaro in bocca e il feltro calcato sulla testa; a queste strade si sono ispirati scrittori, pittori e musicisti; proprio per queste stesse strade è quindi ancora più piacevole aggirarsi curiosando tra le rivendite di cereali e legumi e le botteghe di cestai e pellettieri, ancora totalmente attive in pieno centro.

Proprio la cinta muraria, un capolavoro di architettura e ingegneria, venne definita da Gabriele D’Annunzio “arborato cerchio”, e oggi vi si può pedalare con calma e lentezza, grazie ai percorsi dedicati alle biciclette che passano sotto le chiome dei tigli e dei platani. Dalle vie ciclabili si può sbirciare nei cortili delle case e nei giardini dei palazzi arredati con statue e fontane, attraversare le piazze sotto lo sguardo dei personaggi bronzei e marmorei, e ammirare i campanili e le torri merlate. Così si possono varcare le “sortite” buie e umide e affacciarsi dai baluardi sul panorama di tetti e verso le Pizzorne. Dagli slarghi e dalle piccole piazzette che si aprono davanti agli occhi spuntano monasteri severi, palazzi affrescati, chiese imponenti, mura a bugne.

Con la bicicletta si possono seguire le direttrici principali di Lucca: Via Mordini o Nuova, Fillungo e Via Roma, oppure percorrere i perimetri delle piazze più grandi e più belle, come la piazza del Giglio, sede del Teatro di Tradizione – uno dei teatri pubblici più antichi d’Italia, tuttora attivo con stagioni di opera lirica teatro di prosa, danza e musica; oppure piazza Napoleone, detta anche Grande: non a caso, perché rappresenta il punto centrale della città, ospitando la facciata principale del Palazzo Ducale.

Da fora al drento

Lucca.

I quartieri “fora” le mura (San Marco, Sant’Anna, San Concordio e San Filippo) sono collegati al centro (il “drento”, in dialetto lucchese) con piste ciclabili a raggiera. Da ognuna delle sei porte delle mura si diramano percorsi ciclabili sempre suggestivi, e prevalentemente pianeggianti. Per esempio la ciclovia che percorre il parco sul fiume Serchio e lo segue fino alla foce sul mare; oppure un’altra, con qualche pendenza in più, che si snoda sulle colline lungo la via che collega le ville storiche, per un’esperienza a metà tra l’architettura e la natura; o ancora, una ciclopista che porta fino a Pisa.

Tutte le mappe degli itinerari sono consultabili presso il centro noleggio Poli di Piazza Santa Maria, oppure all’Ufficio del Turismo in Piazzale San Donato.

Informazioni

Come arrivare: In auto: Lucca è raggiungibile tramite l’A11 Firenze – Mare; chi viene dalla costa può scegliere la Bretella, la diramazione autostradale che collega l’A12 Genova – Roma con Lucca. Il centro è zona traffico limitato, quindi l’auto va parcheggiata fuori dalle mura.

In treno: la stazione di Lucca si trova sulle linee Firenze – Viareggio e Firenze – Pisa, quindi è comodamente raggiungibile in treno.

In aereo: gli aeroporti più vicini sono quelli di Pisa e Firenze.

Link utili: Centro Informazioni Turistiche, Vecchia Porta S. Donato, Piazzale Giuseppe Verdi, 55100 Lucca (LU). Tel: 0583583150. Sito ufficiale: http://www.turismo.lucca.it/

Testo e foto di Patrizio del Duca|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.