Atmosfere di Natale nel weekend

Piccole delizie della gastronomia locale, spettacoli teatrali, villaggi a tema e presepi. È già Natale in tre suggestivi borghi della penisola, pronti ad aprire le porte per accogliere al meglio i visitatori di ogni età.

Free picture (Homemade Christmas wreath on the background of the Christmas tree) from https://torange.biz/homemade-christmas-wreath-background-christmas-tree-48226

Serra de’ Conti con film e peccati di gola

A partire dalle Marche e da Serra de’ Conti, splendido paese in provincia di Ancona famoso per il suo centro storico di impianto duecentesco, racchiuso da una cinta muraria spezzata da dieci torrioni. Fino al 5 gennaio ci sarà davvero l’imbarazzo della scelta tra spettacoli teatrali, peccati di gola, film, musica dal vivo e intrattenimenti per i più piccoli. È il caso – il 15 dicembre – del Natale in piazza con le letterine scritte dai bambini, e ancora del “Combat Folk” (21 dicembre), il concerto di Cisco insieme agli amici Luca Lanzi della Casa del Vento e Francesco Fry Monetti dei Modena City Ramblers. Tra proiezioni di film, vin blulé e tombola e polenta in piazza, sarà una buona occasione per visitare il Museo delle Arti Monastiche, una struttura unica nel suo genere che racconta oltre cinque secoli di vita claustrale attraverso gli oggetti della vita quotidiana e delle attività manuali delle monache. A Serra de’ Conti spiccano anche il Chiostro di San Francesco annesso al Palazzo Comunale, il Monastero di Santa Maria Maddalena e il percorso panoramico di San Paterniano.

Antrodoco: Natale di giocoleria e arti circensi

Spostandosi nel Lazio, “Le Officine di Babbo Natale” daranno il benvenuto ai visitatori ad Antrodoco (Rieti), paese considerato il “Centro d’Italia”. Nella tensostruttura riscaldata e allestita a tema presso il Chiostro di Santa Chiara, si svolgeranno fino al 6 gennaio spettacoli acrobatici, laboratori creativi, animazioni, proiezioni di cartoni animati e tombolate. Per i più grandi è stato inaugurato un museo diffuso, un’esposizione pittorica nelle attività commerciali di Antrodoco, e sarà possibile riscaldarsi e ristorarsi in diverse attività commerciali con aperitivi natalizi a base di prodotti locali e dolci come la copeta e gli amaretti. Giornate particolarmente ricche di eventi saranno quelle del 14 e 15 dicembre tra mercatini natalizi, laboratori di ceramica, spettacoli di giocoleria, arti circensi e teatro di strada, oltre a un percorso del gusto dedicato alle specialità dolciarie della tradizione locale. Il 22 dicembre sarà la volta del “salotto di Natale” e dell’officina di fotografia, mentre il 26 e 27 saranno giornate dedicate rispettivamente alle officine di canto e di teatro.

I presepi di Alatri

Un po’ più a sud, ma restando sempre nel Lazio, ad Alatri – l’antica Aletrium in provincia di Frosinone che fu uno dei principali centri del popolo italico degli Ernici – è tornata la spettacolare Mostra dei Presepi Artistici: l’appuntamento è in programma fino al 12 gennaio nella splendida cornice del Chiostro di San Francesco. Ci saranno oltre 100 opere – di artisti locali e non solo – realizzate con svariate tecniche e materiali: dai Presepi classici a quelli costruiti con pasta di sale, lana e altri tessuti, da quelli di carta a quelli di plastica, senza dimenticare quelli in stile palestinese, che riproducono l’ambiente “naturale” nel quale avvenne la nascita di Gesù. Al contempo è stato allestito in Piazza Santa Maria Maggiore il Mercatino di Natale, con un ricco programma di spettacoli e giochi, delizie della cucina da assaporare, il Presepe Vivente, la casa di Babbo Natale e l’arrivo della Befana. Sarà insomma una buona occasione per immergersi nelle suggestive atmosfere natalizie, godendo al contempo delle gustose specialità gastronomiche del posto (a partire dalla rinomata cipolla locale) e delle bellezze di un luogo dal fascino unico.

a cura di Fuoriporta |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.