Una città da favola nel centro della Germania: Quedlinburg

Passeggiando per le vie di questo piccolo centro ci si aspetta quasi di vedere spuntare una creatura delle favole tradizionali: è la magia di uno dei più estesi Patrimoni UNESCO della nazione.

Un canale per le strade di Quedlinburg

Una città di 24.000 abitanti in una zona non certo molto battuta dal turismo internazionale. Le vie pedonalizzate del centro storico. I tetti disallineati, storti, di diverse altezze. Le casette con le finestrelle e le travi a vista. Il castello che svetta sulle tegole. Sembra un dipinto, ma è Quedlinburg. E vale la pena trascorrere un weekend in questo posto magico, specialmente prima di Natale, quando le vie si animano di bellissimi mercatini.

Ecco qualche consiglio su cosa vedere e come passare il tempo qui.

Il paesaggio dalla Stiftskirche

Skyline di Quedlinburg dal promontorio della Stiftskirche

Si erge nella zona sud del centro storico un edificio imponente sulla piccola collina: sembra un castello incantato. È la Stiftskirche, costruita quasi mille anni fa, e da allora rimaneggiata e ricostruita, ma che conserva il suo fascino antico. All’interno si respira un’aura solenne, mentre dall’esterno si può ammirare quasi a 360 gradi il paesaggio: a sud, le basse colline e la pianura verde della Sassonia-Anhalt; a nord, le vie del centro storico: una meraviglia agli occhi, con le casette affastellate una a fianco all’altra a formare uno skyline unico. Non c’è niente fuori posto, nessuna stonatura: sembra quasi un paesaggio finto. E invece – e questo è il bello – è tutto autentico: le case sono originali, e risalgono al Medio Evo e al Rinascimento.

Münzenberg

Vicino alla chiesa sorge un piccolo promontorio, il Münzenberg, su cui si sostengono a vicenda 65 casette di fondamentale importanza: ogni casa, di fatto, è un monumento storico. Questo luogo era già abitato nella preistoria, e sono conservati i resti di un monastero di più di mille anni fa, che porta lo stesso nome del promontorio. Da qui si può ammirare Quedlinburg e anche la Stiftkirche.

Marktplatz: il centro della vita di Quedlinburg

Il punto centrale del Centro Storico: la Piazza del Mercato, che nei giorni di sole brulica di vita, anche perché il mercato c’è ancora – in alcuni giorni. Su questa piazza si affacciano le case a graticcio, il Municipio (un altro gioiello architettonico corredato da vetrate e affreschi meravigliosi), con davanti la statua di Rolando, la Sparkasse, l’ufficio turistico e graziosi bar.

Camminare per le vie della città

Un personaggio noto in cartapesta indica la strada su una viuzza del centro

Il centro non è grande, e passeggiarci è un piacere. Le stradine conducono alla Piazza del Mercato, ma si perdono in viottoli nascosti che regalano scorci stupendi delle antiche case di questo posto: è davvero una magia camminare sui vicoli pavimentati a ciottoli, immaginandosi che la vista di quell’angolo di strada, cinquecento anni fa, forse era quasi uguale. Molte leggende riguardano queste strade e questi piccoli palazzi, ma è più piacevole farsele raccontare dagli abitanti del luogo davanti a un boccale di birra.

In inverno molte vie del centro e la Piazza del Mercato si animano con i mercatini natalizi, che aggiungono un’ulteriore atmosfera fatata a Quedlinburg.

Subito fuori dal centro: una passeggiatina a Brühl Park e due passi tra le case moderne di Breischeid straße

Una delle case di Breischeid straße

Per rilassarsi un po’ in mezzo al verde, a pochi minuti a piedi dal centro, c’è il Parco Brühl, con alberi antichi quanto le case a graticcio e sentieri in cui perdersi: è anche un parco perfetto per fare divertire gli amici a quattro zampe.

A nord-ovest del centro invece c’è Breischeid straße, progettata dall’architetto Herbert Puls, secondo canoni moderni e rivoluzionari per l’epoca (siamo nei primi decenni del ‘900): tutta un’altra epoca rispetto alle case in centro, che pure si trovano a poche decine di metri in linea d’aria. A proposito di modernismo, Quedlinburg ospita anche la Lyonel-Feininger-Gallery, che ospita opere di Feininger, famoso insegnante della Scuola Bauhaus.

Dove dormire

Vista da una camera dell’Hotel Schlossmühle

Ci sono diversi alberghi nel centro storico; uno dei più graziosi è l’Hotel Schlossmühle, alle falde del promontorio della Stiftskirche, sull’antico canale che bagnava uno dei mulini della città. Un ottimo servizio e camere ampie e luminose, oltre ad un discreto ristorante.

Informazioni

Sito dell’Hotel Schlossmühle

Sito della città di Quedlinburg

Testo di Stefano Ghetti|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.