BTM 2020, una tre giorni di turismo di grande successo

La BTM  è un grande evento per scoprire gli ultimi trend emergenti in fatto di turismo 

La BTM – Business Tourism Management di Lecce Fiera si conferma essere un grande ed apprezzato evento per quanti desiderano scoprire, per un motivo o un altro, gli ultimi trend emergenti in fatto di turismo. Alla VI edizione appena conclusasi, infatti, hanno partecipato circa 16mila persone tra operatori turistici albergatori, esperti di marketing, startupper, amministratori pubblici e semplici curiosi oltre ai tantissimi espositori.  La parola chiave scelta per questa edizione da Nevio D’Arpa, organizzatore di BTM, è stata Travel&innovazione. Lo stesso D’Arpa, con la preziosa collaborazione di Mary Rossi Event Manage, ha sviluppato il programma su diversi percorsi tematici: hospitality&destination, sostenibilità, digital strategy, innovation, food & wine.

Il successo è testimoniato dalla presenza di più di 300 aziende, 175 espositori, 80 buyer internazionali provenienti da tutto il mondo. Senza dimenticare startup e nuove tecnologie. Nel corso della manifestazione si sono svolti anche spettacoli teatrali e sessioni formative con le scuole ad indirizzo turistico. Gli stand sono stati affollati in gran parte degli incontri in programma, a dimostrazione del gradimento del pubblico per la manifestazione. Tra gli appuntamenti più gettonati la sezione BTMLove, uno spazio nel quale si sono concentrate tutte le tendenze 2020 del destination wedding tourism, il turismo cioè legato alle destinazioni per le coppie.

Questo settore rappresenta una straordinaria opportunità̀ di sviluppo e di internazionalizzazione il cui giro di affari è stimato in 440 milioni di euro frutto di oltre un milione di clienti che hanno usufruito del servizio. Come meta preferita, la Puglia che ha ospitato la rassegna si posiziona terza a livello nazionale, sia per bellezza che per qualità̀ dei servizi offerti. Punto di forza del BTM è stato il B2B, l’incontro tra buyer e seller. Tra i primi, oltre agli italiani, figurano anche tanti stranieri provenienti da Inghilterra, Germania, Francia,  Russia, Canada, Stati Uniti e Australia, solo per citare alcuni Paesi.

Grande interesse ha destato BTMtralerighe, una rubrica dedicata a una serie di libri tecnici incentrati sul come migliorare le competenze degli operatori turistici così come è stato apprezzato  il livello di professionalità dei relatori e la coerenza narrativa del programma. Alla manifestazione non poteva mancare una sezione dei sapori. Non è un caso che anche BTMGusto, area dedicata al turismo eno-gastronomico, abbia catturato l’attenzione dei partecipanti. In questo spazio sono state presentate numerose case history, progetti e tavole rotonde, oltre a show coking con ricette della tradizione pugliese. Alla BTM 2020 si è parlato anche di nuove esperienze di viaggio tra tende sospese, eremi chic e case di design e come incentivare le destinazioni con lo sport e la digitalizzazione. E non solo.

Anche quello dell’ambiente è stato un argomento che ha coinvolto i partecipanti alla rassegna. L’intelligenza artificiale, lo spreco alimentare e la sostenibilità sono stati tra i temi trattati per rendere un’esperienza di soggiorno sempre più attenta al pianeta. Grazie all’evoluzione, BTM rafforza di anno in anno la propria leadership tra le manifestazioni dedicate alla industria del turismo.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

 

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.