---

Giornata delle Ferrovie dimenticate: riscoprire le tratte in disuso

0
Giornata delle Ferrovie dimenticate: riscoprire le tratte in disuso
Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/Vladimir163rus-6570219/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2818748">Владимир Харитонов</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2818748">Pixabay</a>
Foto di Владимир Харитонов da Pixabay

Domenica 1 marzo ha preso il via la 13 esima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate, che prevede eventi in tutta Italia fino al 30 aprile. Si tratta di un evento ideato per far riscoprire  e valorizzare antiche linee che attraversano l’Italia ma che oggi sono chiuse  al traffico e lasciate sprofondare nell’oblio. Organizzata da Co.Mo.Do, la Cooperazione per la Mobilità Dolce, e patrocinata da diversi enti e associazioni: tra questi vi sono il Ministero dell’Ambiente, l’ISPRA (Istituto Superiore per l’Ambiente), dalla Rete mineraria italiana REMI, dall’ENIT, dall’associazione Cammini d’Europa e dalla DMO Internazionale Mediterranean Pearls. L’iniziativa è mirata alla promozione e alla riconversione delle ex tratte ferroviarie in greenway o piste ciclabili, nel pieno rispetto dell’ambiente.

A oggi sono stati recuperati circa 800 km di tracciati con sessanta interventi di utilizzo, dalla greenway Spoleto- Norcia, alla Treviso-Ostiglia fino al ritorno del Trenino Verde in Sardegna tra Mandas e Laconi. Tanti tesori, spesso sottovalutati, che formano un patrimonio unico nel suo genere la cui rivalutazione porterà benefici al’intero Paese.

Ferrovia Turistica del Tanaro

Si pensava che dalla giornata della memoria ferroviaria si sarebbe passati in breve tempo alla giornata del grande ritorno del treno. Sono trascorsi 13 anni dall’avvio della battaglia. Molti i risultati ottenuti ma tanti altri ancora da raggiungere. Diverse, infatti, sono le tratte che, in totale stato di degrado, sono ancora chiuse. Difficilmente queste potranno rivedere il passaggio dei treni. Ma la loro utilità non è svanita del tutto. Queste ferrovie, infatti, possono essere riqualificate e trasformate in suggestive strade verdi percorribili facilmente da tutti.

La Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate organizza in tutta Italia decine di eventi in bicicletta, a cavallo o a piedi, che radunano migliaia di appassionati outdoor. Anche quest’anno non mancheranno i momenti di incontri, flash mob, raduni e convegni con esperti ambientali.

Questo appuntamento ha dato anche il via contemporaneamente al Mese della mobilità dolce (1 marzo-30 aprile), nato per favorire lo sviluppo di un microsistema economico, sociale e culturale rispettoso del patrimonio naturalistico italiano. Un modo diverso, suggestivo e senza affanni di spostarsi ammirando contemporaneamente, anche nei minimi dettagli, tutto ciò che ci circonda.

Per conoscere tutte le iniziative in programma per la 13esima Giornata Nazionale delle Ferrovie Dimenticate si consiglia di consultare il sito Co.MO.Do.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Nessun Articolo da visualizzare