Castel Trauttmansdorff: tutto quello che hai desiderato in questi mesi

Nei giardini di Castel Trauttmansdorff, a cinque minuti dal centro di Merano, c’è tutto quello che abbiamo desiderato e sognato durante la quarantena.

Laghetto delle Ninfee e Café delle Palme © Press Way

Chiusi in casa negli ultimi mesi, tutti abbiamo desiderato di ammirare un panorama, goderci il lettino in spiaggia o di bagnare i piedi in un lago. A tutti sono mancati i colori, la natura, i profumi, le suggestioni di una vacanza. Castel Trauttmansdorff è la riposta a chi vuole ritrovare tutte queste meravigliose sensazioni in un unico viaggio.

I Giardini del Castello

Giardini di Castel Trauttmansdorff © Press Way

Il giardino si estende per dodici ettari attorno all’imponente Castello il quale, tra l’altro, ospita il Touriseum, il museo del turismo di Merano. I giardini, completati nel 2001, costituiscono un vero e proprio orto botanico, un’oasi di verde calata in un panorama già stupendo delle montagne del Gruppo di Tessa.

La Spiaggia delle Palme

Spiaggia delle Palme © Press Way

In qualità di orto botanico, questi Giardini ricreano gli ambienti che ospitano gli alberi esotici: arrivando alla Spiaggia delle Palme, vi sentirete al mare, in una spiaggia tropicale, potrete camminare a piedi nudi sulla sabbia e sdraiarvi su un lettino, ma, invece del mare, avrete davanti agli occhi i monti.

Il giardino giapponese

Laghetto delle Ninfee © Press Way

Per ritrovare le atmosfere orientali, da visitare il Giardino Giapponese: una passeggiata tra i ruscelli e le cascatelle, sapientemente condotti attraverso letti di sassi, sui quali appoggiare i piedi e rinfrescarsi

Da non perdere neanche il Laghetto delle Ninfee, il cuore dei Giardini e lo specchio d’acqua più esteso. Una calma speciale lo contraddistingue e l’atmosfera è particolarmente romantica. Tra i fiori di loto e le ninfee a pelo d’acqua nuotano anatre, tartarughe e carpe koi. Inoltre il Café delle Palme si affaccia sull’acqua ed i suoi finestroni consentono una visione panoramica del Lago e di tutto il Giardino.

Il paesaggio di Montagna

Giardino degli Innamorati © Press Way

Pur essendo nel pieno centro dell’Alto Adige, in questo Giardino sono riprodotti gli ambienti che contraddistinguono questa regione: ci può specchiare in un suggestivo laghetto di montagna, attraversato da un ponte e circondato da canneti; da provare anche la passeggiata attraverso un piccolo bosco di roverelle ed uno di ontani e salici.

Per esplorare foreste più esotiche, la sezione Boschi del Mondo ospita piante ornamentali che provengono da ogni angolo della Terra ed addirittura dalla preistoria. La Valle delle Felci conserva abeti d’acqua, araucarie e ginkgo, insieme alla wollemia nobilis, una delle piante più rare al mondo. Da visitare anche Bosco di Bambù, in cui crescono più di quaranta specie di questa pianta così particolare.

Infine, per i più romantici, il laghetto del Giardino degli Innamorati, in cui si trova un’installazione che rappresenta tre grandi mazzi di fiori.

La sicurezza al Castello

Le misure di sicurezza dei Giardini di Castel Trauttmansdorff sono precise e valide: l’orto botanico non accoglie più di settecento persone; tutti i visitatori hanno l’obbligo di portare la mascherina nel caso in cui non si possa rispettare la distanza di sicurezza. Nell’itinerario di visita saranno presenti distributori di disinfettante per le mani ed alcune aree avranno un percorso obbligatorio e a senso unico.

I prezzi

Per questa stagione il biglietto d’ingresso costa 11 € a persona. Per le famiglie composte da due adulti e ragazzi sotto i 18 anni, il prezzo complessivo è di 24 €; le famiglie composte da un solo adulto e da ragazzi sotto i 18 anni dovranno pagare 13 €. Disponibile anche piccolo abbonamento stagionale, valido per tre giorni, al costo di 28 € per i singoli e 65 € per le famiglie.

Info utili

Per ulteriori informazioni, visitare il sito dei Giardini di Castel Trauttmansdorff

A cura di Stefano Ghetti|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.