I litorali meridionali della laguna veneta

Dalla sottilissima isola di Lido fino a Chioggia-Sottomarina, passando per Pellestrina: alla scoperta delle spiagge meridionali della laguna veneta.

Diga di Sottomarina, Chioggia (VE) Veneto

Lido e Pellestrina appaiono come sottilissime isole a protezione della laguna veneta; più a sud, Chioggia si bagna nelle stesse acque e, presso la località di Sottomarina, la laguna si stringe e si chiude. Tutte queste località sono pronte ad accogliere gitanti e turisti anche quest’estate.

Le bellezze naturali non sono certo diverse dagli anni passati e gli ottimi servizi non deludono anche quest’anno. Senza contare il fatto che si trovano a pochissime centinaia di metri di traghetto da una delle città più belle del pianeta.

Lido di Venezia

Quest’isola dalla forma allungata si estende tra due estremi caratteristici: da una parte il Faro di San Nicolò che, assieme al Faro di Punta Sabbioni, sul versante di Cavallino-Treporti, costituisce l’ingresso principale alla laguna di Venezia per le grandi navi e i battelli; a sud, la Diga Faro Alberoni. Tra questi due fari, le bellezze di quest’isola.

Le spiagge di Lido di Venezia sono meno ampie rispetto a quelle di Caorle e Bibione, ma il litorale è lungo quasi tredici km. I fondali scendono molto dolcemente, rendendoli perfetti anche per i bambini, che possono fare il bagno in totale sicurezza. inoltre, alle spiagge attrezzate si alternano spesso le spiagge libere

Per chi ama il verde, nel sud dell’isola la sottile lingua di terra si allarga e la spiaggia lascia spazio ai canneti e agli alberi dell’oasi WWF Dune degli Alberoni.

Tra il mare aperto e la laguna, sull’isola sorgono numerosi alberghi e ristoranti; da non perdere il luogo dove si svolge uno degli eventi più importanti della laguna; infatti presso il Palazzo del Cinema si svolge annualmente la celeberrima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, uno dei festival di cinema più importanti al mondo.

Le spiagge libere di Pellestrina

La forma di quest’isola è molto simile a quella del Lido ed allo stesso modo è spesso scelta dai veneziani che vogliono trascorrere una giornata al mare. La differenza è che le spiagge qui sono quasi tutte libere e conservano un po’ di quell’atmosfera selvaggia che sulle altre spiagge venete è difficile trovare.

Anche qui non mancano i ristoranti di pesce freschissimo e l’isola è bellissima da esplorare anche in bicicletta. Nell’estremità meridionale, similmente al Lido di Venezia, Pellestrina si allarga verso la Riserva Naturale Ca’ Roman. Caratteristica, oltre a questa macchia verde, anche la diga sottilissima che collega Pellestrina a Ca’ Roman: i Murazzi, costruiti secoli fa per difendere la laguna dalle onde del mare aperto.

Chioggia e Sottomarina

Chioggia (VE) Veneto

Il canale racchiuso tra il Faro Verde e il Faro Sottomarina Diga separa la Riserva di Ca’ Roman dalla località di Sottomarina, a pochi passi da Chioggia. Qui si può godere delle sue spaziose spiagge, soprattutto nella zona nord; su molte di esse sorgono stabilimenti balneari ottimamente attrezzati, oltre a ristoranti, pizzerie, bar; inoltre, ad un passo dalla spiaggia, sono disponibili alloggi per tutti i gusti: sia hotel che campeggi.

Chioggia, che da Sottomarina dista letteralmente cinque minuti a piedi, merita anch’essa d’essere visitata. È una cittadina magnifica, solcata da canali, calli e campielli, che le conferiscono un aspetto del tutto simile a Venezia; non a caso è conosciuta come la piccola Venezia.

Da non perdere neanche le sue chiese: oltre alla Cattedrale di Santa Maria Assunta, sorge qui la basilica di San Giacomo Apostolo, all’interno della quale è esposto il ceppo sul quale, secondo la tradizione, Santa Maria si sedette sorreggendo il Cristo morto. La chiesa di Sant’Andrea è famosa perché la sua torre, chiamata Torre dell’Orologio, possiede l’orologio funzionante più antico al mondo, ben visibile sulla facciata.

Testo di Stefano Ghetti|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.