La Thuile energia di montagna

Quando si arriva a La Thuile ciò che cattura immediatamente l’attenzione è la natura nella sua immensa purezza; da ammirare per i suoi grandi spazi, i suoi vivaci contrasti di colore, i fitti boschi di conifere; ma sopratutto le cime della catena del Monte Bianco che svettano da qualsiasi prospettiva e l’iconico massiccio del Rutor che, con il suo esteso ghiacciaio, sorveglia la vallata.

Lago di bellacomba _La Thuile valle d’aosta

La Thuile è uno di quei posti dove è bello sentirsi liberi e lasciarsi abbracciare dall’energia della montagna, ritrovare tempo per se stessi, arricchirsi di emozioni e rigenerare corpo e spirito. Siamo in Valdigne, nel nord ovest della Valle d’Aosta, a 1.441 m di altitudine; a pochi chilometri dall’uscita dell’autostrada, vicini alle grandi città del Nord Italia e a Francia e Svizzera tramite il traforo del Monte Bianco; lontani quanto basta per dimenticare la frenesia della vita quotidiana, in un contesto dove lo sviluppo turistico è sempre più sostenibile e socialmente responsabile.

Trekking in montagna

A La Thuile sono molti i percorsi di trekking, alcuni più conosciuti altri meno battuti; sono tutti egualmente immersi negli ambienti puri e silenziosi di una montagna volutamente poco antropomorfizzata. Una montagna potente la cui energia diventa linfa per disintossicarsi dai ritmi imposti dalla vita metropolitana e recuperare benessere psico-fisico.

Prendendo la cartina dei sentieri di La Thuile c’è solo l’imbarazzo della scelta. Da una parte i valloni di Youlaz, Orgères, Chavannes e Breuil verdi, selvaggi, preziosi da un punto di vista geologico e ricchi di testimonianze storiche; quando si arriva in sommità, questi luoghi magici regalano un affaccio privilegiato sulla catena del Monte Bianco. Dall’altra i sentieri che portano verso la zona del Rutor con le sue cascate, i laghi di Bellacomba, il lago Verde e il lago Grigio; inoltre il rifugio Deffeyes partenza per la più impegnativa escursione verso il ghiacciaio del Rutor, il sesto in Italia per estensione.

Alla ricerca del fiore perduto

Puntando invece verso il Colle del Piccolo San Bernardo, si può raggiungere il Lago Verney, il più vasto specchio lacustre naturale della Valle d’Aosta che si trova a 2.088 m di altitudine, oppure procedere verso l’area archeologica proprio nella zona di confine tra Italia e Francia.

Di origine glaciale, intorno alle sponde del Lago Verney si trova una ricca varietà di flora. Le rive ospitano carici, eriofori e sfagni, mentre la circostante area paludosa è ricca di giunchi, asperelle, ranuncoli e più in là, vicino alle risorgive vivono sassifraghe e primule. Esattamente dalla parte opposta due passeggiate classiche per le famiglie: quella che da Colle San Carlo conduce in quindici minuti al Belvedere di Arpy, una balconata da cui ammirare la catena del Monte Bianco oppure quella che porta al lago di Arpy.

Pesca no-kill

Nei laghi e nei fiumi della zona è consentita la pesca solo se muniti di speciali permessi acquistabili presso l’Ufficio del Turismo. È possibile praticare anche la pesca no kill, esclusivamente con la tecnica a mosca inglese o valesiana, con ami senza ardiglione. La meraviglia del paesaggio, l’immensità e la potenza di una natura più viva che mai, il silenzio che avvolge le montagne, la storia e le leggende rendono questo luogo ancor più avvincente e suggestivo, custode di una particolare energia da vivere in libertà, in funzione delle proprie passioni e curiosità.

Info utili

Presso il Consorzio Operatori Turistici La Thuile è possibile prenotare una visita nell’area archeologica con l’accompagnamento di una guida della natura; per maggiori info consultare il sito ufficiale.

Testo di Stefania Bortolotti | Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.