Terme d’estate in Veneto: salute e sicurezza

Non solo d’inverno: anche quest’estate molte Terme del Veneto sono aperte e pronte ad accogliere i visitatori in sicurezza totale.

Terme di Colà di Lazise

Il Veneto è la regione italiana con il più alto numero di terme. La tradizione delle cure termali in questa terra è antichissima, e la professionalità e la grande organizzazione di questi stabilimenti rendono queste strutture una meta scelta dai turisti di tutta Europa. Il benessere recato dalle cure termali in queste zone è una missione da parte da chi lavora in questo campo, e attorno alle terme si è sviluppata nel corso del tempo un’industria turistica davvero valida: strutture alberghiere accoglienti, ristoranti con menu salutari, attività sportive assistite.

Quest’industria è attiva anche quest’estate e, con le dovute precauzioni e qualche rinuncia, è pronta ad accogliere gli amanti delle terme. Tra le rinunce obbligate c’è quella alle saune e ai bagni turchi, che rimangono inaccessibili (per direttiva nazionale) salvo quelli inseriti come servizi esclusivi per le camere degli ospiti. Ecco tre delle mete più famose da godere anche quest’estate.

La tradizione delle Terme Euganee

Le piscine delle Terme Abano Montegrotto

Quello delle terme euganee è davvero un grande comprensorio: il Parco Regionale dei Colli Euganei comprende molte stazioni termali, tra le quali le celebri Montegrotto e Abano.

Le acque termali dei Colli euganei sono uniche al mondo a causa delle loro caratteristiche minerali. Defluiscono infatti nel sottosuolo e vi rimangono per molti anni lungo un percorso che si pensa abbia inizio dai Monti Lessini; in questo modo si arricchiscono di sali minerali che rendono l’acqua talmente ricca da essere classificata come ipertermale. Abano e Montegrotto poi sono celebri anche per l’estrazione termale normata da severe leggi che impediscono l’utilizzo indiscriminato e lo spreco delle acque.

Vista notturna dell terme Abano Montegrotto

Un’altra particolarità di queste terme è che non esistono vere e proprie stazioni termali pubbliche: ogni hotel è dotato di propri stabilimenti; questo ha fatto sì che gli stessi hotel nel corso del tempo siano diventati delle eccellenze dal punto di vista dell’accoglienza turistica termale.

I migliori hotel termali

Abano Terme

I migliori Hotel Termali, accreditati dal Sistema Sanitario Nazionale, sono da sempre soggetti a rigorosi protocolli di pulizia e sanificazione. Quest’estate quindi sono pronti ad accogliere i turisti in totale sicurezza. Del resto la salute degli ospiti degli Hotel Termali è una vocazione da più di 2000 anni, a prescindere dal virus. Quest’anno qualche modifica è stata necessaria, ma l’esperienza termale è comunque assicurata. Quasi tutti i servizi, eccetto sauna e bagno turco, sono garantiti come gli altri anni.

Tra gli Hotel Termali che già hanno riaperto i battenti e sono completamente attivi troviamo il Continental Terme Hotel, l’Hotel Terme Helvetia, il Terme Quisisana, il Terme Formentin, il Terme Roma e l’Harrys’ Garden. In questi giorni ha aperto anche l’Hotel Terme Salus. Il 1° agosto riaprono l’Hotel Terme Bristol Buja, il President e il Terme Antoniano. Tra l’8 e il 13 agosto tocca anche all’Hotel La Serenissima e all’Hotel AbanoRitz. Tutti questi hotel si trovano nel bacino termale di Abano e Montegrotto.

Parco termale del Garda a Colà di Lazise

Parco termale del Garda

Riapre anche il Parco termale del Garda a Colà Lazise, con al centro Villa dei Cedri: un complesso davvero grande e valido. Tredici ettari di verde comprensivi di laghetti, fontane, cascatelle, piscine con idromassaggio; il tutto rigorosamente bagnato da calde acque termali ricchissime di sali minerali. Lo stabilimento dispone anche di un centro sportivo riabilitativo e di ristoranti convenzionati.

Le Antiche Terme di Giunone a Caldiero

Terme di Caldiero

A 10 km da Verona, presso il comune di Caldiero, sorgono le Antiche Terme di Giunone. Antiche perché erano molto apprezzate già ai tempi dei Romani, che le conferirono il nome della dea. Le Terme di Giunone oggi sono un Parco acquatico moderno e attrezzato, dentro il quale sono però ancora conservate (e perfettamente funzionanti) le originali vasche termali composte da piscine di marmo risalenti al Medioevo. A fianco ad esse trovano spazio piscine olimpioniche, vasche divertimento, scivoli d’acqua e fontane, oltre a una vasta zona verde.

Info utili

Per le Terme euganee visitare i siti di Abano e di Visitabanomontegrotto

Per il parco Parco termale del Garda (Villa dei Cedri) visitare il sito.

Per le Terme di Giunone visitare il sito.

Testo di Stefano Ghetti|Riproduzione riservata ©Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.