Il giorno in cui nacquero le Seychelles

Il 27 agosto l’arcipelago ha festeggiato la nascita di una società multietnica

27 Agosto 1770

Una delle spiagge più belle delle Seychelles, Anse Source d’Argent a La Digue, @Lucio Rossi

Il veliero Telemaque getta finalmente l’ancora dopo una difficile navigazione dell’Oceano Indiano.

Davanti alla prua c’è la piccola isola di Ste Anne; intorno, un diadema di altre terre verdeggianti totalmente sconosciute.

“Saint Anne island seen from Ile Ronde” by Olivier Roux is licensed under CC BY-NC 2.0

A bordo 28 persone si preparano a sbarcare: 15 coloni bianchi, 7 schiavi, 5 indiani e una donna di colore.

Nel momento esatto in cui mettono piede a terra, nascono ufficialmente le Seychelles, 115 isole allora tutte disabitate ed oggi considerate fra le più belle del mondo.

Una società unica

Sono trascorsi 250 anni da quel momento storico e il giovane paese, nonostante le difficoltà del presente, non vuole rinunciare a celebrare l’evento.

Quel giorno furono gettate le basi per la nascita di una società variegata e ricca di diversità, un’equilibrata mescolanza di razze, abitudini e lingue che hanno poi dato origine alla cultura creola, di cui ogni cittadino delle Seychelles va giustamente fiero. Le isole sono famose in tutto il mondo per le loro spiagge, per il mare tiepido, i fondali corallini e le fitte foreste.

Immergersi nelle tradizioni

Le tradizioni popolari alle Seychelles sono ancora oggi molto vive, La Digue, @Lucio Rossi

Non bisognerebbe dimenticare, tuttavia, di immergersi anche nelle tradizioni di un popolo ancora sereno e generoso. Le danze popolari, i canti, le creazioni degli artigiani, le opere degli artisti, i prodotti della natura sono tesori altrettanto preziosi da salvaguardare.

Perché per altri 250 anni questo Paradiso possa restare intatto e protetto.

Testo di Pier Vincenzo Zoli foto di Lucio Rossi |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.