Trentino: il tempo della neve

Non esiste arte o ingegno umano che possa avvicinare l’armonia di un qualsiasi frammento di Natura. Le tracce, sulla neve, sono solo un pensiero. Poco importa che siano le mie, o quelle della lepre. Il primo soffio di vento le cancellerà, rinnovando la magia della solitudine.

Testo e foto di Michele Dalla Palma

trentino-ciaspole-dolomiti-brenta
Con le ciaspole di fronte alle Dolomiti del Brenta, in Trentino ©Michele Dalla Palma

Nevica da giorni. Questa di inizio dicembre sarà ricordata come “la Grande Neve”. Intorno a casa si è già accumulato uno strato di quasi due metri di soffice freddo. Chiuso nella mia accogliente tana di vecchio larice annerito e stagionato dai secoli, mi godo ogni stilla di tempo, senza fretta e senza bisogno di “dover fare qualcosa”.

Sull’impianto gira il vinile di Four Way Street, leggenda della West Coast anni ’70. Ricordo quando l’ho comprato. Io c’ero, quando Crosby Stills Nash e Young raccontavano di un mondo da cambiare.

In questo mondo isterico e fuori controllo, dominato dalla fretta e dalla paura indotte e condizionate da chi ci vuole ingranaggi inermi di un meccanismo che macina e tritura ogni individualità e ogni pensiero, la neve scende sempre allo stesso modo, e alla stessa velocità. Senza fretta ma inesorabile.

trentino-ciaspole-dolomiti-brenta
Dolomiti del Brenta, in Trentino ©Michele Dalla Palma

Tra gli alberi carichi che sembrano abnormi pupazzi di neve la stradina che dal mio maso porta verso la “civiltà” è nascosta e sepolta sotto un metro e mezzo di neve. Mezzo chilometro di bosco e bianco. Dovrò aspettare, per potermi muovere.

Con una nevicata così da solo non ce la faccio, una quantità simile non si può spostare, bisogna portarla via con la ruspa. Ma ci vorranno parecchi giorni prima che Roberto, col suo mastodontico caterpillar, venga a spostare la barriera caduta dal cielo che mi separa dal mondo.

E allora non avrò più scuse. Ma per il momento mi godo il mio isolamento come un orso nella sua tana. Intanto continua a nevicare, e vivo il mio piccolo paradiso di neve che mi separa dalle follie del mondo. Vivo col ritmo della neve che cade sempre uguale, indifferente alle nostre isterie. Penso. Scrivo. Per me vivere è questo, cercare di sintonizzare il battito del cuore col ritmo della Natura.

Troppi non riuscirebbero a capire, ma neppure a comprendere il significato di Tempo. Che inseguiamo sempre più folli e non riusciremo mai a fermare. Perchè siamo fuori ritmo.

Invece la neve cade sempre allo stesso modo, e alla stessa velocità. Ma bisogna essere capaci di sentirne il respiro, la musica lieve.

Dolomiti di Brenta, paradiso di neve e rocce

La mia baita in Val di Rabbi è a un pugno di minuti dalle scenografie uniche delle Dolomiti di Brenta, inserite nel Parco Naturale Adamello Brenta e considerate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità insieme alle “sorelle” che stanno tutte ad est del fiume Adige.

trentino-dolomiti-brenta
Il Gruppo di Brenta al tramonto ©Michele Dalla Palma ©Michele Dalla Palma

Il Gruppo di Brenta è un’immensa barriera di torri e pinnacoli, simili a un castello delle fiabe, che negli attimi fuggenti dell’alba e del tramonto si stagliano nel cielo colorandosi di irreali tinte pastello che vanno dal rosa all’arancio, dal giallo al viola. Effetto dei cristalli di dolomia che rifrangono i raggi del sole.

Epicentro di questo paradiso alpino è Madonna di Campiglio, dove d’inverno faccio il maestro di sci e, quando la mia attività me lo consente, tolgo gli sci da discesa, indosso quelli da scialpinismo o le ciaspole, esco dalle piste battute e mi inoltro nella magia della montagna.

Camminare nella neve ha qualcosa di “magico”, la coltre bianca assorbe, apparentemente, ogni rumore, isolando i pensieri dal mondo esterno. Per contrasto, forse perché i sensi si eccitano aumentando ogni percezione, riesci allora a percepire il sospiro dei rami d’abete che si liberano del peso della neve, e lo scricchiolio dei cristalli che frantumi sotto la suola degli scarponi.

Non riuscirei mai a rinunciare a questa solitudine. Chiave che apre misteriosi cassetti di ricordi e mi permette di intuire l’armonia dei boschi, delle rocce, della Natura.

Ciaspole, l’inverno per tutti!

Le “ciaspole“, o racchette da neve, antichi attrezzi usati fin dalla preistoria per camminare sulla neve, solo apparentemente goffi e ingombranti, hanno aperto nuovi scenari nel settore del turismo invernale.

trentino-ciaspole-dolomiti-brenta
Con le ciaspole sulle Dolomiti di Brenta ©Michele Dalla Palma

Questa pratica, che sembrava relegata nelle memorie dei vecchi montanari, sta vivendo, stagione dopo stagione, un incredibile successo, al punto che ormai ogni stazione invernale delle Alpi – dalle più blasonate frequentate dal “jet set” ai piccoli comprensori – include nelle proprie proposte turistiche gite ed escursioni con le racchette da neve, di giorno, di notte, al chiaro di luna e chi più ne ha più ne metta.

Le ragioni di questo fenomeno sono molteplici, e tutte positive, perché, a differenza dello sci, questa attività, che tutti possono praticare senza competenze né capacità sportive o fisiche particolari – basta saper camminare! – non arreca al territorio alcun danno strutturale, e ha portato a disposizione di tutti la scoperta degli ambienti invernali in montagna.

Sempre maggiore è il numero di quanti credono importante, per “combattere” lo stress della quotidianità, praticare almeno durante le vacanze attività “lente” come il camminare, lontano dalla ressa degli impianti di risalita e delle sovraffollate piste da sci.

Nel comprensorio di Madonna di Campiglio, ciaspole e bastoncini da sci (indispensabili per camminare correttamente e senza sforzo nella neve) si possono affittare presso uno dei molti negozi sportivi e noleggiatori di attrezzature da montagna; per chi vuole ampliare le proprie conoscenze del territorio, le Guide Alpine locali organizzano gite con le ciaspole di ogni livello, dalla semplice passeggiata alle escursioni più impegnative.

Scialpinismo, con le Guide Alpine

Anche lo scialpinismo sta vivendo un momento di grande sviluppo e successo; oltre agli appassionati di questa disciplina, tanti “sciatori da pista”, stanchi della ressa e forse di tracciati di discesa sempre più omologati alla massima facilità e sempre meno emozionanti, si cimentano con questa attività sportiva.

trentino-sci-alpinismo-dolomiti-brenta
In fuoripista sulla neve è consigliabile farsi accompagnare da una Guida Alpina ©Michele Dalla Palma

Tuttavia è fondamentale sapere che si tratta di un modo di avvicinare e vivere la montagna che esige grande esperienza e anche notevoli capacità tecniche. Uscendo dalle piste tracciate e battute, si entra in un universo selvatico – anche se a pochi passi dalla movida di rifugi e afterski che nasconde grandi pericoli, prime tra tutti le valanghe, sempre in agguato.

Per affrontare la montagna invernale è necessario conoscere perfettamente la storia, la consistenza e le caratteristiche di ogni manto nevoso, ma anche la morfologia delle zone in cui ci si muove, poiché basta il semplice passaggio di uno sci alpinista in un punto sbagliato, o a rischio, per staccare enormi masse nevose che sono responsabili di gravissimi incidenti, a volte con esiti fatali.

Il miglior consiglio che mi sento di dare agli a tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questa emozionante esperienza è: fuoripista sulla neve sempre in compagnia di una Guida Alpina.

Questi professionisti della montagna organizzano ovunque, durante l’inverno, corsi di avviamento allo scialpinismo ma anche emozionanti escursioni, che sulle Dolomiti di Brenta diventano una vera e propria immersione nel mondo magico della neve.

Infoutili

Informazioni sul sito di Visit Trentino e su quello di Madonna di Campiglio

Dove dormire

Il Rifugio Lago Nambino, è uno dei rifugi più caratteristici, si trova in Località Val Nambino a Madonna di Campiglio. È un luogo incantevole che si raggiunge a piedi, con le ciaspole e con gli sci da alpinismo nel cuore del Parco Adamello Brenta.

Escursioni

In questa zona si possono fare escursioni con le ciaspole e sci alpinismo in compagnia delle Guide Alpine rivolgendosi a Sport Elite School Campiglio. Si tratta dei migliori professionisti della montagna, con un ampio calendario di proposte per gli appassionati di scialpinismo ed escursioni con le ciaspole.

Indirizzi utili

Olimpionico Sport, a Madonna di Campiglio, è un negozio che offre la più ampia scelta di attrezzature per lo scialpinismo e le ciaspole.

Fotovideoacademy Italia

Raggruppa alcuni dei più esperti professionisti del fotoreportage in Italia e organizza workshop dedicati alla fotografia nei luoghi più affascinanti d’Italia e viaggi fotografici alla scoperta del mondo. Tel. + 39 328 3931115 –

Sito Ufficiale: www.fotovideoacademyitalia.com/

Facebook: www.facebook.com/Fotovideoacademyitalia

Testo e foto di Michele Dalla Palma|Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.