Romania: il vero castello di Dracula

romania-monti-carpazi-nebbia
Gole profonde e pendii scoscesi, i Carpazi avvolti dalla nebbia ©Viviana Biffani

Il nostro viaggio in Romania era stato all’insegna del caldo anomalo, cieli blu cobalto e mattinate afose.

Strano a dirsi, ma l’unico tratto di Carpazi che si è rivelato nebbioso e plumbeo, è stato quello in prossimità della Fortezza di Poenari, la vera residenza di Vlad III di Valacchia, il cosiddetto Vlad Țepeș – l’Impalatore –  alias, Conte Dracula.

Eravamo a fine vacanza ed avevo riservato quella zona come la ciliegina sulla torta. Le folle solitamente si accalcano in prossimità del Castello di Bran, l’unica fortezza rumena che somigli alla trasposizione draculesca di Bram Stoker.

Ma io avevo preferito escluderlo dal nostro itinerario, perché, per quanto bello, poco si addiceva alle fantasie gotiche che avevano da sempre alimentato il mio immaginario di Transylvania, Valacchia, lupi ululanti e pipistrelli sanguinari.

Insomma, il Castello di Bran è meraviglioso, ma troppo colorato e glamour per una dimora vampiresca: io volevo la nebbia, l’abbandono, la decadenza!

La Fortezza di Poenari tra la nebbia

romania-carpazi-fortezza- poenari-dracula
La fortezza di Poenari si intravede tra la nebbia dei Carpazi ©Viviana Biffani

E forse, non avevo tutti i torti. Di tutta la vacanza, quella nella valle del fiume Arges si è rivelata essere la giornata più emozionante, quasi che il Principe della Notte ci avesse tenuto d’occhio, pronto a regalarci un finale mozzafiato.

Eravamo in macchina già da qualche ora, attraversando strade tortuose inghiottite dai boschi, di per sé già bellissime, quando un tornante ci rivelava una vallata al tempo stesso magnifica e spettrale.

Ed eccola li, tra la nebbia, la Fortezza si ergeva immersa tra boschi e dirupi, inaccessibile, vetusta e portentosa. 

romania-carpazi-fortezza- poenari-dracula
Il fiume Raul Doamnei, o fiume della Principessa ©Viviana Biffani

Ai piedi della vallata, un corso d’acqua – affluente ‘sinistro’ del più imponente Arges –  quello che secondo la leggenda custodisce le spoglie mortali della consorte di Vlad, che nel 1462 si lanciò nel vuoto per sfuggire all’assedio nemico.

Da quel momento, il fiume viene chiamato Raul Doamnei – fiume della principessa.

La storia del Conte Vlad

romania-carpazi-fortezza- poenari-dracula
Le indicazioni per la Fortezza di Poenari ©Viviana Biffani

Ricostruiamo velocemente la storia del nostro caro, dannato principe. Secondo la tradizione, Vlad III di Valacchia Hagyak nasce a Sighisoara il 2 novembre del 1431.

E qui, iniziano le mie speculazioni pseudo intellettuali da appassionata del gotico. Il due novembre non è soltanto la giornata di commemorazione dei defunti per i cristiani, molti riti pagani si riferiscono alla notte del due novembre come il tempo in cui i morti resuscitano dalle loro tombe, per tornare a visitare le loro abitazioni terrene. Insomma, fate due più due.

Torniamo al nostro piccolo Vlad: secondo di quattro fratelli di una famiglia molto nobile e fedele all’Ordine del Dragone – una confraternita voluta dall’Imperatore Sigismondo per distruggere “l’eresia Hussita” e cercare di contenere l’offensiva dell’Impero Ottomano, che si faceva pericolosamente strada.

Nei suoi primi anni – apparentemente anche gli unici pacifici – Vlad fu istruito dai migliori precettori, imparando diverse lingue straniere, la geografia, le scienze e l’arte del combattimento.

Vlad in esilio dal Sultano

castello-dracula-foto-storica
Una foto storica del Castello di Dracula

A soli undici anni, finisce la pacchia. Vlad viene inviato, insieme ad uno dei fratelli, presso il Sultano Ottomano Murad II: i due bambini erano stati consegnati nelle fauci del nemico per garantire che Vlad Padre, contrariamente alle regole del suo Ordine, appoggiasse a testa bassa la politica ottomana.

L’esilio dura oltre sei anni, durante i quali i due fratelli vengono iniziati alla fede musulmana, approfondendo anche la conoscenza delle arti belliche.

Quando i ragazzi tornano a casa, scoprono che il padre ed il fratello maggiore sono stati assassinati da casate antagoniste, bramose di subentrare al comando della Valacchia. Insomma, il nostro Vlad sarà pure cresciuto violento e sanguinario, ma diciamo che la sua adolescenza non è stata proprio da romanzo rosa.

Inizia così il lungo, interminabile periodo di lotta per riconquistare il ruolo del padre, nel quale il nostro eroe vide tra i nemici più accaniti lo stesso fratello minore, che dopo la permanenza in terra ottomana, era diventato grande amico del Sultano, suo accanito sostenitore in ogni battaglia.

La leggenda di Vlad l’impalatore

Diciamo che in questi lunghi anni di battaglie senza regole e di alterne fortune, Vlad affinò una serie di strategie belliche alquanto atroci, tipo quella di impalare i nemici lasciandoli morire lentamente.

Giusto pochi giorni fa, un nostro amico rumeno ci ha raccontato che ancora oggi si racconta che, durante i periodi nel quale Vlad III era al comando, le fontane pubbliche avessero bicchieri d’oro a disposizione del popolo, che poteva utilizzarli per abbeverarsi.

romania-carpazi-dracula
Una statua raffigurante il Conte Dracula ©Viviana Biffani

Nessuno mai avrebbe immaginato di rubare quel prezioso suppellettile, per paura delle ripercussioni. Anni fa, lessi un articolo che riportava una delle frasi preferite del principe di Valacchia: senza terrore non c’è controllo. Possiamo dire che la democrazia non era in cima alle sue priorità.

Nella tradizione popolare però, questo personaggio fu stimato come strenuo difensore della Romania contro gli invasori.

Nel corso di quegli anni dissennati e violenti, il nostro eroe maledetto, adottò la Fortezza di Poenari – un castello che per decenni era stato abbandonato e totalmente in rovina – come dimora preferita.

Dalle sue alte mura, la moglie si gettò in quel lontano 1462, mentre Vlad trovava la fuga attraverso le montagne circostanti, grazie anche alla popolazione locale.

Con la morte del principe, nel 1476, il castello fu abbandonato definitivamente e cadde in una secolare rovina.

Un mistero che resterà inviolato

Ed eccoci qui, noi comuni mortali affascinati dal lato oscuro della forza, intenti ad arrampicarci per i 1.480 scalini che conducono alla fortezza. Circondati dalla nebbia, minacciati dagli orsi che vivono all’ombra di quelle foreste, alla stregua di silenziosi guardiani.

romania-carpazi-fortezza- poenari-dracula
Le vallate tra i monti Carpazi ©Viviana Biffani

In realtà, la sottoscritta se n’è rimasta a valle, con il naso all’insù. Il mio sguardo a volo d’angelo sulla vallata è stato possibile solo grazie al nostro inseparabile drone.

Il mio cuore non avrebbe retto a cotanta fatica, ma lo posso anche accettare: ci sono posti che devono rimanere isolati, quasi intatti, per mantenere quell’alone di mistero ed inviolabilità.

Essere arrivati fin laggiù, per poi non varcare le larghe mura della fortezza, è stata una piccola sconfitta, ma l’emozione di respirare la bruma di quei luoghi ed accarezzarne l’anima antica, hanno scosso qualcosa di atavico dentro di me.

La romantica quanto insensata fantasia che dietro al sanguinario Dracula, ci fosse un uomo profondamente innamorato e tormentato.

Testo e foto di Viviana Biffani|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

I nostri blogger in viaggio
Viviana Biffani

Sognatrice per vocazione, viaggiatrice per coincidenza. Racconta con sana ironia di spiagge, compromessi matrimoniali e onde oceaniche. Leggi i suoi racconti di viaggio.

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.