Forte di Bard la porta della Valle d’Aosta

Il forte di Bard: un castello costruito all’imbocco della Valle d’Aosta, che ospita mostre ed eventi: una tappa perfetta per chi viaggia verso le montagne. Testo di Stefano Ghetti

Forte di Bard Copyright (c) 2020 Enrico Pescantini/Shutterstock

Chi frequenta la Valle d’Aosta lo conosce bene: si scorge appena entrati in Valle d’Aosta (o subito prima di uscirne). È l’imponente Forte di Bard: il castello che costituisce la porta d’accesso alla regione, e che ospita numerose mostre e interessanti eventi.

Il Forte di Bard è davvero la tappa perfetta per spezzare un viaggio verso la Valle d’Aosta per chi parte dalla Pianura Padana: si raggiunge in un’ora e mezza di auto da Milano, in un’ora da Torino, in tre ore e mezza da Bologna. E da lì si impiega solo un’ora di auto per Cervinia o per Courmayeur, e tempi simili per le altre località turistiche della Valle d’Aosta. Una tappa assolutamente consigliata.

La storia del forte

Il Forte di Bard conserva una storia molto particolare: esisteva infatti sull’altura che domina l’imbocco della Valle d’Aosta, già dal Medioevo, un forte militare. Nel corso dei secoli fu ampliato con nuove architetture, che lo resero ancora più imponente, fino a che Napoleone lo rase al suolo nel primo ‘800.

Poche decine d’anni dopo venne riedificato completamente, e poi abbandonato. Ma nei primi anni 2000 un completo restauro l’ha riportato alla forma e allo splendore in cui si trova ora.

Il Polo museale

Al giorno d’oggi il Forte costituisce uno dei più importanti poli museali della regione: ospita infatti musei permanenti e mostre temporanee, oltre a numerosi eventi.

Tra i musei più interessanti va sicuramente menzionato il Museo delle Alpi: un percorso certamente significativo per immergersi nell’atmosfera delle montagne e nella cultura alpina.

Troviamo poi il percorso dedicato alle Prigioni, all’interno di uno degli ambienti del Forte – l’Opera Carlo Alberto – in cui i visitatori possono scoprire la storia dell’edificio e la sua evoluzione architettonica. Altri interessanti aree museali sono il Ferdinando – museo delle Fortificazioni e delle Frontiere, e Le Alpi dei Ragazzi

Le mostre dell’estate

Oltre ai musei, gli ambienti del Forte di Bard ospitano anche numerose mostre temporanee. Durante l’estate 2021 troviamo interessantissime esposizioni: una è la Wildlife Photographer of the year, che raccoglie i migliori scatti del concorso fotografico più importante al mondo. Ogni fotografia è corredata dall’interessante didascalia che fornisce spiegazioni riguardo lo scatto.

Un’altra interessante mostra di quest’estate è Il Monte Cervino: ricerca fotografica e scientifica; si tratta di un viaggio iconografico costituito da foto antiche e moderne tra gli ambienti glaciali della Valle d’Aosta, per osservarne i cambiamenti nel corso degli ultimi due secoli; il racconto fotografico si concentra in particolare sulla montagna più iconica del mondo: il Cervino.

Tra le altre mostre fotografiche in corso anche C’era una svolta. L’Italia attraverso 75 anni di immagini Ansa, e La memoria dell’Aosta.

Informazioni utili

Prezzi

Il biglietto base comprende l’ingresso al Forte e uno spazio espositivo a scelta, e costa 8€.

Per un biglietto cumulativo di ingresso e accesso alla mostra Il Monte Cervino, il biglietto costa 10€.

Per due spazi espositivi a scelta c’è la possibilità di acquistare un biglietto cumulativo al costo di 15€, mentre per il biglietto cumulativo di tutti i musei e tutte le mostre bisogna spendere 24€.

I giovani sotto i 18 anni e gli over 65 pagano un biglietto ridotto.

Come arrivare

Per chi viaggia in auto, il forte è facilmente raggiungibile dall’autostrada, uscendo a Point-Saint-Martin (per chi arriva da sud) o a Verrès (per chi arriva da nord).

Una valida alternativa è costituita dal treno: la stazione di Hône-Bard si trova a solo 600 metri dal Forte.

Consigliamo di considerare almeno mezza giornata (ma anche di più!) per visitare in modo completo il Forte.

Sito web

Testo di Stefano Ghetti|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.