Festival del viaggiatore in Veneto

L’appuntamento arrivato alla settimana edizione, il Festival del viaggiatore 2021 in programma dal 4 e che chiuderà il 26 settembre, abita i borghi e i località minori, presentato a Venezia-Lido, si concluderà a Asolo, passando per Bassano del Grappa, Maser, Possagno, Mussolente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Asolo-2007-CONVENTO-Aldo-Pavan-1024x683.jpg
Italy, Asolo, ex Convento di San Pietro – Aldo Pavan

Fuori!


Fuori! è la parola chiave del Festival che propone la scoperta del territorio veneto, attraverso una lettura inedita tra le sue eccellenze turistiche e culturali. Una proposta di viaggio slow che
invita ad uscire dalle rotte consuete, fuori dagli schemi e dai ritmi abituali, fuori
dalle costrizioni, e soprattutto liberamente fuori di casa, per riscoprire con sguardi nuovi la bellezza
e i segreti del Veneto. Una risposta al bisogno di uscire fuori dallo spazio virtuale del web,
rispondendo alla necessità di incontro e condivisione di esperienze fatte in prima persona, in luoghi
autentici.

Ogni tappa offre eventi e incontri con viaggiatori d’eccezione, rivelando ville, giardini,
barchesse e palazzi abitualmente chiusi, e spesso aperti per la prima volta, al pubblico,
talvolta sconosciuti anche a chi in questi luoghi ci vive.

IL festival e il turismo consapevole

Gli ospiti viaggiatori sono trasversali e provengono da diversi mondi: dall’arte al cinema, dallo sport alla letteratura, dal giornalismo all’impresa,dall’innovazione alla moda, dall’escursionismo al graphic design, dall’artigianato al mondo
scientifico, dalla musica all’universo variegato del web.

Il Festival si è affermato negli anni come una proposta che valorizza il turismo consapevole,
attraverso itinerari pensati sia per i viaggiatori “a lungo raggio” sia di prossimità, dimensione più che mai attuale, che porta l’attenzione verso mete vicine e al di fuori dalle rotte abituali, capace di offrire esperienze inedite.

Donne in primo piano

Donne in primo piano: no woman, no panel, senza donne non se ne parla
Il Festival è ideato da due donne, realizzato con uno staff prevalentemente al femminile, dalle giurie
al settore comunicazione: la maggior parte degli incontri ha come protagoniste donne portatrici
di valori fuori dal coro. Una scelta che riconosce nella creatività femminile risorse e visioni
capaci di dare sostanza all’esigenza di cambiamento costruttivo e fuori dai paradigmi dettati dalla società contemporanea e messa alle corde dallo shock della pandemia.

Il viaggio è iniziato 4 settembre dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia,
dove il Festival del Viaggiatore e il Premio Segafredo Zanetti sono stati presentati nello spazio
della Regione Veneto all’Hotel Excelsior e si concluderà a Asolo, borgo
tra le colline del Prosecco, luogo unico, cenacolo di artisti e rifugio di viaggiatori e personaggi
internazionali, da Eleonora Duse a Freya Stark, da Canova a Palladio, da Malipiero a Carlo
Scarpa.
Per maggiori approfondimenti sul Festival:
www.festivaldelviaggiatore.com

a cura di Teresa Scacchi

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.