Il Magico Paese di Natale si fa in quattro

Govone e la Residenza Reale Sabauda ospitano ormai da 15 anni una suggestiva kermesse natalizia. Fino al 19 dicembre 2021 teatro, musical, incontri, cooking show e mercatini. Per la prima volta Il Magico Paese di Natale valica i confini e coinvolge Asti e altre località con i mercatini, il presepe vivente e il paese sulla neve di Prato Nevoso. E intanto diventa l’occasione per visitare la bella mostra dedicata ai Macchiaioli, proprio ad Asti.

Il Magico Paese di Natale giunto alla sua 1uindicesima edizione si tiene nella Residenza Sabauda di Govone, da quest’anno diventa diffuso va a Asti, San damiano e Prato Nevoso

ll Castello di Govone per un mese diventa lo stato di Govonia e il piano terreno diventa la casa di Babbo Natale, con tanto di mamma, elfi, renne e uno spettacolo ogni anno diverso. Tutto questo realizzato dalla compagnia “Il teatro delle dieci” di Torino, guidata dal bravo regista teatrale Vincenzo Santagata.

Nella nuova edizione gli attori accolgono il pubblico di grandi e piccoli, incantandolo, con il racconto del cristallo scomparso. Gli spettacoli vengono replicati per decine di volte al giorno, 32 per l’esattezza, portando ogni week -end fino al 19 dicembre 2021 l’autentica magia delle feste.

Winnye, Vincenzo Santagata, conosciuto fin dalle prime edizioni, racconta: “Ogni anno costruire uno spettacolo nuovo è un lavoro che richiede fantasia e creatività, ma credo sinceramente che quello di quest’anno sia uno dei più riusciti di sempre. Ne sono molto soddisfatto, e ringrazio tutti gli attori che lavorano con noi per portare in scena questa piccola magia centinaia di volte nel corso dell‘evento”.

Lo spettacolo che si replica 32 volte al giorno nella casa di Babbo Natale, ogni anno diverso

Il Magico Paese di Natale di fa in 4

Dal 2007 Govone ospita il Magico Paese di Natale che negli anni è diventato una tra le principali attrazioni delle festività natalizie. Dopo un 2020 in cui la magia è arrivata sul web, ritorna come una festa diffusa, una manifestazione itinerante che coinvolge più territori. 

Al Castello di Govone, rimangono lo spettacolo, le mostre, l’intrattenimento, ad Asti il mercato più grande d’Europa, a San Damiano d’Asti un suggestivo presepe vivente e arriva fin sulla neve della stazione sciistica di Prato Nevoso.

Panoramica di Govone e il suo castello innevato

A casa Savoia

Il piccolo comune di Govone è ricco di storia. Fa parte della regione storica del Roero, al confine con la provincia astigiana, fra Alba ed Asti. Fu sede di villeggiatura dei Savoia nei primi decenni dell’Ottocento. A renderne il profilo riconoscibile tra le tante colline che caratterizzano la zona, è il Castello, maestoso e imponente dove, appena diciottenne, soggiornò nel 1730, il filosofo Jean-Jacques Rousseau.

Lì ci visse la scrittrice Carolina Invernizio, autrice di romanzi d’appendice tra l’800 e il ‘900. Nelle belle sale del castello è stata allestita un’interessante mostra di Casa Savaia che ne ripercorre la storia con qualche curiosità, come i manichini in vimini di de Chirico o le belle tapezzerie cinesi che raccontano la storia del tè e della seta.

Una delle stanze del primo piano della residenza reale di Govone con le tapezzerie cinesi originali che raccontano scene della racolta del tè, della seta e altro.

La seconda casa di Babbo Natale

Arrivato alla sua quindicesima edizione, nel magico paese nulla è scontato. La suggestione e l’autenticità sono il segno distintivo della manifestazione ideata e voluta dall’eclettico quanto visionario Pier Paolo Guelfo.

Instancabile, mantenendo di base il format originario, cambia e innova nel tempo, diventando un’importante occasione di crescita e conoscenza del territorio. E’ riconosciuta come la seconda casa di Babbo Natale , dopo quella di Rovaniemi in Lapponia.

Siamo davvero soddisfatti dell’andamento di questa quindicesima edizione del nostro evento, la prima con la formula diffusa: per noi è stata l’occasione per costruire un sistema territoriale che coinvolga il Piemonte, lanciandolo come destinazione turistica per le feste natalizie. Asti ci ha accolto con entusiasmo, e il mercatino sta ottenendo risultati anche superiori alle aspettative.

Al contempo a Govone la parte culturale attira ogni weekend migliaia di persone che amano l’atmosfera natalizia che questo piccolo ma meraviglioso borgo riesce a ricreare. E poi ci sono gli altri comuni, come San Damiano e Prato Nevoso, che completano l’offerta, permettendoci di soddisfare un pubblico molto più ampio degli scorsi anni” dice Pier Paolo Guelfo.

Magia diffusa

Il mercatino di Natale quest’anno pr la prima volta nel centro storico di Asti

Quest’anno per la prima volta il Magico Paese di Natale nelle Terre Unesco diventa diffuso. Oltre a Govone coinvolge Asti. E così dopo il lungo fermo dovuto alla pandemia delle manifestazioni più conosciute quali il Palio e il Festival delle Sagre, la  città ospita il prestigioso evento.

Le famose casette di legno, quasi un centinaio, sono state allestite a piazza Roma  e offrono eccellenze artigianali e enogastronomiche di diverse regioni italiane, decorazioni delle feste e idee per i regali natalizi.

Dopo un 2020 in cui la magia è arrivata solo sul web, ritorna come una festa diffusa, una manifestazione itinerante che coinvolge più territori.  Al Castello di Govone rimangono  spettacolo, le mostre, l’intrattenimento.

Ad Asti il mercato più grande d’Europa;  a San Damiano d’Asti un suggestivo presepe vivente per arrivare fin sulla neve della stazione sciistica di  Prato Nevoso.

I Macchioli e la Cripta

La cripta di sant’Anastasio

L’evento diviene ancora di più l’occasione per scoprire il territorio e le sue iniziative. Parlando d’arte, Asti a Palazzo Mazzetti ospita la bella mostra “I Macchioli. L’avventura dell’arte moderna”, 80 opere di autori più o meno noti e alcuni capolavori dell’800 che raccontano il movimento pittorico dalla nascita fino al tramonto (‘900 inoltrato).

Fattori, Signorini, De Nittis, Boldini.  Aperta fino al maggio 2022, la mostra è composta da 6 sezioni e una video installazione nei sotterranei. Sorprendente anche la Cripta di Sant’Anastasio

Nella classifica dei best

L’albero di Natale allestito a Casa Savoia con le palle originali con lo stemma del casato

Il Magico Paese di Natale è un evento molto amato e apprezzato. Infatti risulta all’undicesimo posto per i mercatini natalizi europei nella classifica dell’European Best Destinatios, e ha saputo trasformare il Piemonte nel luogo più natalizio d’Italia.

Un momento magico, ma anche con risvolti culturali, appoggiato da tanti partner che sempre più ci credono.

Le ricette delle feste

Ma il Piemonte è terra di vini e cibo eccellenti, come non approfittare per degustazioni e assaggi gourmand? Lo chef Diego Bongiovanni propone le ricette natalizie in modo giocoso e divertente con uno cooking show appassionante e spettacolare nello spazio incontro a Govone.

Prodotti eccellenti e ricette da chef si ritrovano nei Sentieri gastronomici

Per Informazioni: sul sito de Il Magico Paese di Natale

Testo di Teresa Scacchi, foto di Vanilda Podestà e Il Magico Paese di Natale|Riproduzione riservata ©Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.