Vinum Hotels Südtirol: vacanze autunnali col viticoltore

Esperienze autentiche nelle strutture del gruppo altoatesino: dalle degustazioni personalizzate ai corsi formativi, dalle visite guidate alle serate del vino

 “Vinum Hotels Südtirol” è un gruppo di 29 strutture, uniche ed esclusive, collocate nelle sette zone vinicole dell’Alto Adige, una terra particolarmente vocata per la produzione di grandi vini.

Una vacanza in questi hotel, tutti a conduzione familiare, diventa da subito un viaggio affascinante all’insegna di vino e gusto, antiche usanze e cibi tradizionali, cultura e stile di vita made in Alto Adige. In ogni struttura è sempre presente almeno un esperto, capace di guidare nelle degustazione dei migliori vini, altoatesini  ed internazionali, consigliarne i giusti abbinamenti con le singole pietanze e, nel contempo, raccontare la storia della viticoltura altoatesina. Sono anche in programma numerose attività culturali e di benessere.

Alla scoperta della viticoltura ed enologia altoatesina

Gli albergatori, tutti accomunati dalla grande passione per lo straordinario mondo del vino, prendono per mano gli ospiti e li portano alla scoperta dei vigneti, osservare e vivere da vicino le varie fasi della vinificazione e poi visitare le cantine dove invecchiano i vini più pregiati che poi potranno essere assaggiati e degustati.

In effetti una fra le cose più interessanti di una vacanza in queste strutture è l’incontro con viticoltori, sommelier ed enologi. Andiamo a conoscere alcune delle proposte di vacanze autunnali di questi hotel, alla scoperta della viticoltura altoatesina: esperienze uniche uniche in grado di coinvolgere tutti i sensi.

Con Franz Moser tra i vigneti

Iniziamo il percorso dal Seeleiten Lake Spa Hotel, un cinquestelle che si affaccia sul Lago di Caldaro. Il proprietario  Franz Moser, accompagna personalmente gli ospiti nelle degustazioni nella suggestiva cantina in pietra, la Tenuta Moser. Qui grazie a cure costanti e tecniche moderne e all’avanguardia, maturano vini molto interessanti. Con Franz Moser si va anche alla scoperta dei vigneti: dalla riva del lago di Caldaro, attraverso i vigneti e il bosco si raggiunge il vecchio maso per una tipica merenda altoatesina con vini direttamente dalla cantina.

Dal 2 al 24 ottobre 2022 si può scegliere il pacchetto “Vino Escursioni Wellness” comprensivo di quattro pernottamenti in mezza pensione, visita della cantina, degustazione di vini, tradizionale serata Törggelen, escursione guidata, buono benessere di 15 euro da utilizzare nella Spa. Il tutto a partire da 728 euro a persona.

Con Hansjörg Ganthaler nella vinoteca in argilla

Seconda tappa è all’Hotel Muchele, un piccolo gioiello di design, quattrostelle superior, che si trova a Postal, nella zona vinicola Merano. Anche in questo hotel il vino ha un ruolo da protagonista. Intanto è custodito nell’ “ufficio del capo”, cioè l’enoteca in argilla (foto sopra) che contiene oltre 600 etichette. Il “capo” in questione è Hansjörg Ganthaler, il titolare che gestisce l’hotel assieme alla moglie ed alle tre figlie. Nello staff ci sono anche cinque sommelier  che sanno sempre consigliare il vino giusto per  ogni piatto.

L’evento clou, in programma ogni settimana, è sicuramente la “degustazione sui generis” in cantina. Hansjörg Ganthaler, il patron di casa, accompagna i gruppi, massimo 15 persone per volta, alla scoperta dei vini della sua vinoteca, accompagnando ogni sorso con aneddoti e curiosità che rende il tutto ancora più interessante. Altro momento da non perdere è la “degustazione esperienziale” che si svolge nei vigneti vicini all’albergo, dove il vignaiolo Florian Klotz Pertoll illustra agli ospiti le varie fasi dalla coltivazione all’imbottigliamento.

Per tutto il prossimo mese di novembre, il Muchele strizza l’occhio alle donne in vacanza con il pacchetto “Viaggio autunnale tra amiche”. L’offerta comprende: tre pernottamenti in mezza pensione con prima colazione e dinner di cinque portate, un regalo sorpresa in suite e un aperitivo di benvenuto, un trattamento Beauty Flash di Anna Care (30 minuti). Il tutto a partire da 564 euro a persona.

Serate del vino con Rosmarie ed Elisabeth Pircher

Rimaniamo nella zona vinicola di Merano con l’Hotel Paradies, un trestelle Superior di Marlengo. La padrona di casa Rosmarie Pircher e la figlia Elisabeth, sommelier diplomata, organizzano per gli ospiti interessanti serate dedicate ai vini, alla loro storia e alla tradizione vinicola altoatesina. Madre e figlia condividono la stessa passione per il vino e l’enologia e, nel corso degli ultimi anni, si sono sempre più specializzate grazie a percorsi di formazione, visite personali, degustazioni e colloqui con vari viticoltori. Al Paradies si organizzano le “serate del vino”, cene speciali con cinque portate e altrettanti vini con enologi locali che svelano segreti e curiosità.

Dal 23 ottobre al 6 novembre 2022 si tiene la “Settimana del vino bianco” comprensiva di: sette pernottamenti in mezza pensione, una cena di gala, degustazioni giornaliera, uso gratuito del centro benessere, a partire da 685 euro a persona.

Corsi sul vino con Andreas Theiner

L’Hotel Schloss Plars Wine and Suites, un quattrostelle di Lagundo, è la quarta tappa del nostro tour. Il proprietario, Andreas Theiner, oltre ad essere vignaiolo e pure castellano. L’hotel sorge infatti in un antico maniero, con cantine storiche dall’atmosfera medievale e una terrazza da sogno.

Gli amanti del vino, possono partecipare a seminari, escursioni e degustazioni alla scoperta della grande enologia. Oltre alle classiche degustazioni, vengono organizzati corsi individuali sul vino. Workshop utili per apprendere tante informazioni interessanti sul lavoro nelle vigne e sulle tecniche di vinificazione, sulla viticoltura in Alto Adige con i vari tipi di vini e vitigni, sulle tecniche di degustazione e l’abbinamento alle pietanze.

Altra esperienza è “spirito di vino”, un incontro per presentare i “giovani ribelli” del panorama enologico altoatesino. Di fronte ad un ottimo calice di vino si vive un momento autentico, tra discorsi filosofici e incredibili storie di successi. Non mancano naturalmente le visite guidate ai vigneti e alla cantina. Le viti più antiche risalgono addirittura al 1911 e furono piantate dal nonno di Andreas, Franz Theiner. Gli appezzamenti portano nomi legati al territorio e danno origine a vini di carattere con un fruttato raffinato: Sauvignon, Pinot bianco, Schiava, Lagrein e Merlot.

I vini bianchi di Andreas Huber

Quinta ed ultima tappa da Andreas Huber, enologo e viticoltore. Andreas è anche il proprietario dell’Hotel Tenuta Pacherhof, un quattrostelle che si trova a Novacella nella zona vinicola Valle Isarco. La struttura si estende sui pendii, soleggiati e ventilati, sopra Bressanone, vicino alla nota abbazia. Il terreno ghiaioso-sabbioso e ricco di minerali e il microclima, caratterizzato da importanti escursioni termiche, danno vita a vini bianchi eleganti e di carattere. Müller Thurgau, Sylvaner, Kerner, Ruländer (Pinot Grigio), Grüner Veltliner, Riesling e Gewürztraminer, etichette che ogni anno ricevono riconoscimenti prestigiosi.

Andreas Huber accompagna personalmente gli ospiti tra i vigneti e in cantina, per visite e degustazioni personalizzate. La cantina (foto sopra) sorge tra antiche mura del 12° secolo. Qui i grappoli, delicatamente spremuti, vengono lasciati fermentare in grandi cisterne di acciaio inossidabile e, in parte, in botti di legno.

Testo di Tiziano Argazzi Riproduzione riservata ©Latitudeslife.com

Caro lettore,

Latitudes è una testata indipendente, gratis e accessibile a tutti. Ogni giorno produciamo articoli e foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro.

Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto. E con lo stesso coraggio che ormai da 10 anni ci rende orgogliosi di quello facciamo. Grazie.